194 sotto attacco: il diritto di scelta delle donne non si tocca

Tra le sue accuse alla 194, oltre i costi che l’applicazione di questa graverebbero sul sistema sanitario nazionale - come se i diritti delle donne potessero essere soggetti nella loro applicazione al criterio costi/ricavi - vi è anche quella di non aver eliminato l’aborto clandestino e di aver aggravato il problema della denatalità.

Alcu­ne con­si­de­ra­zio­ni sul­le affer­ma­zio­ni del prof. Roc­chi, pro­fes­so­re asso­cia­to al Dipar­ti­men­to di scien­ze per l’economia e l’impresa dell’università di Firen­ze, all’interno di un rap­por­to sui costi dell’applicazione del­la leg­ge 194, com­mis­sio­na­to dal­la Socie­tà Ita­lia­na per la Bio­e­ti­ca e i Comi­ta­ti Eti­ci, dal­la Fon­da­zio­ne il Cuo­re in una Goc­cia, dall’AIGOC, l’Associazione Ita­lia­na Gine­co­lo­gi Oste­tri­ci Cat­to­li­ci e da Pro Vita e Famiglia.

Tra le sue accu­se alla 194, oltre i costi che l’applicazione di que­sta gra­ve­reb­be­ro sul siste­ma sani­ta­rio nazio­na­le — come se i dirit­ti del­le don­ne potes­se­ro esse­re sog­get­ti nel­la loro appli­ca­zio­ne al cri­te­rio costi/ricavi — vi è anche quel­la di non aver eli­mi­na­to l’aborto clan­de­sti­no e di aver aggra­va­to il pro­ble­ma del­la dena­ta­li­tà.

Alla pri­ma si può facil­men­te rispon­de­re che pur­trop­po se l’aborto clan­de­sti­no non è dimi­nui­to que­sto è soprat­tut­to dovu­to alla man­can­za dell’applicazione del­la 194 a cau­sa dell’elevato nume­ro di obiet­to­ri, dovu­to più che altro a scel­te mera­men­te oppor­tu­ni­sti­che, spes­so per non com­pro­met­ter­si la carriera.

I pochis­si­mi non-obiet­to­ri mol­te vol­te pati­sco­no ingiu­sti cari­chi di lavo­ro oltre alla man­ca­ta gra­ti­fi­ca­zio­ne pro­fes­sio­na­le. Per garan­ti­re l’IVG gli ospe­da­li sono spes­so costret­ti a ricor­re­re alle pre­sta­zio­ni dei “get­to­ni­sti”, con aggra­vio del­la spe­sa sani­ta­ria, e a richia­ma­re in ser­vi­zio i pen­sio­na­ti, spe­cie nei perio­di di ferie. Vi è inol­tre il ricor­so alle strut­tu­re pri­va­te con­ven­zio­na­te dove l’obiezione è poco signi­fi­ca­ti­va, basta che si paghi, sem­pre a cari­co del­la cas­se del­la sani­tà pub­bli­ca.

Sono que­sti i costi da eli­mi­na­re! È pale­se che quel­lo che ha mag­gio­ri costi è l’obiezione, non l’aborto.

Ma non da sot­to­va­lu­ta­re è anche la dif­fi­col­tà all’accesso alle strut­tu­re sani­ta­rie da par­te del­le don­ne che deci­do­no di intra­pren­de­re que­sto per­cor­so, che negli ulti­mi anni sono sem­pre di più don­ne migran­ti, spes­so pri­ve di coper­tu­re sani­ta­rie a cau­sa del­la loro “clan­de­sti­ni­tà” for­za­ta e quin­di sog­get­te a pra­ti­ca­re più facil­men­te l’aborto in clan­de­sti­ni­tà, con tut­ti i rischi connessi.

In Tosca­na gra­zie alla mobi­li­ta­zio­ne di diver­se asso­cia­zio­ni fem­mi­ni­ste tra cui Libe­re Tut­te, da sem­pre impe­gna­ta per l’applicazione del­la 194 e in dife­sa dei dirit­ti del­le don­ne sul ter­ri­to­rio, il qua­dro for­se appa­re meno gri­gio rispet­to altre real­tà italiane.

Qui le bat­ta­glie han­no tro­va­to sede, oltre che in piaz­za, anche nel­le isti­tu­zio­ni, in par­ti­co­la­re gra­zie ad un tavo­lo all’interno del­la Regio­ne Tosca­na dove si è riu­sci­ti a por­ta­re avan­ti alcu­ne istan­ze, tra cui la con­trac­ce­zio­ne gra­tui­ta fino a 26 anni e il poten­zia­men­to dell’aborto far­ma­co­lo­gi­co con la pos­si­bi­li­tà di pra­ti­car­lo ambu­la­to­rial­men­te come pre­vi­sto dal­la leg­ge ma di fat­to impe­di­to nel­la sua appli­ca­zio­ne che pre­ve­de­va comun­que un’ospedalizzazione del­la don­na. Trat­ta­si di una bat­ta­glia rive­la­ta­si impor­tan­te pro­prio duran­te la pan­de­mia, quan­do anco­ra più dif­fi­ci­le è diven­ta­to per le don­ne l’accesso all’aborto tera­peu­ti­co a cau­sa di chiu­su­re di inte­ri repar­ti tra­sfor­ma­ti in covid-center.

