«Tutto molto interessante»

Ci sono gli scissionisti, i pontieri, i mediatori, Orlando che vuole la conferenza programmatica, Barca che apprezza, i giovani turchi che si dividono, i vecchi ottomani che si riuniscono, Orfini che regge, Renzi che accelera, Delrio che frena, Franceschini che si tiene, le telefonate, i fuori onda, i capilista, eccetera, eccetera, eccetera. Insomma, «tutto molto interessante», per dirla con una hit dance del momento.

Ci sono gli scis­sio­ni­sti, i pon­tie­ri, i media­to­ri, Orlan­do che vuo­le la con­fe­ren­za pro­gram­ma­ti­ca, Bar­ca che apprez­za, i gio­va­ni tur­chi che si divi­do­no, i vec­chi otto­ma­ni che si riu­ni­sco­no, Orfi­ni che reg­ge, Ren­zi che acce­le­ra, Del­rio che fre­na, Fran­ce­schi­ni che si tie­ne, le tele­fo­na­te, i fuo­ri onda, i capi­li­sta, ecce­te­ra, ecce­te­ra, ecce­te­ra. Insom­ma, «tut­to mol­to inte­res­san­te», per dir­la con una hit dan­ce del momento.

E se il mio tono vi sem­bra ecces­si­va­men­te can­zo­na­to­rio, è per­ché la situa­zio­ne, con le paro­le di Fla­ia­no, «è gra­ve ma non è seria». Gra­ve, per­ché par­lia­mo del par­ti­to che detie­ne il pote­re (pove­ro pote­re dete­nu­to), non seria, per­ché se lo fos­se, alcu­ne cose non suc­ce­de­reb­be­ro e altre sareb­be­ro più chia­re. Può esse­re serio un dibat­ti­to nel qua­le Emi­lia­no accu­sa la sua par­te di esse­re «il par­ti­to dei ban­chie­ri e dei petro­lie­ri» ma poi, tut­to som­ma­to, se le pri­ma­rie si fan­no in set­tem­bre e le ele­zio­ni l’anno pros­si­mo, non è det­to che non ci riman­ga? Può esser­lo quel­lo in cui Ber­sa­ni dice che, rispet­to al suo segre­ta­rio nazio­na­le, ha «idee oppo­ste sul­la demo­cra­zia», però non fa nien­te, per il bene del­la “dit­ta”? Io, per dis­sen­si meno radi­ca­li e con paro­le non tan­to dure, me ne sarei (e me ne sono, in effet­ti) anda­to già da tempo.

Se lo chie­de­va giu­sta­men­te Fran­ce­sco Ver­de­ra­mi sul Cor­rie­re: «qua­le può esse­re il pun­to di com­pro­mes­so per evi­ta­re la scis­sio­ne di un par­ti­to che da tre anni vive una seces­sio­ne? Come si può tene­re insie­me una mino­ran­za che si è divi­sa dal­la mag­gio­ran­za sull’economia, sul lavo­ro, sul­la scuo­la, che si è scon­tra­ta in Par­la­men­to sul­la leg­ge elet­to­ra­le e nel­le piaz­ze sul­la rifor­ma costi­tu­zio­na­le?». Ecco, pre­ci­sa­men­te: qua­le? A par­te la defi­ni­zio­ne del­le liste elet­to­ra­li, s’intende.

La situa­zio­ne è gra­ve, appun­to, ma non è seria. E a nul­la ser­ve evo­ca­re sce­na­ri cata­stro­fi­sti­ci in gior­ni che anno­ve­ra­no fra i mil­le­na­ri­sti pure i pre­sun­ti col­ti­va­to­ri di altri ter­re­ni come Pisa­pia, pre­oc­cu­pa­to da un’eventuale scis­sio­ne del Pd che sareb­be «non solo un pec­ca­to, non solo una scon­fit­ta, ma una scia­gu­ra per il Pae­se», sen­za peri­tar­si di dir­ci per­ché i guai di una par­te sareb­be­ro neces­sa­ria­men­te una iat­tu­ra per il tut­to, visto che anche quel­li che potreb­be­ro avvan­tag­giar­se­ne, piac­cia­no o meno a Pisa­pia o a me, sono comun­que Paese.

Lo stes­so Pisa­pia che, dopo aver­ci illu­stra­to l’intento di dar vita a un «embrio­ne del nuo­vo cen­tro­si­ni­stra», chia­ren­do che non si può sta­re con Alfa­no per­ché «dai dirit­ti civi­li alle poli­ti­che per i gio­va­ni sia­mo diver­si», anco­ra non ci spie­ga chi mie­te­rà nel Cam­po Pro­gres­si­sta in cui ci invi­ta a semi­na­re. Non me ne voglia, ma se è col Pd di Ren­zi (ché altri – di Pd, dico – non se ne vedo­no all’orizzonte) che inten­de costrui­re quel cen­tro­si­ni­stra a cui pen­sa, tan­to da temer­ne una scis­sio­ne, mi sfug­ge il nes­so di quel­la dif­fe­ren­za da Alfa­no di cui par­la­va. Per­ché, se non ricor­do male, è pro­prio con quest’ultimo che il Pd, sen­za ecce­zio­ni signi­fi­ca­ti­ve, ha vota­to sui quei temi e quel­le que­stio­ni che l’ex sin­da­co di Mila­no giu­di­ca diri­men­ti, «dai dirit­ti civi­li alle poli­ti­che  per i gio­va­ni».

Sarà cer­ta­men­te il mio un timo­re con­ta­di­no inca­pa­ce d’elevarsi all’altezza neces­sa­ria per lo sguar­do oppor­tu­no, ma non vor­rei ritro­var­mi, alla sta­gio­ne del rac­col­to, affian­ca­to dal­le paran­ze di quei fal­cia­to­ri che da ormai sei anni e quat­tro gover­ni con­se­cu­ti­vi rastrel­la­no e spi­go­la­no i frut­ti del­le lar­ghe inte­se e del tem­po dell’ineluttabilità.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?