Al circo del referendum “padano” manca l’attrazione principale

Siamo alla battaglia decisiva, alla quale i leghisti tutti dovrebbero partecipare con lo stesso ardore di Alberto da Giussano, e invece no.

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1506936903899{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]«Lega Nord per l’in­di­pen­den­za del­la Pada­nia». Si chia­ma così il par­ti­to gui­da­to da Mat­teo Sal­vi­ni, che non a caso ripor­ta la stes­sa dici­tu­ra (“Pada­nia”, alter­na­ta a “Sal­vi­ni” a secon­da del­le occa­sio­ni) nel suo sim­bo­lo, dove cam­peg­gia anche una raf­fi­gu­ra­zio­ne di Alber­to da Gius­sa­no (che in real­tà sareb­be il “Guer­rie­ro di Legna­no”), figu­ra leg­gen­da­ria che gui­dò la Lega Lom­bar­da nel­lo scon­tro di Legna­no con­tro Fede­ri­co Barbarossa.

E infat­ti la Lega Nord è nata così, come par­ti­to ter­ri­to­ria­le. “Sin­da­ca­to del Nord”, si dice­va ai tem­pi. Col fine di libe­ra­re il nord Ita­lia (la mito­lo­gi­ca “Pada­nia”, appun­to) dal gio­go roma­no. Qui in pro­vin­cia di Vare­se cam­peg­gia­va­no ovun­que, fino a non mol­to tem­po fa, mani­fe­sti con gal­li­ne pada­ne che fan­no uova d’o­ro che cado­no nei mor­bi­di panie­ri roma­ni, o i clas­si­ci slo­gan, da “Roma ladro­na” a “Più lon­ta­ni da Roma, più vici­ni a te”. Una vera e pro­pria ideo­lo­gia, fat­ta di imma­gi­ni, slo­gan, rife­ri­men­ti epi­ci e riti ance­stra­li (ve la ricor­da­te l’am­pol­la con l’ac­qua del Po?).

Ora sia­mo arri­va­ti alla bat­ta­glia deci­si­va (che non è vero, per i moti­vi che abbia­mo già spie­ga­to), alla qua­le i leghi­sti tut­ti dovreb­be­ro par­te­ci­pa­re con lo stes­so ardo­re di Alber­to da Gius­sa­no, e cioè quel­lo che vie­ne defi­ni­to da Rober­to Maro­ni, gover­na­to­re del­la Lom­bar­dia, e Luca Zaia, gover­na­to­re del Vene­to, “Refe­ren­dum per l’au­to­no­mia”. Un refe­ren­dum far­sa, dagli inten­ti ple­bi­sci­ta­ri (e quin­di non demo­cra­ti­ci). Per tira­re la vola­ta alle regio­na­li del 2018 a chi, nel 2013, ha vin­to soste­nen­do che avreb­be trat­te­nu­to il 75% del­le tas­se in Lom­bar­dia, ma che non è nem­me­no riu­sci­to a comin­cia­re il per­cor­so per una mag­gio­re auto­no­mia così come deli­nea­to dal­la Costi­tu­zio­ne, e per il qua­le ha indet­to un refe­ren­dum non richie­sto, non neces­sa­rio, inu­ti­le e che ver­rà uti­liz­za­to elet­to­ral­men­te.

In tut­to que­sto cir­co, man­ca l’at­tra­zio­ne prin­ci­pa­le, quel­la che una vol­ta indos­sa­va la fel­pa “Pada­nia” (o “Pada­nia is not Ita­ly”), lascia­ta ora a pren­de­re pol­ve­re in un cas­set­to. E’ imba­raz­zan­te che il segre­ta­rio di un par­ti­to nato con l’o­biet­ti­vo di otte­ne­re l’in­di­pen­den­za del­la Pada­nia non pro­fe­ri­sca paro­la rispet­to a un refe­ren­dum volu­to da gover­na­to­ri del suo par­ti­to e che, pur non poten­do par­la­re di indi­pen­den­za, una spruz­za­ta di fin­to auto­no­mi­smo la contiene.

Ma i tem­pi cam­bia­no, e se pri­ma i nemi­ci era­no i ter­ro­ni, ora i nemi­ci sono i negri. E se pri­ma l’in­di­pen­den­za dove­va esse­re quel­la del­la Pada­nia, ora è il sovra­ni­smo nazio­na­li­sta a tor­na­re di moda. Sem­pre di muri si trat­ta, che col tem­po esplo­do­no con tut­te le loro con­trad­di­zio­ni.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?

In Sardegna il 25 febbraio scegli Alleanza Verdi Sinistra e Possibile

L’Al­lean­za Ver­di Sini­stra, che uni­sce Pos­si­bi­le, Euro­pa Ver­de — Ver­di, Sini­stra Ita­lia­na e Sini­stra sar­da ha scel­to di far par­te del­la coa­li­zio­ne del cen­tro­si­ni­stra che sostie­ne Ales­san­dra Tod­de: insie­me, nei mesi scor­si, ci sia­mo incon­tra­ti e incon­tra­te per met­te­re a pun­to un’i­dea di gover­no che non mira solo a bat­te­re le destre, ma vuol dare una rispo­sta alla nostra Isola.