A chi interessa la lotta all’evasione contributiva?

Non è soltanto per ragioni economiche che è necessario procedere all’incremento degli organici ispettivi dei tre enti, bensì per la tenuta dello Stato sociale, per la difesa dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori, per la tutela delle imprese sane, per il contrasto all’illegalità, allo sfruttamento e al lavoro nero: è in gioco l’eguaglianza sostanziale dei cittadini.

Il 2 dicem­bre 2020 la Com­mis­sio­ne per­ma­nen­te Lavo­ro pub­bli­co e pri­va­to del­la Came­ra ha con­clu­so l’indagine cono­sci­ti­va sul­la rifor­ma del siste­ma del­la vigi­lan­za in mate­ria di lavo­ro, con­tri­bu­zio­ne e assi­cu­ra­zio­ne obbli­ga­to­ria, ope­ra­ta da uno dei decre­ti attua­ti­vi del Jobs Act (n. 149 del 14 set­tem­bre 2015).

Orbe­ne, la Com­mis­sio­ne non ha potu­to che pren­de­re atto che il rior­di­no dei ser­vi­zi ispet­ti­vi effet­tua­to dal gover­no Ren­zi, che nel­le sue inten­zio­ni avreb­be dovu­to por­ta­re ad una mag­gio­re effi­ca­cia del­le azio­ni di con­tra­sto al lavo­ro irre­go­la­re e all’evasione con­tri­bu­ti­va, ha inve­ce cau­sa­to il crol­lo del nume­ro del­le ispe­zio­ni e del­le som­me accer­ta­te.

I dati sul­le ispe­zio­ni con­tri­bu­ti­ve ripor­ta­ti nel docu­men­to appro­va­to dal­la Com­mis­sio­ne sono impietosi:

«Nel 2012 le azien­de ispe­zio­na­te era­no 80.960, nel 2015 era­no 39.548 e nel 2019 sono 14.860; nel 2012 le azien­de accer­ta­te irre­go­la­ri era­no 59 mila, nel 2015 era­no 31.840 e oggi sono 12.033. Il nume­ro di lavo­ra­to­ri irre­go­la­ri riscon­tra­to nel 2012 era di 78 mila, nel 2015 era di 42.892, men­tre oggi sono appe­na 25.836. Il nume­ro di lavo­ra­to­ri total­men­te in nero, nel 2012, era di 44 mila, men­tre oggi risul­ta­no sol­tan­to 9 mila […]. Infi­ne, se il recu­pe­ro dei con­tri­bu­ti eva­si nel 2012 era di 1,124 miliar­di di euro, oggi è di 873 milio­ni di euro».

La prin­ci­pa­le cau­sa di que­sta dra­sti­ca ridu­zio­ne è sta­ta indi­vi­dua­ta nel­la clau­so­la di inva­rian­za degli one­ri intro­dot­ta dal­la rifor­ma – il cosid­det­to “costo zero”, secon­do cui l’Ispettorato Nazio­na­le del Lavo­ro (INL) avreb­be dovu­to ope­ra­re sen­za mag­gio­ri stan­zia­men­ti di risor­se – e nel cor­re­la­to nume­ro insuf­fi­cien­te di ispet­to­ri.

Con la leg­ge di bilan­cio 2019, l’INL ha potu­to ride­ter­mi­na­re la pro­pria dota­zio­ne orga­ni­ca, ma i rela­ti­vi con­cor­si, già ban­di­ti, sono tut­to­ra bloc­ca­ti per inu­ti­li que­stio­ni logi­sti­che. Anco­ra più assur­da è la situa­zio­ne degli ispet­to­ri di INPS e INAIL ridot­ti, rispet­ti­va­men­te, da 1.232 nel 2016 a 1.083 nel 2019 e da 350 del 2016 a 269 nel 2019: que­sti Isti­tu­ti, infat­ti, dispo­nen­do del­le neces­sa­rie risor­se finan­zia­rie per reclu­ta­re per­so­na­le, han­no potu­to recen­te­men­te assu­me­re miglia­ia di dipen­den­ti, ma non han­no potu­to assu­me­re ispet­to­ri a cau­sa di un’insensata nor­ma del decre­to attua­ti­vo del Jobs Act che pone i Fun­zio­na­ri di vigi­lan­za in un “ruo­lo ad esau­ri­men­to” e che, ine­vi­ta­bil­men­te, deter­mi­ne­rà la disper­sio­ne del­le loro pro­fes­sio­na­li­tà e del loro patri­mo­nio di conoscenze.

