Il Veneto che vogliamo

Disuguaglianze economiche, insicurezze sociali, dissesto ambientale, declino della sanità pubblica e della cultura: questa è l’eredità che il Veneto, la regione in cui viviamo, sta raccogliendo dai lunghi decenni di ininterrotta gestione forzaleghista.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Disu­gua­glian­ze eco­no­mi­che, insi­cu­rez­ze socia­li, dis­se­sto ambien­ta­le, decli­no del­la sani­tà pub­bli­ca e del­la cul­tu­ra: que­sta è l’eredità che il Vene­to, la regio­ne in cui vivia­mo, sta rac­co­glien­do dai lun­ghi decen­ni di inin­ter­rot­ta gestio­ne forzaleghista.

Un’era in cui non si è sapu­to né volu­to dire basta ad un’economia gri­gia e ini­qua, che da una par­te pro­du­ce dan­ni all’ambiente e alla salu­te, dall’altra ali­men­ta le disu­gua­glian­ze socia­li e fa cre­sce­re la pover­tà. Spin­gen­do ogni anno ad emi­gra­re dal Vene­to miglia­ia di per­so­ne, nel disin­te­res­se di chi pre­fe­ri­sce crea­re allar­me ver­so i migran­ti in ingres­so e addi­tar­li come respon­sa­bi­li di ogni male.

La poli­ti­ca deve rimet­te­re al cen­tro il rispet­to per quel­le per­so­ne, per l’ambiente e per i ter­ri­to­ri in cui abi­ta­no, facen­do un uso effi­cien­te, eti­co ed eco­lo­gi­ca­men­te soste­ni­bi­le del­le risor­se natu­ra­li e dei beni comu­ni, bat­ten­do­si per libe­ra­re il tes­su­to eco­no­mi­co dal­la cor­ru­zio­ne e dal­la cri­mi­na­li­tà orga­niz­za­ta.

Tut­to­ra in Vene­to si con­ti­nua a nega­re l’emer­gen­za cli­ma­ti­ca ed a mini­miz­za­re i rischi che com­por­ta per la sicu­rez­za del ter­ri­to­rio e la salu­te dei cit­ta­di­ni, nono­stan­te la regio­ne sia sem­pre più col­pi­ta da even­ti meteo­ro­lo­gi­ci estre­mi, come la tem­pe­sta Vaia o la recen­te “acqua gran­da” a Vene­zia e lagu­na, oltre che da con­ti­nui feno­me­ni di dis­se­sto idro­geo­lo­gi­co come fra­ne ed esondazioni.

All’e­mer­gen­za cli­ma­ti­ca si som­ma­no, nel met­te­re ulte­rior­men­te a rischio la salu­te dei cit­ta­di­ni e la qua­li­tà ambien­ta­le, un inqui­na­men­to atmo­sfe­ri­co fra i più ele­va­ti d’Europa e la pesan­te ere­di­tà di una cre­sci­ta eco­no­mi­ca velo­ce ed indi­scri­mi­na­ta. Lo smog rima­ne uno dei pro­ble­mi ambien­ta­li più gra­vi, per­si­sten­ti e dif­fu­si, e mie­te annual­men­te un ele­va­to nume­ro di vit­ti­me. Ciò nono­stan­te, nul­la è anco­ra sta­to mes­so con­cre­ta­men­te in cam­po per tra­sfor­ma­re il model­lo di mobi­li­tà pre­va­len­te per per­so­ne e mer­ci, ovve­ro il tra­spor­to pri­va­to su gomma.

L’inquinamento del­le acque da sostan­ze per­fluo­roal­chi­li­che (PFAS) ha inte­res­sa­to ampie por­zio­ni di ter­ri­to­rio e dan­neg­gia­to inte­re comu­ni­tà, tro­van­do tut­ta­via una clas­se diri­gen­te, tec­ni­ca e poli­ti­ca del­la regio­ne inca­pa­ce di appron­ta­re in tem­pi bre­vi solu­zio­ni per arre­sta­re defi­ni­ti­va­men­te gli sver­sa­men­ti nel­la rete idri­ca e por­ta­re acqua puli­ta nel­le zone con­ta­mi­na­te. Su que­sti e altri feno­me­ni di con­ta­mi­na­zio­ne dell’aria, dell’acqua e del suo­lo, per trop­po tem­po non si è “distur­ba­to il mano­vra­to­re” e non si sono poste rego­le chia­re e vin­co­lan­ti al fre­ne­ti­co svi­lup­po indu­stria­le che ha carat­te­riz­za­to la nostra regio­ne negli ulti­mi decenni.

