Uniti sì, ma non servi

Non ci vuole un indovino per prevedere che se il partito nascerà velocemente, come auspicano alcuni illustri esponenti, e quindi con la stessa fretta con cui è nata la lista, andremo a sbattere probabilmente ancora più forte.

Pub­bli­chia­mo il testo del­l’in­ter­ven­to di Ema­nue­le Busco­ni, tenu­to duran­te l’as­sem­blea pro­vin­cia­le di Libe­ri e Ugua­li a Tori­no il 26 marzo.

Care tut­te e cari tutti.

A vol­te ripen­so a qual­che mese fa quan­do ci tro­va­va­mo in un’as­sem­blea simi­le a que­sta per costrui­re “una nuo­va pro­po­sta”. Ricor­do bene gli appel­li fre­quen­ti di quel gior­no affin­ché da lì si ini­zias­se a pen­sa­re ad una nuo­va idea di sini­stra che fos­se lun­gi­mi­ran­te e lascias­se spa­zio ai gio­va­ni. Incon­scia­men­te mi scap­pò un sor­ri­so quan­do una, due, tre vol­te dal pal­co si chie­se di can­di­da­re vol­ti fre­schi, gio­va­ni e cre­di­bi­li. Un ami­co, mio coe­ta­neo, mi dis­se che ero pre­ve­nu­to, che for­se sareb­be sta­ta la vol­ta buo­na, viste le tan­te bato­ste già pre­se in passato.

Bene, vi segna­lo che quel­l’a­mi­co oggi non è pre­sen­te e non ha volu­to par­te­ci­pa­re a que­sta cam­pa­gna elet­to­ra­le. Non è sta­to nean­che neces­sa­rio che mi spie­gas­se che ave­va­mo tra­di­to le sue aspet­ta­ti­ve anco­ra pri­ma che que­sta sini­stra nasces­se. Come lui tan­ti altri.

Del resto sap­pia­mo bene quan­to fos­se fati­co­so inter­cet­ta­re i gio­va­ni, quan­to poco fos­si­mo cre­di­bi­li ai loro occhi e come fos­se dif­fi­ci­le spie­ga­re loro che nel­le nostre liste la mag­gior par­te dei can­di­da­ti gio­va­ni e meno noti fos­se­ro del tut­to ine­leg­gi­bi­li, pur essen­do vali­dis­si­mi e spes­so più cre­di­bi­li di chi li pre­ce­de­va nel listino.

Vie­ne spon­ta­neo pen­sa­re che alme­no era­va­mo sicu­ri che i vol­ti “anzia­ni e ras­si­cu­ran­ti” che veglia­va­no su noi dal­l’al­to del loro pri­mo posto in lista, sareb­be­ro sta­ti capa­ci di inter­cet­ta­re il loro sto­ri­co elet­to­ra­to e con­vin­cer­lo a seguir­ci. Inve­ce non è sta­to così.

Non mi stu­pi­sco affatto.

Ci toc­ca fare auto­cri­ti­ca ed esse­re con­sa­pe­vo­li che in Pie­mon­te alcu­ni can­di­da­ti non sono sta­ti in gra­do nean­che di ascol­ta­re e rispon­de­re cor­dial­men­te alle doman­de dei loro mili­tan­ti duran­te le assem­blee. Mi chie­do dove si pen­si di anda­re se non si ascol­ta­no nean­che quei mili­tan­ti che han­no attac­chi­na­to, volan­ti­na­to, orga­niz­za­to incon­tri, con­vin­to per­so­ne e maga­ri anche liti­ga­to con qual­cu­no pur di por­ta­re a casa qual­che voto in più.

Sia chia­ro, alcu­ni dei can­di­da­ti era­no otti­mi, li sti­mo e li rin­gra­zio per tut­to quel­lo che han­no fat­to, ma cre­do non si sia qui oggi per questo.

Il risul­ta­to del 4 mar­zo ci lascia ama­reg­gia­ti e scon­ten­ti, ma dicia­mo­ci la veri­tà, for­se sareb­be sta­to il caso di mostrar­ci ama­reg­gia­ti e scon­ten­ti un po’ pri­ma.

Per esem­pio quan­do un can­di­da­to, solo col pote­re dovu­to al micro­fo­no che tene­va in mano e la con­sa­pe­vo­lez­za di ave­re spal­le coper­te, ha smen­ti­to un’assemblea nazio­na­le inte­ra dicen­do che par­te del pro­gram­ma let­to a Roma davan­ti ai dele­ga­ti e vota­to da tut­ti i pre­sen­ti, tran­ne un aste­nu­to, era sba­glia­to. Come se quel voto non vales­se nien­te, come se un can­di­da­to potes­se can­cel­la­re il lavo­ro di chi per mesi ave­va con­tri­bui­to a quel pro­gram­ma e, lascia­te­mi dire, can­cel­la­re anche quel poco di demo­cra­zia e par­te­ci­pa­zio­ne che in LeU ci era­no sta­te concesse.

Ora, mi pare del tut­to evi­den­te che se que­sti sono i pre­sup­po­sti per la nasci­ta del nostro par­ti­to, non tro­ve­rò in LeU la sini­stra che ho sem­pre cer­ca­to. Voglio illu­der­mi nel cre­de­re che con meno fret­ta non sarem­mo cadu­ti in erro­ri così ver­go­gno­si, ma cre­do con altret­tan­ta con­vin­zio­ne che non ci fac­cia bene nean­che fare del­la fret­ta il nostro uni­co ali­bi.

Non ci vuo­le un indo­vi­no per pre­ve­de­re che se il par­ti­to nasce­rà velo­ce­men­te, come auspi­ca­no alcu­ni illu­stri espo­nen­ti, e quin­di con la stes­sa fret­ta con cui è nata la lista, andre­mo a sbat­te­re pro­ba­bil­men­te anco­ra più for­te. Per cui, scu­sa­te se mi per­met­to, ma non se ne può più di sen­ti­re “acce­le­ria­mo ver­so l’u­ni­tà”. Sia­mo in evi­den­te emer­gen­za, met­tia­mo le quat­tro frec­ce, fer­mia­mo­ci e dia­mo­ci il modo e gli stru­men­ti per esse­re la sini­stra che vor­rem­mo.

Chiu­do que­sto mio inter­ven­to con un dub­bio che deri­va dai meto­di che abbia­mo impa­ra­to a cono­sce­re in que­sti mesi. Un dub­bio che mi sco­rag­gia non poco e mi por­ta a chie­der­mi: tro­ve­ran­no mai ascol­to le paro­le di un tes­se­ra­to di Pos­si­ble in LeU? E cito Pip­po Civa­ti quan­do dice: “uni­ti sì, ma non ser­vi”.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?