Un Paese per le piccole e i piccoli: prepariamo tempi migliori

Il problema non è una campagna comunicativa, ma le politiche del governo e del ministero. Il nostro #fertilityday sono proposte per la parità salariale, per gli asili nido, per i congedi parentali, per la riduzione dell'IVA sui prodotti per l'infanzia.
Schermata-2016-09-22-alle-10.18.02

A segui­to del­la secon­da cam­pa­gna sul #fer­ti­li­ty­day volu­ta dal mini­ste­ro del­la Salu­te, la mini­stra Loren­zin ha fat­to sape­re di aver rimos­so dal pro­prio inca­ri­co il respon­sa­bi­le del­la comu­ni­ca­zio­ne del suo mini­ste­ro, deru­bri­can­do la que­stio­ne a un sem­pli­ce fail comu­ni­ca­ti­vo, quan­do inve­ce sap­pia­mo benis­si­mo che la comu­ni­ca­zio­ne del mini­ste­ro è, in que­sto caso, asso­lu­ta­men­te in linea con la pro­po­sta poli­ti­ca. E’ suf­fi­cien­te leg­ge­re il “Pia­no nazio­na­le per la fer­ti­li­tà” (sì: il mini­ste­ro ha scrit­to un Pia­no nazio­na­le per la fer­ti­li­tà) per tro­var­ci tut­ti i con­te­nu­ti del­la campagna.

Ma se sie­te di fret­ta, è suf­fi­cien­te leg­ge­re que­sta dichia­ra­zio­ne del­la ministra:

img_1472

Non ci sono i bam­bi­ni da met­ter­ci den­tro, negli asi­li nido. Capi­to? Ma dove vive, la mini­stra? In una sola fra­se c’è tut­to l’op­po­sto di ciò che dovreb­be fare la poli­ti­ca. Ecco per­ché, oltre la denun­cia, abbia­mo scel­to di riem­pi­re il #fer­ti­li­ty­day di pro­po­ste che inter­ven­ga­no alla radi­ce del­la que­stio­ne.

Il nostro #fer­ti­li­ty­day è la pari­tà sala­ria­le san­ci­ta dal­l’ar­ti­co­lo 37 del­la Costi­tu­zio­ne, da per­se­gui­re attra­ver­so la tota­le tra­spa­ren­za e l’im­pos­si­bi­li­tà di par­te­ci­pa­re agli appal­ti pub­bli­ci per chi ope­ra discriminazioni.

E’ la ridu­zio­ne del­l’I­VA sui pro­dot­ti e i beni per l’in­fan­zia (pan­no­li­ni, lat­te in pol­ve­re, bibe­ron, ecce­te­ra), tas­sa­ti al 22% come i beni di lus­so, ma fare figli non può esse­re un lusso.

Sono gli asi­li nido (anzi: che fine han­no fat­to i mil­le asi­li nido pro­po­sti da Ren­zi?) e i con­ge­di paren­ta­li per don­ne e uomi­ni, è la pos­si­bi­li­tà di adot­ta­re più facil­men­te anche da par­te di sin­go­li e omo­ses­sua­li, è la garan­zia di poter acce­de­re alla fecon­da­zio­ne assi­sti­ta.

Pre­pa­ria­mo tem­pi miglio­ri. Per­ché l’I­ta­lia diven­ti dav­ve­ro un pae­se per le pic­co­le e per i piccoli.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.