Ana­lo­ga­men­te, la dif­fu­sa e disor­di­na­ta cre­sci­ta urba­ni­sti­ca ha per­mes­so a tan­ti di costrui­re la pro­pria casa dei sogni dove e come più pia­ce­va, al prez­zo di un incon­trol­la­to con­su­mo di suo­lo e di enor­mi costi pub­bli­ci in ter­mi­ni di orga­niz­za­zio­ne dei ser­vi­zi, di rea­liz­za­zio­ne del­la mobi­li­tà, di ricu­ci­tu­ra con la cam­pa­gna, la rura­li­tà, il ver­de, la biodiversità.

Il siste­ma socio-sani­ta­rio vene­to, così spes­so decla­ma­to come eccel­len­za, oltre a mostra­re vere e pro­prie fal­le orga­niz­za­ti­ve ha pro­gres­si­va­men­te ridot­to al mini­mo l’at­ti­vi­tà di pre­ven­zio­ne, dele­ga­to al pri­va­to un’ampia fet­ta del socia­le, devo­lu­to a ser­vi­zi coo­pe­ra­ti­vi alcu­ni set­to­ri di atti­vi­tà, in un assur­do gio­co al ribas­so qua­li­ta­ti­vo e con il solo fine di rispar­mia­re sui costi; un siste­ma sem­pre più pri­va­tiz­za­to e assog­get­ta­to alle logi­che del pro­ject finan­cing, con ingen­ti costi per la col­let­ti­vi­tà in cam­bio di ser­vi­zi sem­pre più distan­ti dai rea­li biso­gni di salu­te nei ter­ri­to­ri, dal­le esi­gen­ze del­le per­so­ne, dai rilie­vi epidemiologici.

Su que­sti e altri temi si arti­co­la l’appello de “Il Vene­to che voglia­mo”, un per­cor­so di ascol­to che si è svol­to negli ulti­mi mesi in giro per i ter­ri­to­ri del Vene­to, con l’obiettivo di crea­re una rete civi­ca regionale. 

Un per­cor­so da cui è par­ti­ta la pro­po­sta di orga­niz­za­re un pro­get­to poli­ti­co per le pros­si­me ele­zio­ni regio­na­li, attra­ver­so l’ela­bo­ra­zio­ne par­te­ci­pa­ta di un pro­gram­ma (a par­ti­re dai con­te­nu­ti dell’appello) e l’utilizzo di meto­di tra­spa­ren­ti che per­met­ta­no di pren­de­re le deci­sio­ni in modo col­let­ti­vo e condiviso.

Un per­cor­so aper­to a tut­te le per­so­ne che voglio­no con­tri­bui­re a costrui­re un Vene­to diver­so, met­ten­do in comu­ne le pro­prie espe­rien­ze e com­pe­ten­ze. Una rete plu­ra­le che ante­po­ne i con­te­nu­ti alle per­so­ne, sen­za annul­la­re le cul­tu­re ed appar­te­nen­ze poli­ti­che di chi vi pren­de par­te, ma rac­co­glien­do­le a fat­to­re comu­ne per met­ter­le a dispo­si­zio­ne di un pro­get­to col­let­ti­vo più grande.

È un tipo di per­cor­so in cui la comu­ni­tà poli­ti­ca di Pos­si­bi­le ha già avu­to modo di rico­no­scer­si in più occa­sio­ni, sia sul pia­no dei con­te­nu­ti che su quel­lo del meto­do. Cre­dia­mo che que­sta sia la miglio­re occa­sio­ne per ela­bo­ra­re un pro­get­to poli­ti­co inno­va­ti­vo, di ampio respi­ro e con un oriz­zon­te che pos­sa anda­re oltre il bre­ve termine.

Voglia­mo dare il nostro con­tri­bu­to a que­sto per­cor­so e fare la nostra par­te per costrui­re una pro­po­sta poli­ti­ca corag­gio­sa per le ele­zio­ni regio­na­li del­la pros­si­ma pri­ma­ve­ra. 

Per­tan­to, invi­tia­mo tut­te e tut­ti ad ade­ri­re all’appel­lo de “Il Vene­to che voglia­mo”, a par­te­ci­pa­re ai grup­pi di lavo­ro tema­ti­ci e alle assem­blee ter­ri­to­ria­li che si ter­ran­no nel­le pros­si­me set­ti­ma­ne in ogni provincia.

Per resta­re aggior­na­ti segui­te il sito o la pagi­na face­book

Coor­di­na­men­to Pos­si­bi­le Vene­to[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.