Femminista, nei fatti: una proposta di legge per la parità retributiva

Il principio della parità retributiva tra uomo e donna (e badate bene, non della parità salariale, quella è già in Costituzione, art. 37), il cosiddetto Equal Pay, è entrato a far parte del programma di governo, annunciato dallo stesso Presidente del Consiglio, il 9 settembre
parita-genere

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Il prin­ci­pio del­la pari­tà retri­bu­ti­va tra uomo e don­na (e bada­te bene, non del­la pari­tà sala­ria­le, quel­la è già in Costi­tu­zio­ne, art. 37), il cosid­det­to Equal Pay, è entra­to a far par­te del pro­gram­ma di gover­no, annun­cia­to dal­lo stes­so Pre­si­den­te del Con­si­glio, il 9 settembre:

«Ci pre­fig­gia­mo di intro­dur­re una leg­ge sul­la pari­tà di gene­re nel­le retri­bu­zio­ni (Applau­si dei depu­ta­ti dei grup­pi MoVi­men­to 5 Stel­le, Par­ti­to Demo­cra­ti­co, Libe­ri e Ugua­li e di depu­ta­ti del grup­po Misto). È una bat­ta­glia che inten­dia­mo por­ta­re a ter­mi­ne al più pre­sto in omag­gio a tut­te le don­ne».

Giu­sta­men­te è sta­to fat­to nota­re: per­ché un omag­gio a tut­te le don­ne? La pari­tà retri­bu­ti­va sareb­be una gen­ti­le con­ces­sio­ne del ses­so maschi­le? Oppu­re stia­mo par­lan­do di un dirit­to, un dirit­to da far vale­re in ogni ambi­to del mon­do del lavo­ro, dal­la pub­bli­ca ammi­ni­stra­zio­ne allo sport?

Pos­sia­mo dare un aiu­ti­no, sia al Pre­si­den­te del Con­si­glio e al suo entou­ra­ge. Non un omag­gio, né a lui né alle don­ne in sen­so lato, ma una dop­pia pro­po­sta, for­te, per inci­de­re non solo sul­la pras­si ope­ra­ti­va ma anche sul pia­no cul­tu­ra­le.

La pri­ma: la modi­fi­ca dell’articolo 37 del­la Costi­tu­zio­ne nel sen­so del suo aggior­na­men­to e del supe­ra­men­to di alcu­ne for­mu­le non più al pas­so con i tem­pi, rac­co­glien­do lo spun­to che Lea Melan­dri ave­va espres­so alcu­ni anni fa. Nell’attuale for­mu­la­zio­ne, il ‘lavo­ra­to­re’ è impli­ci­ta­men­te uomo, men­tre la lavo­ra­tri­ce deve esse­re pri­ma qua­li­fi­ca­ta in quan­to don­na. È scrit­to inol­tre che «le con­di­zio­ni di lavo­ro devo­no con­sen­ti­re l’adempimento del­la sua (del­la don­na! solo del­la don­na?) essen­zia­le fun­zio­ne fami­lia­re» ma l’adempimento dovreb­be esse­re con­di­vi­so con l’uomo lavo­ra­to­re. Pos­sia­mo dare a que­sto arti­co­lo una nuo­va veste e attri­buir­gli sin da ora una valen­za posi­ti­va, di rivo­lu­zio­ne culturale:

Art. 37 Costi­tu­zio­ne (attua­le) Art. 37 Costi­tu­zio­ne (modi­fi­ca proposta)
La don­na lavo­ra­tri­ce ha gli stes­si dirit­ti e, a pari­tà di lavo­ro, le stes­se retri­bu­zio­ni che spet­ta­no al lavo­ra­to­re. Le con­di­zio­ni di lavo­ro devo­no con­sen­ti­re l’a­dem­pi­men­to del­la sua essen­zia­le fun­zio­ne fami­lia­re e assi­cu­ra­re alla madre e al bam­bi­no una spe­cia­le ade­gua­ta protezione. La lavo­ra­tri­ce ha gli stes­si dirit­ti e, a pari­tà di lavo­ro, le stes­se retri­bu­zio­ni che spet­ta­no al lavo­ra­to­re. Le con­di­zio­ni di lavo­ro devo­no con­sen­ti­re l’a­dem­pi­men­to del­la essen­zia­le fun­zio­ne fami­lia­re del­le lavo­ra­tri­ci e dei lavo­ra­to­ri, assi­cu­ra­re ai geni­to­ri e ai bam­bi­ni una spe­cia­le ade­gua­ta protezione

