Alluvioni dopo gli incendi: l’allarme e le proposte

I violentissimi incendi che per mesi hanno sconvolto e reso ancor più fragile la provincia di Frosinone, già notoriamente interessata da numerosissime frane.

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1504682925695{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]I vio­len­tis­si­mi incen­di che per mesi han­no scon­vol­to la pro­vin­cia di Fro­si­no­ne col­pen­do Erni­ci, Lepi­ni, Aurun­ci, Auso­ni, deva­stan­do le cam­pa­gne di deci­ne di comu­ni, sfio­ran­do dram­ma­ti­ca­men­te le case di diver­si cen­tri da nord a sud come Acu­to, Ser­ro­ne, Moro­lo, Sgur­go­la, San Gio­van­ni Inca­ri­co, Cai­ra han­no ulte­rior­men­te accre­sciu­to la peri­co­lo­si­tà geo­lo­gi­co-idrau­li­ca nel ter­ri­to­rio del­la pro­vin­cia di Fro­si­no­ne, già noto­ria­men­te inte­res­sa­to da nume­ro­sis­si­me fra­ne.

Non c’è tem­po da per­de­re: spen­ti gli incen­di la sta­gio­ne autun­na­le ci pone di fron­te alla bom­ba ad oro­lo­ge­ria “dis­se­sto idro­geo­lo­gi­co” in un ter­ri­to­rio geo­mor­fo­lo­gi­ca­men­te insta­bi­le e poco atten­to all’u­so del suo­lo. L’azione pato­lo­gi­ca e cri­mi­na­le dei roghi di que­sti mesi, nel­la sua ope­ra distrut­ti­va del­la bio­di­ver­si­tà, ha can­cel­la­to ogni trac­cia di vege­ta­zio­ne in etta­ri del­le nostre mon­ta­gne e del­le nostre col­li­ne. Non solo, que­ste vere e pro­prie for­na­ci a cie­lo aper­to, distrug­gen­do albe­ri e arbu­sti, han­no ridot­to la capa­ci­tà dei pri­mi metri di ter­re­no di resi­ste­re alla gra­vi­tà e all’a­zio­ne del­le piog­ge. Sta pro­prio qui uno dei temi su cui le ammi­ni­stra­zio­ni comu­na­li tut­te, la Pro­vin­cia e la Regio­ne deb­bo­no atti­var­si per moni­to­ra­re la situa­zio­ne e agi­re tem­pe­sti­va­men­te: non c’è tem­po da per­de­re, la cene­re accu­mu­la­ta in super­fi­cie, ren­den­do imper­mea­bi­le il ter­re­no, non per­met­te il dre­nag­gio del­le piog­ge di un vio­len­to tem­po­ra­le o di un nubi­fra­gio (che in que­sto week end si sono già affac­cia­te), favo­ren­do, al con­tra­rio, lo scor­ri­men­to super­fi­cia­le del­le acque pio­va­ne. Acque pio­va­ne che, in man­can­za dell’azione di anco­rag­gio al suo­lo eser­ci­ta­ta dal­le radi­ci del­le pian­te, non tro­van­do alcu­na oppo­si­zio­ne, assu­mo­no velo­ci­tà di ruscel­la­men­to ver­so val­le e capa­ci­tà ero­si­va mol­to ele­va­te. Si inne­sca­no, per­tan­to, movi­men­ti fra­no­si e cola­te di fan­go che tra­sci­na­no a val­le roc­ce, tron­chi e per­si­no even­tua­li rifiu­ti ingom­bran­ti (elet­tro­do­me­sti­ci, pneu­ma­ti­ci,…) che diven­ta­no veri e pro­pri pro­iet­ti­li su cose e per­so­ne.

Sul­la mate­ria esi­ste ampia let­te­ra­tu­ra scien­ti­fi­ca: in mol­ti casi le zone deva­sta­te da gran­di incen­di han­no poi dovu­to fare i con­ti, duran­te la sta­gio­ne del­le piog­ge, con feno­me­ni fra­no­si e allu­vio­na­li. Per resta­re in Ita­lia, Sar­no e più recen­te­men­te il Gar­ga­no, han­no subi­to effet­ti ampli­fi­ca­ti nel­le aree pre­ce­den­te­men­te per­cor­se da incen­di estivi.

Non pos­sia­mo per­met­ter­ci sot­to­va­lu­ta­zio­ni e ritar­di come per esem­pio nel caso dei cana­li di sco­lo a Cai­ra, a pochi pas­si dall’arso Mon­te Cai­ro, che dovreb­be­ro esse­re libe­ris­si­mi, e che inve­ce non sono manutenuti.

Auspi­chia­mo che ogni comu­ne col­pi­to da incen­dio discu­ta un pia­no di attua­zio­ne imme­dia­to che, sug­ge­ria­mo, pas­si alme­no per il moni­to­rag­gio del­la peri­co­lo­si­tà di tut­ti i fos­si inte­res­sa­ti dagli incen­di, la valu­ta­zio­ne del­l’op­por­tu­ni­tà di crea­re del­le pic­co­le dighe a pro­te­zio­ne del­le cola­te di fan­go, la crea­zio­ne di ter­raz­za­men­ti. Auspi­chia­mo che si pro­ce­da al più pre­sto con nuo­ve pian­tu­ma­zio­ni, dove la vege­ta­zio­ne non doves­se attec­chi­re nuo­va­men­te in tem­pi rapi­di. Biso­gne­rà atti­va­re fon­di a livel­lo regio­na­le ma anche a livel­lo di Mini­ste­ro del­l’Am­bien­te, vista la vera e pro­pria emer­gen­za che stia­mo attra­ver­san­do. E che si sospen­da la cac­cia ad ani­ma­li già pro­va­ti e sfi­ni­ti.

I Comi­ta­ti Pos­si­bi­le del­la Pro­vin­cia di Fro­si­no­ne[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.