#FERTILITYFAIL — Quando la toppa è peggio del buco.

Il ministero della salute proprio non ce la fa ad accantonare il moralismo e pensare a una forma più seria e moderna di educazione sanitaria. Per quanto ci riguarda, dopo discriminazione e razzismo non restano che le dimissioni.

La mini­stra Loren­zin lo ave­va minac­cia­to: oltre alle car­to­li­ne del #fer­ti­li­ty­day c’è di più. E infat­ti ci era­va­mo già sof­fer­ma­ti sul di più (e di peg­gio) rap­pre­sen­ta­to dal pes­si­mo Pia­no Nazio­na­le per la Fer­ti­li­tà, ma la mini­stra con asso­lu­ta deter­mi­na­zio­ne non ha cedu­to di un mil­li­me­tro, e ha rilan­cia­to la sua cam­pa­gna in vista del­la gior­na­ta uffi­cia­le, cioè domani.

Pec­ca­to però che alla marea di cri­ti­che pio­vu­te sul­la pri­ma onda­ta di car­to­li­ne anni ’50 sul­la con­di­zio­ne del­la don­na, la mini­stra abbia rispo­sto con una serie di car­to­li­ne anni ’50 sugli sti­li di vita del­le ita­lia­ne e degli ita­lia­ni.

schermata-2016-09-21-alle-17-49-17

Con la soli­ta gran­de affe­zio­ne per le imma­gi­ni in stock, la cam­pa­gna si spo­sta da orga­smi, cles­si­dre e buc­ce di bana­na per vira­re su pub­bli­ci­tà da stu­dio den­ti­sti­co di pro­vin­cia e foto da cam­pa­gne proi­bi­zio­ni­sti­che del seco­lo scor­so.

I buo­ni sono gio­va­ni bian­chi wasp, con i den­ti sma­glian­ti e vesti­ti sti­ra­ti, i cat­ti­vi gio­vi­na­stri mul­ti­raz­zia­li che fuma­no, bevo­no, si dro­ga­no e pro­ba­bil­men­te bestem­mia­no, ascol­ta­no hea­vy metal e sono comunisti.

Insom­ma, il mini­ste­ro del­la salu­te pro­prio non ce la fa ad accan­to­na­re il mora­li­smo e pen­sa­re a una for­ma più seria e moder­na di edu­ca­zio­ne sanitaria.

Sia­mo qua­si restii a cri­ti­ca­re oltre la mini­stra Loren­zin, ma anche un po’ curio­si: di fron­te a que­sta secon­da cam­pa­gna fal­li­men­ta­re, si fer­me­rà o ne tire­rà fuo­ri una ter­za anco­ra peggiore?

In real­tà pre­fe­ria­mo non sco­prir­lo: dopo discri­mi­na­zio­ne e raz­zi­smo non resta­no che le dimis­sio­ni.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.