#AsiloPolitico: Minniti tiri fuori i dati sull’accoglienza

I dati sulle presenze nei centri di accoglienza sono spariti da quattro mesi: si tratta di dati fondamentali per la trasparenza di tutto il sistema

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1504603066920{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Oggi Il Fat­to Quo­ti­dia­no (come d’al­tra par­te qua­si tut­to il resto del­la stam­pa tut­ti i gior­ni) esal­ta anco­ra una vol­ta il pro­ta­go­ni­smo, la fer­mez­za e i risul­ta­ti rag­giun­ti dal mini­stro del­l’In­ter­no, Mar­co Min­ni­ti.

Abbia­mo più vol­te posto l’at­ten­zio­ne sul­la neces­si­tà di garan­ti­re i dirit­ti uma­ni pri­ma di tut­to: esul­ta­re per la dimi­nu­zio­ne degli sbar­chi in Ita­lia sen­za inter­ro­gar­si sul desti­no del­le per­so­ne rim­pa­tria­te in Libia e nel­le mani di delin­quen­ti e traf­fi­can­ti di uomi­ni è ipo­cri­ta e ver­go­gno­so. Cer­to, illu­de­re­mo gli ita­lia­ni che si sen­to­no meno sicu­ri di aver risol­to tut­ti i loro pro­ble­mi bloc­can­do gli sbar­chi, mentre cor­ru­zio­ne, mafia, malaf­fa­re, eva­sio­ne ed elu­sio­ne fisca­le con­ti­nue­ran­no a imper­ver­sa­re e crea­re situa­zio­ni di con­cre­tis­si­ma fra­gi­li­tà socia­le. Ma il nemi­co e la minac­cia alla “tenu­ta socia­le” (Min­ni­ti dixit) del pae­se sono gli immi­gra­ti, non i mafio­si.

Non sia­mo qui, però, per la soli­ta tira­ta mora­li­sta. Come Tra­va­glio e Min­ni­ti sia­mo aman­ti del rigo­re, soprat­tut­to se paria­mo del­le cose pub­bli­che, e allo­ra tro­via­mo dav­ve­ro inspie­ga­bi­le che né uno né l’al­tro ci dia­no ret­ta su una denun­cia che por­tia­mo avan­ti da qua­si quat­tro mesi, e cioè da quan­do ci sia­mo accor­ti che il Vimi­na­le ha rimos­so dal pro­prio sito i dati che, mese per mese, moni­to­ra­va­no le pre­sen­ze di richie­den­ti asi­lo e tito­la­ri di pro­te­zio­ne nei cen­tri di acco­glien­za, sud­di­vi­den­do­li per regio­ne ma soprat­tut­to per “moda­li­tà” di acco­glien­za. In sol­do­ni, sape­va­mo quan­te per­so­ne era­no nei cen­tri straor­di­na­ri (Cas) e quan­ti nel siste­ma isti­tu­zio­na­le e “non straor­di­na­rio” (Sprar). 

E’ così impor­tan­te saper­lo? Sì, è così impor­tan­te. E’ impor­tan­te per­ché coo­pe­ra­ti­ve, enti, asso­cia­zio­ni, alber­ga­to­ri, e tut­ti quei sog­get­ti che par­te­ci­pa­no all’ac­co­glien­za rice­ven­do finan­zia­men­ti pub­bli­ci e che han­no inten­zio­ne di lucra­re inde­bi­ta­men­te (gesten­do gran­di nume­ri, in gran­di cen­tri, non offren­do ser­vi­zi all’al­tez­za) si col­lo­ca­no nel­l’u­ni­ver­so dei Cas, un mag­ma di cen­tri che spes­so nascon­de, tra casi di eccel­len­za, nume­ro­si appro­fit­ta­to­ri. Lo Sprar offre inve­ce garan­zie mol­to più ele­va­te, sia dal pun­to di vista del­la ren­di­con­ta­zio­ne eco­no­mi­ca, sia in ter­mi­ni di inclu­sio­ne socia­le, che poi dovreb­be esse­re il nostro vero obiettivo.

I Cas, quat­tro mesi fa, era­no l’80% del tota­le. Sono let­te­ral­men­te esplo­si a par­ti­re dal 2014, men­tre sia il gover­no Ren­zi (Alfa­no all’In­ter­no) che il gover­no Gen­ti­lo­ni (Min­ni­ti all’In­ter­no) sta­va­no a guar­da­re, dan­do ricet­te di destra e con­tra­rie al dirit­to inter­na­zio­na­le (respin­ge­re i migran­ti in Libia) inve­ce che ricet­te di sini­stra e tra­spa­ren­ti (favo­ri­re per­cor­si di inclu­sio­ne socia­le attra­ver­so un siste­ma rigo­ro­so di accoglienza).

Abbia­mo depo­si­ta­to un’in­ter­ro­ga­zio­ne par­la­men­ta­re e abbia­mo chie­sto in ogni dove di ren­de­re nuo­va­men­te pub­bli­ci que­sti dati. Al momen­to non è giun­ta alcu­na rispo­sta. Non dispe­ria­mo, però. Anzi, sia­mo sicu­ri che Il Fat­to Quo­ti­dia­no chie­de­rà tra­spa­ren­za, ordi­ne e rigo­re come stia­mo facen­do noi da mesi. E sia­mo sicu­ri che Mar­co Min­ni­ti si ado­pe­re­rà da subi­to per ripri­sti­na­re tra­spa­ren­za, ordi­ne e rigo­re, appun­to.

Nel frat­tem­po, con­ti­nuia­mo a chie­de­re i dati. L’ha­sh­tag è #asi­lo­po­li­ti­co.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.