La secon­da pro­po­sta di leg­ge inve­ce pun­ta al lato ope­ra­ti­vo, andan­do alle cau­se del gen­der pay gap. Il suo archi­tra­ve è com­po­sto dal­la rifor­ma dell’articolo 46 del Decre­to Legi­sla­ti­vo 11 apri­le 2006, n. 198, cd. Codi­ce del­le pari oppor­tu­ni­tà tra uomo e don­na, ovve­ro del­le nor­me sul­la tra­spa­ren­za retri­bu­ti­va. In vigo­re dal 1996, poi suc­ces­si­va­men­te modi­fi­ca­te e oggi ricom­pre­se all’interno del Codi­ce del­le pari oppor­tu­ni­tà, val­go­no solo per azien­de con oltre 100 dipen­den­ti. Le azien­de che rica­do­no nel­la fat­ti­spe­cie sono tenu­te a for­ni­re, con caden­za bien­na­le, un rap­por­to sul­la situa­zio­ne del per­so­na­le anche rispet­to ai dif­fe­ren­zia­li retri­bu­ti­vi. Tut­ta­via, anche se sono pre­vi­ste san­zio­ni per chi non rispet­ta quest’obbligo, le nor­me non ven­go­no rispet­ta­te. La nuo­va nor­ma pre­ve­de una vera e pro­pria Cer­ti­fi­ca­zio­ne Equal Pay, ripren­den­do lo sche­ma del­la recen­te leg­ge appro­va­ta in Islan­da, un model­lo sem­pli­fi­ca­to di gestio­ne orga­niz­za­ti­va vol­to al per­se­gui­men­to del­la pari­tà retri­bu­ti­va di gene­re. È la rispo­sta alla neces­si­tà di ren­de­re tra­spa­ren­te qua­li sono le socie­tà, azien­de e isti­tu­zio­ni pro­pen­se alla pari retri­bu­zio­ne di uomi­ni e don­ne — nel­le stes­se man­sio­ni lavo­ra­ti­ve – e alla tute­la da deci­sio­ni allo­ca­ti­ve inter­ne di carat­te­re discri­mi­na­to­rio.

Con gli altri arti­co­li si vor­reb­be­ro intro­dur­re in Ita­lia un vero con­ge­do di pater­ni­tà, aven­te le stes­se carat­te­ri­sti­che e la stes­sa dura­ta di quel­lo pre­vi­sto per la madre, e di esten­de­re i ser­vi­zi socio-edu­ca­ti­vi per l’infanzia ad alme­no il 33% dei bam­bi­ni tra zero e due anni attra­ver­so un’attenta revi­sio­ne di spe­sa, un tra­sfe­ri­men­to di fon­di da talu­ni capi­to­li del bilan­cio pub­bli­co già desti­na­ti a poli­ti­che per l’infanzia — ma rite­nu­te dai pro­po­nen­ti disper­si­ve e trop­po incli­ni alla logi­ca del mero tra­sfe­ri­men­to di dena­ro — al capi­to­lo di spe­sa n. 3521 del Mini­ste­ro del Lavo­ro e del­le Poli­ti­che socia­li deno­mi­na­to ’Som­ma da cor­ri­spon­de­re alle regio­ni per il rilan­cio del pia­no per lo svi­lup­po del siste­ma ter­ri­to­ria­le dei ser­vi­zi socio-edu­ca­ti­vi per la pri­ma infanzia’.

Qui il testo com­ple­to. [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.