Il pagamento in natura dei magistrati onorari

«È grave, ma non è serio». Parliamo ancora del decreto legislativo che completa l’attuazione della legge delega di riforma della magistratura onoraria
magistrati-onorari

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1504443300727{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Ci risia­mo. «È gra­ve, ma non è serio». Si trat­ta del decre­to legi­sla­ti­vo che com­ple­ta l’attuazione del­la leg­ge dele­ga di rifor­ma del­la magi­stra­tu­ra ono­ra­ria (appro­va­ta nel­la pri­ma­ve­ra del 2016 dal Par­la­men­to, che ha rati­fi­ca­to un dise­gno di leg­ge gover­na­ti­vo). L’art. 26 prov­ve­de sul regi­me fisca­le, sta­bi­len­do che i magi­stra­ti ono­ra­ri sono lavo­ra­to­ri auto­no­mi (l’intera disci­pli­na dice il con­tra­rio, ma in que­sta pun­ta­ta par­lia­mo d’altro). Per­ciò — pre­ve­de il Gover­no — i loro red­di­ti «sono costi­tui­ti dall’ammontare del­le inden­ni­tà in dena­ro o in natu­ra per­ce­pi­te nel perio­do d’imposta». Sta scrit­to in Gaz­zet­ta Uffi­cia­le, non è una del­le tan­te fake news che ci distrag­go­no in que­sti gior­ni: lo Sta­to può paga­re in natu­ra i magi­stra­ti ono­ra­ri, come denun­cia­to dal Movi­men­to Sei Luglio sul­la “Stam­pa”. Pre­sta­zio­ne di dare o di fare? Aspet­tia­mo la solu­zio­ne dell’enigma dal mini­stro Orlan­do, che tan­to ha volu­to que­sta rifor­ma e tan­to se n’è vantato.

Sia chia­ro. Que­sto è solo uno degli stra­fal­cio­ni del decre­to entra­to in vigo­re il 15 ago­sto. Poi c’è anche l’articolo che rin­via a com­mi ine­si­sten­ti. Ti met­ti a stu­dia­re con pazien­za le ecce­zio­ni (ma ci vor­reb­be un algo­rit­mo per capi­re quan­do ricor­ro­no le con­di­zio­ni) e due arti­co­li dopo sco­pri che ci sono anche le ecce­zio­ni alle ecce­zio­ni. Lo stes­so legi­sla­to­re si è stan­ca­to a un cer­to pun­to (o si è per­so tra i com­mi?). Essen­do­si chie­sto qua­le regi­me appli­ca­re ad alcu­ne situa­zio­ni par­ti­co­la­ri, ha pro­va­to a rispon­der­si, ma solo in par­te, così, dove non si è dato la rispo­sta, essen­do pos­si­bi­li solu­zio­ni diver­se, suben­tre­rà la crea­ti­vi­tà di chi la leg­ge dovrà appli­car­la. Dicia­mo che la lega­li­tà è un’altra cosa.

Va det­to che il decre­to, però, ha com­piu­to anche miracoli.

Miracolo/1. Con­ce­de il trat­ta­men­to pre­vi­den­zia­le, sen­za one­ri per le finan­ze pubbliche.

Miracolo/2. Ha tra­sfe­ri­to – si sti­ma – il 30 per cen­to del con­ten­zio­so civi­le dei tri­bu­na­li alla magi­stra­tu­ra ono­ra­ria in via esclu­si­va (all’ufficio del giu­di­ce di pace in par­ti­co­la­re). Trat­ta­te dal tri­bu­na­le quel­le cau­se costi­tui­va­no atti­vi­tà lavo­ra­ti­va. Ades­so, d’improvviso, non lo sono più, e a chi trat­ta quel­le cau­se, in quan­to magi­stra­to ono­ra­rio, non spet­ta­no le garan­zie tipi­che dei lavoratori.