Per ren­de­re però il far­ma­co­lo­gi­co un abor­to pra­ti­ca­bi­le man­ca­no anco­ra dei tas­sel­li impor­tan­ti  ovve­ro la pos­si­bi­li­tà di poter­lo pra­ti­ca­re pres­so i con­sul­to­ri (recen­te­men­te adot­ta­te dal Mini­ste­ro del­la sani­tà alcu­ne linee gui­da in pro­po­si­to) e non ulti­mo l’abolizione dei 7 gg obbli­ga­to­ri di ripen­sa­men­to (pre­vi­sti per tut­te le IVG) che obbli­ga­no la don­na ad una sor­ta di pro­ces­so psi­co­lo­gi­co, facen­do­la sen­ti­re in col­pa per una scel­ta che ha tut­to il dirit­to di com­pie­re sen­za tra­sfor­mar­la neces­sa­ria­men­te in dramma.

Ricor­dia­mo che anche nel­la nostra Regio­ne non sono man­ca­ti gli sci­vo­lo­ni con finan­zia­men­ti devo­lu­ti ad asso­cia­zio­ni Pro-Life, quel­le stes­se che han­no finan­zia­to la ricer­ca del Prof. Roc­chi, fon­di che tan­to ser­vi­reb­be­ro a rivi­ta­liz­za­re i Con­sul­to­ri, pre­si­di impor­tan­tis­si­mi di medi­ci­na ter­ri­to­ria­le ma di fat­to abban­do­na­ti alla buo­na volon­tà di chi vi lavora.

Pe quan­to inve­ce riguar­da il discor­so del­la dena­ta­li­tà, sono ormai anni che le don­ne ita­lia­ne sono sot­to accu­sa per­ché non fan­no più figli, cal­pe­stan­do con que­sta accu­sa il loro dirit­to alla scel­ta, e sen­za che la poli­ti­ca che ci gover­na pro­vi a capir­ne le moti­va­zio­ni (peral­tro lam­pan­ti) e a por­vi rime­dio.

In par­ti­co­la­re, ricor­dia­mo la neces­si­tà di un wel­fa­re ade­gua­to a sup­por­to dei lavo­ri di cura, anco­ra oggi qua­si total­men­te dele­ga­ti alle don­ne: occor­re quin­di pro­muo­ve­re e sup­por­ta­re la con­di­vi­sio­ne del­le respon­sa­bi­li­tà fami­lia­ri tra madri e padri e fon­da­men­ta­le in que­sto ambi­to è una leg­ge che pre­ve­da il con­ge­do obbli­ga­to­rio di pater­ni­tà.

Da ulti­mo voglia­mo enfa­tiz­za­re il ruo­lo svol­to da media main­stream che han­no subi­to avva­lo­ra­to le paro­le del Prof. Roc­chi asse­gnan­do ad esse valen­za di rap­por­to scien­ti­fi­co con­te­nen­te dati ogget­ti­vi e per que­sto moti­vo inop­pu­gna­bi­le, sen­za dare modo all’intera comu­ni­tà scien­ti­fi­ca di con­fron­tar­si su que­sto tema all’interno di una pla­tea ampia com­po­sta da demo­gra­fɜ eco­no­mi­stɜ e giu­ri­stɜ in quan­to si deve distin­gue­re tra la cono­scen­za scien­ti­fi­ca e quel­la che non lo è.

Per con­clu­de­re repu­tia­mo neces­sa­rio tene­re alta l’at­ten­zio­ne e rilan­cia­re la bat­ta­glia attra­ver­so la modi­fi­ca del­la L.194 che pre­ve­da alme­no 50% medi­ci non obiet­to­ri, eli­mi­na­zio­ne obbli­ga­to­rie­tà dei 7 gior­ni di ripen­sa­men­to, poten­zia­men­to dei con­sul­to­ri, cor­si di edu­ca­zio­ne ses­sua­le la richie­sta di con­trac­cet­ti­vi gra­tui­ti sen­za limi­te di età. Infi­ne, è neces­sa­rio impe­di­re l’obiezione di coscien­za dei far­ma­ci­sti e isti­tui­re un nume­ro gra­tui­to a soste­gno di chi neces­si­ta di infor­ma­zio­ni sul­l’in­ter­ru­zio­ne di gravidanza.

Fer­nan­da De Luca

Comi­ta­to Firen­ze Pos­si­bi­le “Pie­ro Calamandrei”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.