Dietro agli annunci, l’ennesimo taglio alla sanità

Diran­no che gli stan­zia­men­ti per la sani­tà pub­bli­ca sono in rial­zo. Diran­no che si trat­ta di un miliar­do in più dal­l’an­no scor­so. Diran­no che loro, la spe­sa pub­bli­ca sani­ta­ria, l’han­no aumen­ta­ta. Diran­no, e quel­li che inve­ce cono­sco­no la rea­le por­ta­ta dei nume­ri con­te­nu­ti nel­la Nota di Aggior­na­men­to del Docu­men­to di Eco­no­mia e Finan­za del 2017, faran­no una fati­ca immen­sa per far­si sentire.

Pri­ma che comin­ci il chias­so del­le dichia­ra­zio­ni, lo scri­via­mo qui, per sem­pli­ci­tà di ricer­ca: la spe­sa sani­ta­ria, in rap­por­to al PIL Nomi­na­le, scen­de­rà dal 6,6% del 2017 al 6,5% nel 2018, al 6,4% nel 2019, al 6,3% nel 2020. Non ci sono cifre indi­ca­te per il 2021 sem­pli­ce­men­te per­ché è fuo­ri del perio­do di pro­gram­ma­zio­ne. Stia­mo par­lan­do di 114 miliar­di di euro nel 2017, 115 nel 2018, 116 nel 2019 e for­se 119 nel 2020.

Seb­be­ne le pre­vi­sio­ni di spe­sa sia­no in posi­ti­vo, con aumen­to del­la dota­zio­ne di 5 miliar­di nei tre anni del­la pro­gram­ma­zio­ne (+1 nel 2018, +1 nel 2019, +3 nel 2020), il livel­lo del­la stes­sa rischia di esse­re dram­ma­ti­ca­men­te al di sot­to del limi­te indi­ca­to dal­l’OMS — il 6,5% del PIL — come soglia oltre la qua­le la qua­li­tà del­le cure pre­ci­pi­ta. E il ricor­so al pri­va­to potreb­be ulte­rior­men­te cre­sce­re. Nel 2016, a fron­te dei 112 miliar­di di euro di spe­sa pub­bli­ca sani­ta­ria, le fami­glie ita­lia­ne han­no dovu­to spen­de­re ulte­rio­ri 33,9 miliar­di nel set­to­re pri­va­to, +0.38% rispet­to all’an­no pre­ce­den­te, +8% dal 2012.

Lo sce­na­rio che le sta­ti­sti­che dise­gna­no del nostro pae­se è quel­lo di un con­ti­nuo invec­chia­men­to del­la popo­la­zio­ne. All’i­ni­zio del 2017, i cit­ta­di­ni resi­den­ti han­no un’e­tà media di 44,9 anni, due deci­mi in più rispet­to al 2016 (cor­ri­spon­den­ti a cir­ca due mesi e mez­zo) e due anni esat­ti in più rispet­to al 2007. Gli indi­vi­dui con più di 65 anni supe­ra­no i 13,5 milio­ni e rap­pre­sen­ta­no il 22,3% del­la popo­la­zio­ne tota­le. Era­no 11,7 milio­ni nel 2007, pari al 20,1% (cfr. ISTAT, Mar­zo 2017). La Ragio­ne­ria Gene­ra­le del­lo Sta­to, nel Rap­por­to n. 18, ha pro­dot­to una serie di valu­ta­zio­ni sul­la base di dif­fe­ren­ti sce­na­ri. In uno di que­sti, defi­ni­to Pure Ageing Sce­na­rio (si ipo­tiz­za una rela­zio­ne diret­ta fra aumen­to del­l’e­tà media ed aumen­to del­l’ac­ces­so alle cure e di con­se­guen­za incre­men­to del­la spe­sa pub­bli­ca), il rap­por­to fra spe­sa sani­ta­ria e PIL, dopo esser sce­so al 6,3% nel 2020 (come nel­la Nota di Aggior­na­men­to del DEF 2017), dovreb­be gio­co­for­za tor­na­re a sali­re pro­gres­si­va­men­te sino a supe­ra­re il 7% nel 2040 e a rag­giun­ge­re il pic­co del 7,8% nel 2055. Ma sono pre­vi­sio­ni che non ten­go­no con­to del­la deci­sio­ne poli­ti­ca, ovviamente.

Una deci­sio­ne poli­ti­ca che non rispon­de ai rea­li biso­gni di salu­te del­la nostra popo­la­zio­ne.
L’auspicabile aumen­to dell’aspettativa di vita è, alme­no in que­sta fase sto­ri­ca, ine­vi­ta­bil­men­te lega­to ad un aumen­to del­le cro­ni­ci­tà. In que­sto qua­dro, alme­no nel bre­ve ter­mi­ne, la spe­sa sani­ta­ria non può che esse­re incre­men­ta­le.

Per garan­ti­re il dirit­to alla salu­te di tut­te e tut­ti, è neces­sa­rio ope­ra­re su tre fronti.
Nel lun­go perio­do è quin­di neces­sa­rio che le nostre poli­ti­che sani­ta­rie sia­no basa­te sul­la pre­ven­zio­ne e sugli inter­ven­ti di “habi­tat”, quin­di inter­ve­ni­re su ambien­te (inte­so anche come ambien­te di lavo­ro), casa, red­di­to, che sono deter­mi­nan­ti di salu­te di pri­ma­ria impor­tan­za, impre­scin­di­bi­le per pro­dur­re ric­chez­za inte­sa come assen­za di malattia.

Nel medio perio­do è neces­sa­rio met­te­re final­men­te mano a quel­la rior­ga­niz­za­zio­ne dei ser­vi­zi che la stes­sa OMS ritie­ne indi­spen­sa­bi­le, quin­di un’inver­sio­ne di coef­fi­cien­ti di spe­sa tra ter­ri­to­rio e ospe­da­le a favo­re del pri­mo (men­tre in Ita­lia è il con­tra­rio), e più in gene­ra­le dare vita a poli­ti­che sani­ta­rie for­te­men­te basa­te sul­le cure pri­ma­rie e sul­la pre­sa in cari­co glo­ba­le dei cittadini.

Nel bre­ve ter­mi­ne, per ren­de­re pos­si­bi­le tut­to que­sto, è fon­da­men­ta­le rifi­nan­zia­re il Siste­ma sani­ta­rio nazio­na­le pub­bli­co e uni­ver­sa­li­sti­co, che non può subi­re tagli ulte­rio­ri. Anche i rispar­mi otte­nu­ti dal­la cor­re­zio­ne di spre­chi (che pure esi­sto­no e con­ti­nua­no ad esi­ste­re, indif­fe­ren­ti ai tagli linea­ri visti in que­sti anni) van­no rein­ve­sti­ti nel Ssn.

Il dirit­to alla salu­te va garan­ti­to pie­na­men­te a tut­te e tut­ti, tan­to nell’interessa socia­le del­la comu­ni­tà quan­to in quel­lo del rea­le per­se­gui­men­to di un equi­li­brio eco­no­mi­co del nostro siste­ma. L’obiettivo del 6,5% è quin­di una soglia mini­ma che solo un gover­no irre­spon­sa­bi­le può pen­sa­re di disat­ten­de­re. Que­sto sì non pos­sia­mo permettercelo.

 

Davi­de Serafin
Fran­ce­sco Foti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.