Un editto contro l’archeologa che tutela Capocolonna?

Una querela e una sorta di editto contro Margherita Corrado, l'archeologa in prima fila nelle denunce a tutela di Capocolonna

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1504537755144{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Mar­ghe­ri­ta Cor­ra­do è l’archeologa che ha denun­cia­to, con capar­bie­tà e com­pe­ten­za, lo scem­pio edi­li­zio di Pun­ta Sci­fo, uno degli ulti­mi ango­li incon­ta­mi­na­ti del­la Cala­bria. Dal­le sue mani e dal­la sua voce sono par­ti­ti gli espo­sti, gli acces­si agli atti e altre ini­zia­ti­ve di una bat­ta­glia civi­le che abbia­mo segui­to e sup­por­ta­to con ogni mez­zo a dispo­si­zio­ne, isti­tu­zio­na­le e non solo. Fino al sopral­luo­go di Pip­po Civa­ti a Capo­co­lon­na, duran­te il qua­le il Segre­ta­rio di Pos­si­bi­le ha rin­no­va­to l’invito al Mini­stro Fran­ce­schi­ni a visi­ta­re il Laci­nio, per pro­gram­mar­ne un pia­no di recu­pe­ro e valorizzazione.

Sem­bra­va ci fos­se un sigil­lo su quel­lo scem­pio a dan­no di sto­ria e pae­sag­gio, cioè sem­bra­va potes­se basta­re quel­lo del­la Pro­cu­ra del­la Repub­bli­ca di Cro­to­ne che nel mese di giu­gno ha anche chiu­so le inda­gi­ni a cari­co di sei per­so­ne. Tra que­sti, oltre agli impren­di­to­ri, agli ammi­ni­stra­to­ri, anche Mario Paga­no, il soprin­ten­den­te del­la Cala­bria inda­ga­to per fal­so ideo­lo­gi­co in atto pub­bli­co per aver comu­ni­ca­to al Mini­ste­ro (per soste­ne­re l’ineluttabilità dell’abuso per­pe­tra­to) che tut­ti i bun­ga­low era­no già sta­ti rea­liz­za­ti, men­tre in real­tà uno solo è sta­to costrui­to par­zial­men­te qua­le ripa­ro per gli attrez­zi del can­tie­re. Lo stes­so che la scor­sa set­ti­ma­na, insie­me alla sot­to­se­gre­ta­ria Dori­na Bian­chi, ha inau­gu­ra­to l’ufficio del­la Soprin­ten­den­za a Cro­to­ne, rima­nen­do quin­di ben sal­do al suo posto e che del suo posto, appun­to, muo­ve ven­det­ta con­tro chi ha osa­to difen­de­re il patri­mo­nio pub­bli­co da azio­ni e omis­sio­ni che avreb­be­ro dovu­to detur­par­lo definitivamente.

Il sovrin­ten­den­te, infat­ti, non solo ha que­re­la­to l’archeologa Cor­ra­do per dif­fa­ma­zio­ne, ma, come rac­con­ta il Cor­rie­re del­la Cala­bria oggi, avreb­be emes­so una sor­ta di edit­to, diret­to a tut­ti i tec­ni­ci del­la Soprin­ten­den­za e ai fun­zio­na­ri archeo­lo­gi­ci, per ren­der­la incom­pa­ti­bi­le con qual­sia­si lavo­ro la cui vigi­lan­za spet­ti agli uffi­ci cosentini.

Una vera e pro­pria ritor­sio­ne, che deplo­ria­mo, nei con­fron­ti di una pro­fes­sio­ni­sta e cit­ta­di­na di alto valo­re mora­le. Ave­va­mo pro­mes­so che su Sci­fo e su tut­ta l’area di Capo­co­lon­na sarem­mo rima­sti vigi­li e ugual­men­te non lasce­re­mo sola Mar­ghe­ri­ta Corrado.

Non pos­sia­mo che inter­ro­ga­re nuo­va­men­te il gover­no, per fare chia­rez­za sul­la que­stio­ne, e per tute­la­re chi si schie­ra sen­za pau­ra a tute­la del patri­mo­nio di tut­ti, con­tro gli inte­res­si ille­git­ti­mi di pochi.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.