Noi da ben tre anni (per esem­pio, qui, qui, qui e qui) e, da ulti­mo, nel docu­men­to Next Gene­ra­tion Pos­si­bi­le, ponia­mo l’allarme sul­la ridu­zio­ne del nume­ro degli ispet­to­ri e sul crol­lo del recu­pe­ro dell’evasione con­tri­bu­ti­va, chie­den­do che ven­ga supe­ra­to l’impianto di que­sta rifor­ma, che si pro­ce­da imme­dia­ta­men­te ad un ingen­te pia­no di assun­zio­ni di ispet­to­ri sia pres­so l’Ispettorato Nazio­na­le del Lavo­ro che pres­so l’INPS e l’INAIL e che ven­ga raf­for­za­to il coor­di­na­men­to e lo scam­bio infor­ma­ti­vo fra le diver­se strut­tu­re dei tre Enti.

Final­men­te, anche la Com­mis­sio­ne Lavo­ro ha posto l’accento sul nume­ro insuf­fi­cien­te di ispet­to­ri, sul­la neces­si­tà che gli orga­ni­ci sia­no rim­pin­gua­ti attra­ver­so un signi­fi­ca­ti­vo pro­gram­ma di assun­zio­ni supe­ran­do il prin­ci­pio del “costo zero” e ricon­si­de­ran­do la pre­vi­sio­ne nor­ma­ti­va del “ruo­lo a esau­ri­men­to”, ripor­tan­do così in capo all’INPS e all’INAIL le com­pe­ten­ze in mate­ria di per­so­na­le, il tut­to in un qua­dro raf­for­za­to del­la fun­zio­ne di coor­di­na­men­to dell’INL e in cui sia­no assi­cu­ra­ti l’accesso reci­pro­co e l’interoperabilità del­le diver­se ban­che dati.

Pec­ca­to, però, che le con­clu­sio­ni del­la Com­mis­sio­ne, che noi con­di­vi­dia­mo, di fat­to sono sol­tan­to buo­ni pro­po­si­ti e, ad oggi, le for­ze di gover­no sem­bra­no più inte­res­sa­te a sot­to­se­gre­ta­ri e lot­te di palaz­zo, anzi­ché a ispet­to­ri e lot­ta all’evasione contributiva.

Il Con­cor­so Uni­co Ripam Lavo­ro che con­sen­ti­reb­be l’assunzione di 691 ispet­to­ri del lavo­ro, infat­ti, è sem­pre bloc­ca­to per intop­pi buro­cra­ti­ci; la pro­po­sta di leg­ge n. 2491 pre­sen­ta­ta l’11 mag­gio 2020 alla Came­ra (pri­mo fir­ma­ta­rio l’on. Comi­nar­di del Movi­men­to 5 Stel­le), che pre­ve­de l’abrogazione del “ruo­lo ad esau­ri­men­to” e, di con­ver­so, l’assunzione di ispet­to­ri INPS e INAIL, non è sta­ta nep­pu­re esa­mi­na­ta in pri­ma let­tu­ra dal­la com­pe­ten­te Com­mis­sio­ne; la leg­ge di bilan­cio 2021 non ha pre­vi­sto alcu­no stan­zia­men­to per il reclu­ta­men­to di ispettori.

L’inazione del Gover­no e del Par­la­men­to di fron­te alla mino­re inci­si­vi­tà nel­la lot­ta all’evasione con­tri­bu­ti­va e assi­cu­ra­ti­va, cer­ti­fi­ca­ta dal­la Com­mis­sio­ne Lavo­ro, è ancor più incom­pren­si­bi­le per­ché è evi­den­te che un for­te pia­no di assun­zio­ni di ispet­to­ri INL, INPS e INAIL sareb­be ampia­men­te ricom­pen­sa­to dai mag­gio­ri introi­ti per le finan­ze pub­bli­che (media­men­te, nel 2019, ogni ispet­to­re INPS ha accer­ta­to con­tri­bu­ti eva­si per cir­ca 800.000 euro) e con­sen­ti­reb­be di rein­te­gra­re, per esem­pio, par­te del­le risor­se uti­liz­za­te per gli ammor­tiz­za­to­ri socia­li Covid-19.

Ma non è sol­tan­to per ragio­ni eco­no­mi­che che è neces­sa­rio pro­ce­de­re all’incremento degli orga­ni­ci ispet­ti­vi dei tre enti, ben­sì per la tenu­ta del­lo Sta­to socia­le, per la dife­sa dei dirit­ti del­le lavo­ra­tri­ci e dei lavo­ra­to­ri, per la tute­la del­le impre­se sane, per il con­tra­sto all’illegalità, allo sfrut­ta­men­to e al lavo­ro nero: è in gio­co l’eguaglianza sostan­zia­le dei cit­ta­di­ni.

Fran­co Bianchi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata.