Un’Europa sociale forte per un rilancio equo e inclusivo: il governo farà la sua parte?

Il 4 mar­zo la Com­mis­sio­ne euro­pea ha pub­bli­ca­to un pia­no d’a­zio­ne per l’at­tua­zio­ne del pila­stro euro­peo dei dirit­ti socia­li, una dichia­ra­zio­ne di 20 prin­ci­pi adot­ta­ta nel 2017 per dare impul­so alla costru­zio­ne di un’Eu­ro­pa socia­le for­te e coesa.

Ades­so è impor­tan­te che il nostro gover­no (e i gover­ni degli altri 26 sta­ti mem­bri dell’UE) insie­me alle auto­ri­tà regio­na­li e loca­li, fac­cia­no la loro par­te per met­te­re in atto il pia­no d’azione attra­ver­so misu­re concrete.

Pro­cla­ma­to dal Par­la­men­to euro­peo, dal Con­si­glio e dal­la Com­mis­sio­ne, il pila­stro Euro­peo dei dirit­ti socia­li, è una dichia­ra­zio­ne non vin­co­lan­te e copre set­to­ri di com­pe­ten­za degli Sta­ti mem­bri sui qua­li in mol­ti casi l’Ue non ha il pote­re di adot­ta­re atti legi­sla­ti­vi vin­co­lan­ti.

La strut­tu­ra del pila­stro dei dirit­ti socia­li ruo­ta infat­ti attor­no a tre capi:

1) pari oppor­tu­ni­tà e acces­so al mer­ca­to del lavo­ro;

2) con­di­zio­ni di lavo­ro eque;

3) pro­te­zio­ne socia­le e inclu­sio­ne.

Il nuo­vo pia­no d’azione sul pila­stro euro­peo dei dirit­ti socia­li coniu­ga gli obiet­ti­vi UE per la tran­si­zio­ne eco­lo­gi­ca e digi­ta­le e gli obiet­ti­vi del­lo svi­lup­po soste­ni­bi­le (SDGs), fis­san­do tre tar­get prin­ci­pa­li per l’UE da con­se­gui­re entro il 2030 :

  1. che alme­no il 78 % del­la popo­la­zio­ne di età com­pre­sa tra i 20 e i 64 anni abbia un lavo­ro;
  2. che alme­no il 60 % di tut­ti gli adul­ti par­te­ci­pi ogni anno ad atti­vi­tà di for­ma­zio­ne;
  3. che il nume­ro di per­so­ne a rischio di pover­tà o di esclu­sio­ne socia­le dimi­nui­sca di alme­no 15 milioni.

Poi­ché nel siste­ma isti­tu­zio­na­le dell’UE sono gli Sta­ti mem­bri i respon­sa­bi­li in mate­ria di poli­ti­che socia­li, di occu­pa­zio­ne e di pro­te­zio­ne socia­le, l’effettiva attua­zio­ne del pila­stro euro­peo dei dirit­ti socia­li, dipen­de mol­to dal­la loro volon­tà poli­ti­ca e capa­ci­tà di azione.

Un “social sco­re­board”, ovve­ro un qua­dro di valu­ta­zio­ne del­la situa­zio­ne socia­le, per­met­te­rà alla Com­mis­sio­ne euro­pea di moni­to­ra­re i pro­gres­si com­piu­ti dagli Sta­ti mem­bri, nel­l’am­bi­to del seme­stre euro­peo. Il social sco­re­board sarà aggior­na­to con nuo­vi indi­ca­to­ri sul­l’i­stru­zio­ne degli adul­ti, sul­la pover­tà infan­ti­le, sul diva­rio occu­pa­zio­na­le per le per­so­ne disa­bi­li, il sovrac­ca­ri­co dei costi degli allog­gi.

Il pia­no d’a­zio­ne sul pila­stro euro­peo dei dirit­ti socia­li è con­ce­pi­to per raf­for­za­re lo slan­cio pro­dot­to dal­l’am­bi­zio­so bilan­cio a lun­go ter­mi­ne del­l’UE da 1 800 miliar­di di euro e dal pia­no di rilan­cio euro­peo Next­Ge­ne­ra­tio­nEU.

Lo stes­so gior­no la Com­mis­sio­ne euro­pea ha pre­sen­ta­to una rac­co­man­da­zio­ne rela­ti­va a un soste­gno atti­vo ed effi­ca­ce all’oc­cu­pa­zio­ne (EASE) in segui­to alla cri­si COVID-19. La rac­co­man­da­zio­ne for­ni­sce ai gover­ni degli Sta­ti Ue degli orien­ta­men­ti su misu­re stra­te­gi­che per pro­muo­ve­re la crea­zio­ne di posti di lavo­ro ed age­vo­la­re la tran­si­zio­ne pro­fes­sio­na­le dai set­to­ri in decli­no a quel­li in espan­sio­ne, in par­ti­co­la­re i set­to­ri ver­de e digi­ta­le.

Negli ulti­mi anni la Com­mis­sio­ne ha già ini­zia­to ad attua­re il pila­stro socia­le, attra­ver­so una serie di ini­zia­ti­ve qua­li l’a­gen­da per le com­pe­ten­ze per l’Eu­ro­pa, la stra­te­gia per la pari­tà di gene­re, il pia­no d’a­zio­ne del­l’UE con­tro il raz­zi­smo, il pac­chet­to a soste­gno del­l’occu­pa­zio­ne gio­va­ni­le e la pro­po­sta di diret­ti­va rela­ti­va a sala­ri mini­mi adeguati.

Pro­prio que­sta set­ti­ma­na la Com­mis­sio­ne ha anco­ra adot­ta­to una pro­po­sta di diret­ti­va sul­la tra­spa­ren­za retri­bu­ti­va e una nuo­va stra­te­gia per i dirit­ti del­le per­so­ne con disa­bi­li­tà per il perio­do 2021–2030. Nel cor­so del 2021 la Com­mis­sio­ne pre­sen­te­rà altre ini­zia­ti­ve, tra cui la garan­zia euro­pea per l’in­fan­zia, un nuo­vo qua­dro stra­te­gi­co in mate­ria di salu­te e sicu­rez­za sul lavo­ro, un’i­ni­zia­ti­va per miglio­ra­re le con­di­zio­ni dei lavo­ra­to­ri del­le piat­ta­for­me digi­ta­li ed un pia­no d’a­zio­ne per l’economia socia­le (ter­zo settore).

Le per­so­ne con­ta­no più dei capi­ta­li, dob­bia­mo rea­liz­za­re un’economia al ser­vi­zio del­la per­so­na e del­le imprese.

Raf­for­za­re la dimen­sio­ne socia­le dell’UE, attra­ver­so la defi­ni­zio­ne di stan­dard socia­li e di lavo­ro mini­mi a livel­lo euro­peo, è una con­di­zio­ne indi­spen­sa­bi­le per la rea­liz­za­zio­ne di una “Unio­ne” euro­pea degna di que­sto nome.

Attra­ver­so il nuo­vo pia­no d’azione, la Com­mis­sio­ne euro­pea sta mobi­li­tan­do una pano­plia di stru­men­ti per inci­ta­re i gover­ni nazio­na­li ad adot­ta­re misu­re con­cre­te mira­te a garan­ti­re le stes­se oppor­tu­ni­tà e gli stes­si dirit­ti a tut­ti i cit­ta­di­ni euro­pei, più che mai neces­sa­rie per una ripre­sa socioe­co­no­mi­ca equa, inclu­si­va e resi­lien­te.

L’UE è spes­so cri­ti­ca­ta per la natu­ra mera­men­te eco­no­mi­ca del­le sue azio­ni: “l’Europa del­le ban­che e del­la finan­za” che lascia in secon­do pia­no la dimen­sio­ne socia­le. E ancor di più duran­te la pan­de­mia i cit­ta­di­ni han­no denun­cia­to l’assenza di Euro­pa nel­le regio­ni più pove­re e vul­ne­ra­bi­li. Secon­do gli ulti­mi son­dag­gi (Euro­ba­ro­me­ter, 01/03/2021), il 71% dei cit­ta­di­ni euro­pei inter­vi­sta­ti con­si­de­ra la man­can­za di dirit­ti socia­li come “un pro­ble­ma serio” e il 62% ritie­ne che nel 2030 ci sarà “un’Eu­ro­pa più sociale”.

Nei limi­ti del­le sue com­pe­ten­ze, l’UE sta cer­can­do di rispon­de­re all’appello dei cit­ta­di­ni euro­pei di un’Europa più giu­sta, inclu­si­va e coe­sa. Il nostro gover­no, e i gover­ni degli altri 26 sta­ti mem­bri, risponderanno ?

Un gover­no demo­cra­ti­co euro­peo di natu­ra fede­ra­le per­met­te­reb­be una cre­sci­ta socio-eco­no­mi­ca inclu­si­va fon­da­ta sull’ugua­glian­za e la giu­sti­zia socia­le.

Sil­via Romano

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

La cannabis riguarda 5 milioni di consumatori, secondo alcuni addirittura 6, molti dei quali sono consumatori di lungo corso che ne fanno un uso molto consapevole, non pericoloso per la società. Preparate lo SPID! Sarà una campagna brevissima, difficile, per cui servirà tutto il vostro aiuto. Ma si può fare. Ed è giusto provarci.
La crisi delle precipitazioni, così come l’aumento di fenomeni temporaleschi più violenti in termini di quantità di acqua e tempi più ristretti e l’innalzamento della quota dello zero termico ci devono spingere, se non costringere, a cambiare radicalmente il nostro approccio al sistema “montagna”. E questo impone anche un cambio drastico nella gestione del territorio anche dal punto di vista delle infrastrutture viabilistiche e sciistiche.
Come illustrato da Legambiente, le spiagge libere in Toscana e in particolare di quelle delle province di Lucca e Massa Carrara sono praticamente assenti: così nella regione (come in altre parti d'Italia) si consuma una grave privazione di un bene pubblico e un forte stress ambientale.