Il fido alleato libico frusta i migranti appena recuperati in mare

«L’Unione europea intensificherà i programmi di addestramento e il proprio supporto a quella stessa organizzazione ripresa in questo video. Pensateci», ha twittato poche ore fa Medici Senza Frontiere, rilanciando un documento video pubblicato da “The Sunday Times”, e girato lo scorso settembre, nel quale si vede la guardia costiera libica frustare dei migranti appena recuperati in mare.

Gli impegni europei sono quelli contenuti nella cosiddetta “Dichiarazione di Malta”, sottoscritta dai leader europei a inizio febbraio, che non è altro che l’approvazione europea dell’accordo promosso dal Gentiloni e Minniti con il governo “parziale” (perché controlla solo parte del territorio) di Al Sarraj.

«La parte italianasi legge nel recente memorandum tra Italia e Libia sul controllo dei flussi migratori – si impegna a fornire supporto tecnico e tecnologico agli organismi libici incaricati della lotta contro l’immigrazione clandestina, e che sono rappresentati dalla guardia di frontiera e dalla guardia costiera». Un accordo inumano e vergognoso, che definisce sempre e tutti i migranti come “clandestini”, non contemplando le categorie dei rifugiati e dei richiedenti asilo, nonostante la Libia sia una tappa del percorso migratorio di migliaia di persone (pensiamo a chi viene dal Corno d’Africa, ad esempio) che hanno ottenuto protezione in Italia e in Europa. Un accordo che affida agli apparati di sicurezza libici la gestione dei flussi e il loro contenimento, tramite «campi di accoglienza temporanei in Libia, sotto l’esclusivo controllo del Ministero dell’Interno libico». Gli stessi apparati di sicurezza che frustano i migranti recuperati in mare senza alcuna apparente ragione: una violenza che paradossalmente configura gli elementi della persecuzione e dell’insicurezza per i quali dovremmo riconoscere l’asilo a queste persone. 

L’accordo con la Libia si dimostra già un accordo sbagliato, che cerca di soffocare con la violenza la fuga delle persone e che rischia perciò di sottoporre queste stesse persone a condizioni tanto gravi quanto quelle dalle quali scappavano. 

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati