Turchia: l’Italia blocchi subito l’export di armi

La Norvegia sospenderà la concessione di licenze per l'esportazione di armi e strumenti bellici verso la Turchia, e riesaminerà le concessioni attive. Il governo italiano è tenuto a fare altrettanto.
#

La Norvegia sospenderà la concessione di licenze per l’esportazione di armi e strumenti bellici verso la Turchia, e riesaminerà le concessioni attive. Il governo italiano è tenuto a fare altrettanto. Non si tratta di una richiesta e non c’è nulla da decidere. Si tratta, molto semplicemente, di applicare quanto prescritto dalla legge 185 del 1990 che vieta espressamente di concedere licenze all’export di armi e strumenti bellici verso paesi in stato di conflitto o responsabili di violazioni dei diritti umani.

La guerra che Erdogan sta facendo ai curdi sarà condotta anche con l’utilizzo di armi italiane. «Negli ultimi quattro anni – spiega Francesco Vignarca di Rete disarmo – l’Italia ha autorizzato forniture militari per 890 milioni di euro e consegnato materiale di armamento per 463 milioni di euro».

Nell’ultimo anno per cui sono disponibili le rilevazioni statistiche, cioè il 2018, «sono state concesse 70 licenze di esportazione definitiva per un controvalore di oltre 360 milioni di euro. Tra i materiali autorizzati: armi o sistemi d’arma di calibro superiore ai 19.7mm, munizioni, bombe, siluri, arazzi, missili e accessori oltre ad apparecchiature per la direzione del tiro, aeromobili e software».

«Se vuoi la pace, prepara la guerra» e se vuoi la guerra esporta le armi. E’ inutile sottolineare, infatti, che il blocco all’export previsto dalla legge 185 del 1990 è sicuramente utile e necessario, ma che si tratta di una misura che arriva “in ritardo”, quando le milizie sono già state armate, gli eserciti mobilitati, i civili attaccati e messi in fuga.

Lo stop all’export, tra l’altro, non è affatto scontato. E’ sufficiente ricordare quanto avvenuto con l’Arabia Saudita, a tutto il 2018 destinataria di ingenti forniture militari dall’Italia mentre da anni sono ampiamente documentati i bombardamenti e la catastrofe umanitaria in atto in Yemen. Ai tempi la Norvegia bloccò l’export, molti altri paesi europei si allinearono e il Parlamento europeo votò una risoluzione che promuoveva la stessa linea. L’Italia, tra Pinotti e Gentiloni, fece finta di non capire.
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati