Cari padani, ci eravamo tanto sbagliati

Stavano per imbracciare le armi ma si erano sbagliati tutti, scusateli: «Mi sembra chiaro a tutti che l’assetto migliore per il Paese sia quello federale. Insomma, non ci sono nostalgie per la Padania», spiega oggi Matteo Salvini
padania-po

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1507020028576{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]La Pada­nia è un ter­ri­to­rio mito­lo­gi­co dai con­fi­ni inde­fi­ni­ti e inde­fi­ni­bi­li. A nord, non ci sono dub­bi, ci sono le Alpi. A sud, inve­ce, il con­fi­ne pada­no è varia­to negli anni, pas­san­do dal Po (esclu­den­do un bel pez­zo di Pie­mon­te e pez­zi di Lom­bar­dia, che si tro­va­no a sud del sacro fiu­me), fino al con­fi­ne tra Tosca­na e Lazio. Negli anni ’90 la Lega Nord per l’indipendenza del­la Pada­nia (nome com­ple­to anche dell’attuale Lega di Sal­vi­ni) arri­vò a dichia­ra­re l’indipendenza (appun­to) di que­sto fan­to­ma­ti­co ter­ri­to­rio e a eleg­ge­re un ancor più fan­to­ma­ti­co “Par­la­men­to del­la Pada­nia” (o “Par­la­men­to del Nord”). Era il 1997, Mat­teo Sal­vi­ni si can­di­da­va con i “Comu­ni­sti pada­ni”. La Pada­nia può con­ta­re anche su una nazio­na­le di cal­cio, che par­te­ci­pa ai cam­pio­na­ti del­le nazio­ni non rico­no­sciu­te, insie­me a “Oltre­pò” (ter­ri­to­rio lom­bar­do a sud del Po) e “Sud­ti­ro­lo”, in un evi­den­te cor­to­cir­cui­to indipendentista.

Più vol­te, negli anni ’90, la Lega invo­cò addi­rit­tu­ra le armi («La Lega avan­ze­rà, baio­net­te in can­na, pae­se per pae­se, vil­lag­gio per vil­lag­gio» resta tra i più bei costrut­ti reto­ri­ci di Umber­to Bos­si). L’ul­ti­ma tro­va­ta — cor­re­va l’an­no 2013 — fu la «macro­re­gio­ne».

Ecco, sta­va­no per imbrac­cia­re le armi ma si era­no sba­glia­ti tut­ti, scu­sa­te­li: «Mi sem­bra chia­ro a tut­ti che l’assetto miglio­re per il Pae­se sia quel­lo fede­ra­le. Insom­ma, non ci sono nostal­gie per la Pada­nia», spie­ga oggi Mat­teo Sal­vi­ni, rifiu­tan­do qual­sia­si paral­le­li­smo tra refe­ren­dum Cata­la­no (per risol­ve­re il qua­le sostie­ne si pos­sa chie­de­re una media­zio­ne a… Putin!) e refe­ren­dum Lombardo-Veneto.

«Il voto cata­la­no è sta­to una for­za­tu­ra. Quel­lo lom­bar­do e vene­to è pre­vi­sto dal­la Costi­tu­zio­ne», pro­se­gue Sal­vi­ni, novel­lo garan­te dell’unità nazio­na­le ma stu­den­te distrat­to del­la Costi­tu­zio­ne, che da nes­su­na par­te cita l’istituto refe­ren­da­rio per appli­ca­re l’articolo 116 del­la Car­ta. Stu­den­te dav­ve­ro distrat­to, sostie­ne anche che il mede­si­mo arti­co­lo pre­ve­de che «si pos­sa­no affi­da­re in toto alle Regio­ni ven­ti com­pe­ten­ze, e altre tre in manie­ra par­zia­le», men­tre la Costi­tu­zio­ne par­la di «ulte­rio­ri for­me e con­di­zio­ni par­ti­co­la­ri di auto­no­mia» in quel­le mate­rie.

Sia­mo già alla far­sa, ma non è fini­ta qui. Se Sal­vi­ni non azzar­da il para­go­ne col refe­ren­dum cata­la­no, ci pen­sa il depu­ta­to leghi­sta Gian­lu­ca Pini, in meri­to all’annosa que­stio­ne (giu­ro!) del­la sepa­ra­zio­ne dell’Emilia dal­la Roma­gna (ri-giu­ro!): «Visto che c’è que­sto dibat­ti­to anno­so se la Roma­gna deb­ba esse­re una regio­ne o una pro­vin­cia […], noi voglia­mo che sia­no i cit­ta­di­ni ad espri­mer­si con un voto con la mas­si­ma demo­cra­zia pos­si­bi­le. Pen­so che il segna­le e la lezio­ne di demo­cra­zia, per quan­to basto­na­ta, che è arri­va­ta dal­la Cata­lo­gna sia il miglior via­ti­co per cam­bia­re le scel­te stra­te­gi­che anche in que­sti territori».

Fai la Pada­nia, disfa la Pada­nia. Fai un refe­ren­dum che non ser­ve e che non è come quel­lo cata­la­no. Fai il fede­ra­li­smo, ma divi­di l’Emilia dal­la Roma­gna. Non è come in Cata­lo­gna, ma fac­cia­mo come in Cata­lo­gna. Nel dub­bio, cito­fo­na­re Putin.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.