Quando parliamo di pace

Non basta dire che qualcuno ha bombardato e altri sono morti?. La risposta è no, non basta. La guerra non è qualcosa che cade dall'alto. La guerra ha dei responsabili.

Non sape­va usa­re for­chet­ta e col­tel­lo. Allo­ra gli abbia­mo inse­gna­to come usar­le. Quel bam­bi­no ave­va dodi­ci anni. Sap­pia­mo solo che è eri­treo. Sap­pia­mo dove lo abbia­mo incon­tra­to e cono­scia­mo il suo sguar­do timi­do e tri­ste. Non sap­pia­mo nien­t’al­tro, a par­te che è venu­to da solo, facen­do un viag­gio di miglia­ia di chi­lo­me­tri e lascian­do la sua fami­glia in nome di una spe­ran­za: quel­la di rico­min­cia­re. Non so se chi par­la di pace, nei salot­ti tele­vi­si­vi o negli Hotel, ha visto e capi­to lo sguar­do di quel bam­bi­no. C’è chi par­la di pace: pace in Siria; pace in Eri­trea, in Soma­lia, in Nige­ria e così via. Come fare la pace non si sa, per­ché non è dato cono­sce­re le moti­va­zio­ni del­la guer­ra. Que­st’ul­ti­ma, la guer­ra, è depo­li­ti­ciz­za­ta: è arri­va­ta la guer­ra, è scop­pia­ta la guer­ra! Non si sa chi l’ha por­ta­ta, né qual è la sto­ria che ha mos­so alcu­ni con­tro altri. Così come i bom­bar­da­men­ti in Siria: sono casca­te le bom­be. “Sì, ma da qua­le aereo?” — doman­da qual­cu­no. Altri potreb­be­ro repli­ca­re: “ma è così impor­tan­te? Non basta dire che qual­cu­no ha bom­bar­da­to e altri sono mor­ti?”. La rispo­sta è no, non basta.

Quan­do si guar­da a que­sti pae­si, quel­li del cosid­det­to ter­zo mon­do o extra occi­den­ta­li, le cate­go­rie mora­li e poli­ti­che di cui l’Eu­ro­pa, e l’oc­ci­den­te in gene­ra­le, ha tan­to scru­po­lo sal­ta­no. Non sia­mo poi tut­ti con­vin­ti che in Eri­trea ci sia una dit­ta­tu­ra, né che in Siria il gover­no abbia la respon­sa­bi­li­tà mag­gio­re del­l’e­ca­tom­be o che in Egit­to dovrem­mo dav­ve­ro inter­rom­pe­re i rap­por­ti con al Sisi per­chè ammaz­za i dis­si­den­ti. No, biso­gna pen­sar­ci. I nostri scru­po­li sal­ta­no per­ché gli “altri”, quel­li tan­to odia­ti dagli xeno­fo­bi di casa nostra, non sono mica come noi.

Poi c’è qual­cu­no che par­la di pace e lo fa in una manie­ra super­fi­cia­le: voglia­mo la pace, basta guer­ra – dico­no. Se gli si chie­de “come è scop­pia­ta?”, rispon­do­no “che c’en­tra, basta guer­ra è suf­fi­cien­te!”. Allo­ra capi­te bene che non ci può esse­re, in nes­sun luo­go, nes­su­na pace che non abbia in sé giu­sti­zia. Che pace pos­sia­mo dare a quel gio­va­ne eri­treo di dodi­ci anni che ha per­so tut­to se esi­gia­mo una equa redi­stri­bu­zio­ne del­le col­pe, sen­za giu­di­ca­re dav­ve­ro i col­pe­vo­li, come chi lo ha obbli­ga­to a scap­pa­re? In ulti­mo, vor­rei dire alla poli­ti­ca di pro­va­re a capi­re le moti­va­zio­ni del­le vit­ti­me – che ci sono sem­pre – e di non clas­si­fi­ca­re “la guer­ra” come qual­co­sa di natu­ra­le che non ha un per­ché. Se fac­cia­mo così tra­dia­mo quel sen­so di giu­sti­zia che la gen­te vuo­le, che esi­ge, dal­la Siria alla Soma­lia; dal Con­go pas­san­do dal­la Libia per arri­va­re nel­le car­ce­ri in cui ven­go­no rin­chiu­si i dis­si­den­ti, di tut­ti i colo­ri e fede.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?