Cari padani, ci eravamo tanto sbagliati

Stavano per imbracciare le armi ma si erano sbagliati tutti, scusateli: «Mi sembra chiaro a tutti che l’assetto migliore per il Paese sia quello federale. Insomma, non ci sono nostalgie per la Padania», spiega oggi Matteo Salvini

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1507020028576{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]La Pada­nia è un ter­ri­to­rio mito­lo­gi­co dai con­fi­ni inde­fi­ni­ti e inde­fi­ni­bi­li. A nord, non ci sono dub­bi, ci sono le Alpi. A sud, inve­ce, il con­fi­ne pada­no è varia­to negli anni, pas­san­do dal Po (esclu­den­do un bel pez­zo di Pie­mon­te e pez­zi di Lom­bar­dia, che si tro­va­no a sud del sacro fiu­me), fino al con­fi­ne tra Tosca­na e Lazio. Negli anni ’90 la Lega Nord per l’indipendenza del­la Pada­nia (nome com­ple­to anche dell’attuale Lega di Sal­vi­ni) arri­vò a dichia­ra­re l’indipendenza (appun­to) di que­sto fan­to­ma­ti­co ter­ri­to­rio e a eleg­ge­re un ancor più fan­to­ma­ti­co “Par­la­men­to del­la Pada­nia” (o “Par­la­men­to del Nord”). Era il 1997, Mat­teo Sal­vi­ni si can­di­da­va con i “Comu­ni­sti pada­ni”. La Pada­nia può con­ta­re anche su una nazio­na­le di cal­cio, che par­te­ci­pa ai cam­pio­na­ti del­le nazio­ni non rico­no­sciu­te, insie­me a “Oltre­pò” (ter­ri­to­rio lom­bar­do a sud del Po) e “Sud­ti­ro­lo”, in un evi­den­te cor­to­cir­cui­to indipendentista.

Più vol­te, negli anni ’90, la Lega invo­cò addi­rit­tu­ra le armi («La Lega avan­ze­rà, baio­net­te in can­na, pae­se per pae­se, vil­lag­gio per vil­lag­gio» resta tra i più bei costrut­ti reto­ri­ci di Umber­to Bos­si). L’ul­ti­ma tro­va­ta — cor­re­va l’an­no 2013 — fu la «macro­re­gio­ne».

Ecco, sta­va­no per imbrac­cia­re le armi ma si era­no sba­glia­ti tut­ti, scu­sa­te­li: «Mi sem­bra chia­ro a tut­ti che l’assetto miglio­re per il Pae­se sia quel­lo fede­ra­le. Insom­ma, non ci sono nostal­gie per la Pada­nia», spie­ga oggi Mat­teo Sal­vi­ni, rifiu­tan­do qual­sia­si paral­le­li­smo tra refe­ren­dum Cata­la­no (per risol­ve­re il qua­le sostie­ne si pos­sa chie­de­re una media­zio­ne a… Putin!) e refe­ren­dum Lombardo-Veneto.

«Il voto cata­la­no è sta­to una for­za­tu­ra. Quel­lo lom­bar­do e vene­to è pre­vi­sto dal­la Costi­tu­zio­ne», pro­se­gue Sal­vi­ni, novel­lo garan­te dell’unità nazio­na­le ma stu­den­te distrat­to del­la Costi­tu­zio­ne, che da nes­su­na par­te cita l’istituto refe­ren­da­rio per appli­ca­re l’articolo 116 del­la Car­ta. Stu­den­te dav­ve­ro distrat­to, sostie­ne anche che il mede­si­mo arti­co­lo pre­ve­de che «si pos­sa­no affi­da­re in toto alle Regio­ni ven­ti com­pe­ten­ze, e altre tre in manie­ra par­zia­le», men­tre la Costi­tu­zio­ne par­la di «ulte­rio­ri for­me e con­di­zio­ni par­ti­co­la­ri di auto­no­mia» in quel­le mate­rie.

Sia­mo già alla far­sa, ma non è fini­ta qui. Se Sal­vi­ni non azzar­da il para­go­ne col refe­ren­dum cata­la­no, ci pen­sa il depu­ta­to leghi­sta Gian­lu­ca Pini, in meri­to all’annosa que­stio­ne (giu­ro!) del­la sepa­ra­zio­ne dell’Emilia dal­la Roma­gna (ri-giu­ro!): «Visto che c’è que­sto dibat­ti­to anno­so se la Roma­gna deb­ba esse­re una regio­ne o una pro­vin­cia […], noi voglia­mo che sia­no i cit­ta­di­ni ad espri­mer­si con un voto con la mas­si­ma demo­cra­zia pos­si­bi­le. Pen­so che il segna­le e la lezio­ne di demo­cra­zia, per quan­to basto­na­ta, che è arri­va­ta dal­la Cata­lo­gna sia il miglior via­ti­co per cam­bia­re le scel­te stra­te­gi­che anche in que­sti territori».

Fai la Pada­nia, disfa la Pada­nia. Fai un refe­ren­dum che non ser­ve e che non è come quel­lo cata­la­no. Fai il fede­ra­li­smo, ma divi­di l’Emilia dal­la Roma­gna. Non è come in Cata­lo­gna, ma fac­cia­mo come in Cata­lo­gna. Nel dub­bio, cito­fo­na­re Putin.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?

In Sardegna il 25 febbraio scegli Alleanza Verdi Sinistra e Possibile

L’Al­lean­za Ver­di Sini­stra, che uni­sce Pos­si­bi­le, Euro­pa Ver­de — Ver­di, Sini­stra Ita­lia­na e Sini­stra sar­da ha scel­to di far par­te del­la coa­li­zio­ne del cen­tro­si­ni­stra che sostie­ne Ales­san­dra Tod­de: insie­me, nei mesi scor­si, ci sia­mo incon­tra­ti e incon­tra­te per met­te­re a pun­to un’i­dea di gover­no che non mira solo a bat­te­re le destre, ma vuol dare una rispo­sta alla nostra Isola.