Sic­co­me ha com­piu­to il miracolo/2, sba­glian­do i cal­co­li, il Gover­no sti­ma che in tri­bu­na­le ci sarà meno biso­gno di giu­di­ci ono­ra­ri che fac­cia­no ciò che spet­ta ai giu­di­ci di car­rie­ra. Per­ciò li man­tie­ne, li con­ti­nua a chia­ma­re giu­di­ci, ma affi­da loro un altro tipo di lavo­ro (col­la­bo­ra­to­re del giu­di­ce del tri­bu­na­le, figu­ra di per sé digni­to­sis­si­ma, simi­le, per dire, a quel­la che assi­ste i giu­di­ci del­la Cor­te di Giu­sti­zia Euro­pea o del­la Cor­te Costi­tu­zio­na­le), ma cer­can­do di far­li entra­re nel­la for­mi­na dell’onorarietà, che è quel­la sba­glia­ta. Così anche la digni­tà di que­sta fun­zio­ne vie­ne can­cel­la­ta, per­ché si crea una nuo­va figu­ra di lavo­ra­to­ri pre­ca­ri, chia­ma­ti giu­di­ci non essen­do tali, e trat­ta­ti, dove è uti­le alle cas­se del­lo Sta­to, come lavo­ra­to­ri auto­no­mi. Il col­mo è che, da una par­te, si diven­ta col­la­bo­ra­to­ri dei giu­di­ci del tri­bu­na­le per meri­to, dall’altra si vie­ne paga­ti di meno che a fare dav­ve­ro i giu­di­ci ono­ra­ri (pres­so l’ufficio del giu­di­ce di pace).

Un legi­sla­to­re lun­gi­mi­ran­te che pre­ve­de per­fi­no un nuo­vo uffi­cio, con fun­zio­ne di pan­chi­na (ma a tem­po deter­mi­na­to, ça va sans dire). Si trat­ta degli ammes­si al tiro­ci­nio che lavo­ra­no gra­tis per sei mesi e se supe­ra­no le pro­ve a cui sono sot­to­po­sti, sono nomi­na­ti, ma in sovran­nu­me­ro rispet­to ai posti a con­cor­so (la gra­dua­to­ria ha un’efficacia nel tem­po limi­ta­ta: due anni).

Un legi­sla­to­re così lun­gi­mi­ran­te che la mag­gior par­te del­le nor­me tro­ve­rà appli­ca­zio­ne tra quat­tro anni (alcu­ne addi­rit­tu­ra nel 2025). A pen­sa­re male il rin­vio dell’applicazione è uti­le a non fare acca­de­re gli effet­ti nefa­sti del­la nuo­va disci­pli­na men­tre lui stes­so è anco­ra legislatore.

Il decre­to, va det­to una vol­ta per tut­te, è un ten­ta­ti­vo di truf­fa alla Com­mis­sio­ne Euro­pea che ha già chiu­so nega­ti­va­men­te il caso EU-PILOT 7779/15/EMPL nei con­fron­ti dell’Italia in meri­to alla com­pa­ti­bi­li­tà con il dirit­to UE del­la disci­pli­na nazio­na­le rela­ti­va al ser­vi­zio pre­sta­to dai magi­stra­ti ono­ra­ri. Per non paga­re la mul­ta il mini­stro Orlan­do ha scrit­to un decre­to per fare appa­ri­re di ave­re supe­ra­to i rilie­vi for­mu­la­ti in sede europea.

I magi­stra­ti ono­ra­ri non voglio­no che l’Italia paghi la mul­ta, ma voglio­no che si met­ta a posto con la nor­ma­ti­va euro­pea e con la stes­sa Costi­tu­zio­ne, con cui, que­sto decre­to, non ha nien­te a che fare. Se lo faces­se, allo­ra ne bene­fi­ce­reb­be anche il ser­vi­zio giu­sti­zia. Che, per il mini­stro Orlan­do, evi­den­te­men­te, è solo un aspet­to secondario.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.