Montagne di decreti, ma i grandi assenti sono i servizi alle famiglie

Insieme ai più piccoli, le famiglie sono le grandi dimenticate dalla moltitudine di decreti e proroghe pubblicati dal Governo e, con loro, i servizi dedicati. 

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Insieme ai più pic­co­li, le fami­glie sono le gran­di dimen­ti­ca­te dal­la mol­ti­tu­di­ne di decre­ti e pro­ro­ghe pub­bli­ca­ti dal Gover­no e, con loro, i ser­vi­zi dedi­ca­ti. 

Per loro natu­ra, le impre­se che svol­go­no la fun­zio­ne di asi­lo nido non godo­no di gran­de liqui­di­tà (spe­cial­men­te le impre­se gio­va­ni, con meno di 5 anni all’attivo) e, come se non bastas­se, le atti­vi­tà si svol­go­no in loca­li di diver­sa tipo­lo­gia e, di con­se­guen­za, sog­get­ti a diver­si acca­ta­sta­men­ti immo­bi­lia­ri (come appar­ta­men­ti, uffi­ci o ex capannoni).

Que­sti ele­men­ti non per­met­to­no di gode­re del­le age­vo­la­zio­ni pre­vi­ste dal decre­to Cura Ita­lia, che sono sta­te pen­sa­te per gli affit­ti di tipo com­mer­cia­le (e non tut­ti). 

In ogni caso, l’agevolazione pre­vi­sta per gli affit­ti con­sen­ti­ta ai loca­li C1 non sareb­be così van­tag­gio­sa per que­ste real­tà, dato che la detrai­bi­li­tà dal­le impo­ste non risol­ve il pro­ble­ma lega­to alla ridot­ta liqui­di­tà. 

Il con­trat­to di cate­go­ria ANINSEI (Asso­cia­zio­ne Nazio­na­le Isti­tu­ti Non Sta­ta­li di Edu­ca­zio­ne e di Istru­zio­ne), inol­tre, non pre­ve­de la Cas­sa Inte­gra­zio­ne per il per­so­na­le dipen­den­te di que­ste strut­tu­re: alcu­ni asi­li si sono orga­niz­za­ti e han­no fat­to doman­da per ade­ri­re ad un Fon­do di Inte­gra­zio­ne Sala­ria­le per poi sti­pu­la­re un accor­do late­ra­le con i sin­da­ca­ti. L’accordo è sta­to fir­ma­to il 30 Mar­zo: dopo più di un mese dal­la chiu­su­ra del­le atti­vi­tà. 

E ad oggi non è anco­ra dato sape­re quan­do l’INPS ver­se­rà gli sti­pen­di per copri­re le set­ti­ma­ne di chiu­su­ra (sia­mo già alla set­ti­ma­na nume­ro 10).

Le uni­che alter­na­ti­ve per que­ste real­tà impren­di­to­ria­li si esau­ri­sco­no nel buon cuo­re (e nel­le pos­si­bi­li­tà) del­le fami­glie, oppu­re col met­ter­si nel­le mani del­le ban­che e dei loro tas­si di inte­res­se, facen­do­si cari­co di un più alto rischio di impre­sa, con tut­ti i dub­bi e le insi­cu­rez­ze che le cir­co­stan­ze impongono.

In poche paro­le: se le fami­glie non paga­no le ret­te per il ser­vi­zio non ero­ga­to, gli asi­li chiu­do­no. 

E que­sto si tra­du­ce in enor­me dan­no eco­no­mi­co: per­ché il valo­re aggiun­to com­ples­si­vo di un Siste­ma Pae­se non deri­va solo dal­la pro­du­zio­ne indu­stria­le ma – soprat­tut­to in Ita­lia — anche dal set­to­re dei ser­vi­zi, il più pena­liz­za­to da que­sta pan­de­mia: le atti­vi­tà che han­no chiu­so per pri­me e che ria­pri­ran­no per ulti­me sono le meno tute­la­te, a dimo­stra­zio­ne del fat­to che se non si ha alle spal­le una lob­by for­te come quel­la degli indu­stria­li, mol­tis­si­me impre­se e lavo­ra­to­ri ven­go­no com­ple­ta­men­te dimen­ti­ca­ti dal­lo Sta­to ed esclu­si dai suoi prov­ve­di­men­ti, con il risul­ta­to che non pos­so­no fare affi­da­men­to su alcun tipo di tute­la.

E tut­to que­sto, oltre al dan­no per le impre­se, rap­pre­sen­ta un gran­de pro­ble­ma socia­le, tan­to per le fami­glie che per la col­let­ti­vi­tà. 

Per­ché il benes­se­re dei più pic­co­li non si esau­ri­sce all’ora d’aria, ma inve­ste tut­to l’impianto dei ser­vi­zi alla fami­glia e la socie­tà in gene­ra­le. 

Per­ché la didat­ti­ca da remo­to la si può fare con bam­bi­ni o ragaz­zi un po’ più gran­di, ma i bim­bi di età com­pre­sa tra i 6 mesi ai 5 anni dif­fi­cil­men­te si gesti­sco­no con atti­vi­tà e gio­chi ripro­dot­ti su un moni­tor: per loro non fa mol­ta dif­fe­ren­za dal guar­da­re un film di ani­ma­zio­ne, e la loro atten­zio­ne sce­ma in pochi minuti.

E nean­che si può igno­ra­re il ser­vi­zio fon­da­men­ta­le for­ni­to dagli asi­li, che per­met­to­no di libe­ra­re uno dei fami­lia­ri dal­la cura a tem­po pie­no dei figli, garan­ten­do così ad una più ampia fet­ta di popo­la­zio­ne di eman­ci­par­si e par­te­ci­pa­re al mer­ca­to del lavo­ro: nor­mal­men­te, in Ita­lia, le madri. 

Il Sin­da­co di Mila­no ha dichia­ra­to che le ret­te degli asi­li nido pub­bli­ci ver­ran­no rim­bor­sa­te o abbuo­na­te per com­pen­sa­re un ser­vi­zio, di fat­to, non ero­ga­to. 

Bene, ma non benis­si­mo: 

Chi ci gover­na, a tut­ti i livel­li, dovreb­be esse­re al cor­ren­te del fat­to che mol­te fami­glie si rivol­go­no ai nido pri­va­ti non tan­to in fun­zio­ne di una ele­va­ta dispo­ni­bi­li­tà eco­no­mi­ca ma, mol­to più spes­so e più banal­men­te, per­ché i bam­bi­ni non rien­tra­no nel­le gra­dua­to­rie per acce­de­re al nido comu­na­le.  

Que­sto aspet­to è diri­men­te, anche per mar­ca­re una dif­fe­ren­za con le scuo­le pri­va­te o pari­ta­rie: lo Sta­to garan­ti­sce la coper­tu­ra per la scuo­la dell’obbligo, e l’asilo non lo è. 

Per non par­la­re poi dell’enorme disa­gio a cari­co dei bam­bi­ni, che ven­go­no sra­di­ca­ti da real­tà che nel­le loro bre­vis­si­me vite han­no occu­pa­to uno spa­zio fisi­co e tem­po­ra­le enor­me, e che rischia­no di inter­rom­pe­re bru­sca­men­te un per­cor­so che, una vol­ta ini­zia­to, è fon­da­men­ta­le per la loro cre­sci­ta ed il loro svi­lup­po cogni­ti­vo. 

E le ret­te degli asi­li nido pri­va­ti par­to­no da un mini­mo di 700 euro per un full time di 8 ore al gior­no per 5 gior­ni alla set­ti­ma­na. 

Cifre non pro­prio con­te­nu­te, che le fami­glie con­ti­nua­no a paga­re per un ser­vi­zio di cui non usu­frui­sco­no per­ché, di fat­to, non può esse­re ero­ga­to per decre­to gover­na­ti­vo e per il qua­le dovreb­be­ro esse­re pen­sa­te del­le for­me di com­pen­sa­zio­ne come avvie­ne per i nido comu­na­li di mol­te cit­tà le cui ret­te ver­ran­no rim­bor­sa­te o non versate.

E non è cer­ta­men­te suf­fi­cien­te il “bonus baby sit­ter”: un vou­cher di 600 euro (per un perio­do che ini­zia il 24 feb­bra­io e arri­va fino ad oggi: 6 set­ti­ma­ne, per il momen­to) ero­ga­to tra­mi­te il libret­to di fami­glia. 

Una cifra che copre a mala­pe­na una set­ti­ma­na di ser­vi­zio: per­ché non è pos­si­bi­le tro­va­re baby sit­ter – per­so­na­le qua­li­fi­ca­to, a cui affi­dia­mo la cura e l’educazione dei nostri figli — per meno di 15 euro l’ora, che per 8 ore al gior­no per 5 gior­ni lavo­ra­ti­vi fan­no 600 euro esatti.

Ammes­so e non con­ces­so poi che, in que­sta fase un po’ stra­na, ci sia­no per­so­ne di fidu­cia dispo­ste a tra­scor­re­re inte­re gior­na­te a stret­tis­si­mo con­tat­to con quel­li che sono sta­ti iden­ti­fi­ca­ti come i peg­gio­ri vei­co­li di con­ta­gio per un virus che sem­bra non ave­re un par­ti­co­la­re impat­to su di loro: i bam­bi­ni. E vice­ver­sa. 

In mol­ti — che evi­den­te­men­te non vivo­no il pro­ble­ma — sug­ge­ri­sco­no di riti­ra­re i bam­bi­ni: tan­to le scuo­le non ria­pri­ran­no, alme­no rispar­mia­te i sol­di, ci rive­dia­mo a set­tem­bre. Ma non fun­zio­na esat­ta­men­te così: il set­to­re in que­stio­ne è mol­to diver­so da altre real­tà impren­di­to­ria­li pic­co­le o gran­di, e par­te da una situa­zio­ne di svan­tag­gio a cui non può som­mar­si la per­di­ta dei paga­men­ti attesi.

Chie­dia­mo allo­ra al gover­no di pre­ve­de­re del­le tute­le per que­ste real­tà, alme­no nel­la misu­ra mini­ma capa­ce di copri­re una par­te dei costi fis­si, come è sta­to fat­to per le atti­vi­tà com­mer­cia­li. 

E, dal lato fami­glia, chie­dia­mo l’erogazione di un’agevolazione ana­lo­ga al bonus baby sit­ter, per com­pen­sa­re il paga­men­to di ret­te da par­te di fami­glie che con­ti­nua­no a soste­ne­re l’attività di chi si è pre­so cura dei loro bam­bi­ni, seb­be­ne non usu­frui­sca­no del ser­vi­zio, nel­la spe­ran­za di tro­var­la anco­ra lì, pron­ta ad acco­glier­li, quan­do tut­to que­sto sarà finito.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.