Un diritto, non una merce. Difendere la sanità pubblica dipende da noi

Rilanciamo gli appelli a manifestare attraverso un lenzuolo bianco o un cartello il proprio sostegno alla #salutepertuttietutte il 7 aprile: per una sanità pubblica adeguatamente finanziata e in grado di assistere tutte e tutti, senza discriminazioni di sorta.
image1

di Emanuele Busconi

A marzo, all’inizio del lockdown, in molte città le persone hanno preso l’iniziativa di applaudire dai balconi per ringraziare medici e infermieri. Riflettendo su questa “riscoperta” dell’importanza del personale sanitario e della difficoltà che si è trovato ad affrontare, non solo per via del virus, ma anche a causa delle condizioni di lavoro, conseguenza della gestione della sanità negli anni, è partita da Asti e da Torino una campagna per la sanità pubblica. Anche l’attivismo e la mobilitazione vanno ripensati durante la quarantena, quindi il messaggio ancora una volta deve passare dai balconi, andando oltre all’applauso, che per un po’ ha sollevato il morale e ci ha fatto sentire vicini, ma non risolve un problema reso evidente dall’emergenza in corso: per anni non è stato abbastanza apprezzato e tutelato il valore insostituibile della sanità pubblica.

Per tutto il mese, abbiamo raccolto le testimonianze di chi sta lavorando anche durante questa quarantena, comprese quelle di chi lavora negli ospedali e nei reparti covid. Il protocollo di sicurezza per il personale sanitario è arrivato soltanto a fine marzo, quando già le vittime tra i soli medici erano decine. 

Abbiamo aderito alla proposta di sanatoria per gli stranieri che soggiornano irregolarmente nel nostro Paese, per permettere di tutelare la loro salute e la salute dell’intera comunità.

Scuola, ricerca, sanità: non basta investire le briciole, smantellando o mettendo in secondo piano come è stato fatto in questi anni da troppe parti. Oggi che la pandemia rende la questione non più rimandabile, il messaggio deve arrivare forte e chiaro: ringraziare è bene ed è buona educazione, ma non basta. Bisogna agire di conseguenza, anche quando il picco della crisi sarà passato.

Il 7 aprile, continuiamo a sostenere il valore insostituibile della sanità pubblica per tutte e tutti!

Rilanciamo gli appelli a manifestare attraverso un lenzuolo bianco o un cartello il proprio sostegno alla #salutepertuttietutte il 7 aprile: per una sanità pubblica adeguatamente finanziata e in grado di assistere tutte e tutti, senza discriminazioni di sorta.

Contro i tentativi di privatizzazione del diritto universale alla salute, chiediamo un’inversione di rotta e aderiamo collettivamente alla campagna Our health is not for sale promossa da People’s Health Movement.

Con un cartello, uno striscione, una scritta, facciamo sapere che sosteniamo la sanità pubblica e chi si impegna a metterla al primo posto. La sanità pubblica dipende anche da noi, dipende dai politici che eleggiamo e i politici non sono tutti uguali. Sarà bene ricordarcelo in futuro ed essere vigili.

Come sempre, crediamo si debba ripartire dall’articolo 32 della nostra Costituzione. La salute è un diritto, non una merce, e ciò nell’interesse della comunità.

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait