Traffico di animali: interroghiamo il governo

Il giro d’affari del traffico illegale di animali è enorme, e a questo si aggiunge anche il traffico di animali selvatici. Il terzo dopo armi e droga.

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1505893718367{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Ieri Repub­bli­ca, in un arti­co­lo a fir­ma di Mar­ghe­ri­ta D’Amico, ha posto nuo­va­men­te l’at­ten­zio­ne sul­l’e­nor­me busi­ness ille­ga­le lega­to al traf­fi­co di cuc­cio­li di cani e gat­ti pro­ve­nien­ti dall’Est Euro­pa, paga­ti 50 euro da com­mer­cian­ti sen­za scru­po­li e riven­du­ti nel nostro Pae­se a 1000 euro.

Non è la pri­ma vol­ta che que­sto vasto e cre­scen­te mer­ca­to clan­de­sti­no vie­ne rac­con­ta­to, ma alle Isti­tu­zio­ni il feno­me­no sem­bra esse­re invisibile.

Cuc­cio­li pro­ve­nien­ti da Slo­vac­chia, Unghe­ria, Rus­sia e Ucrai­na.

I più “for­tu­na­ti” arri­va­no vivi, anzi, “anco­ra vivi”, anco­ra per poco.

La mag­gior par­te del­le vol­te infat­ti, que­sti cuc­cio­li, ven­du­ti a igna­ri acqui­ren­ti, muo­io­no per man­can­za di vac­ci­ni, per virus o bat­te­ri con­trat­ti duran­te il viag­gio e a cau­sa del­le pes­si­me con­di­zio­ni in cui ven­go­no fat­to nasce­re e crescere.

I cuc­cio­li, strap­pa­ti alla madre dopo poche set­ti­ma­ne di vita, ven­go­no reclu­si in gab­bie e con­dan­na­ti a cre­sce­re al buio e nel­la spor­ci­zia. Le madri sono usa­te per la ripro­du­zio­ne fino allo sfi­ni­men­to e bom­bar­da­te di ormo­ni per sfrut­ta­re al mas­si­mo la loro fer­ti­li­tà. Vere e pro­prie azien­de dell’orrore.

Dopo poche set­ti­ma­na di vita (ben pri­ma quin­di dei novan­ta gior­ni neces­sa­ri per un sano svi­lup­po e un cor­ret­to equi­li­brio carat­te­ria­le) i cuc­cio­li, così bru­tal­men­te pre­le­va­ti, viag­gia­no nasco­sti e sti­pa­ti in auto e fur­go­ni sen­za area­zio­ne e sen­za le più ele­men­ta­ri nor­me igie­ni­co-sani­ta­rie, accom­pa­gna­ti da docu­men­ti fal­si dove vie­ne modi­fi­ca­ta la data di nasci­ta così da poter appor­re il fal­so tim­bro dei vaccini.

Il giro d’affari del traf­fi­co ille­ga­le di ani­ma­li è enor­me, e a que­sto si aggiun­ge anche il traf­fi­co di ani­ma­li sel­va­ti­ci. Il ter­zo dopo armi e dro­ga.

Socie­tà fit­ti­zie che die­tro una “nor­ma­le” atti­vi­tà, fat­tu­ra­no milio­ni di euro sul­la pel­le degli animali.

Basti pen­sa­re che solo la Repub­bli­ca Ceca può con­ta­re su un mer­ca­to di espor­ta­zio­ne di cuc­cio­li che ren­de un giro d’affari di 58 milio­ni l’anno.

Un Pae­se civi­le non può tol­le­ra­re il pro­fit­to fon­da­to ille­ci­ta­men­te sul­lo sfrut­ta­men­to di cani e gat­ti nati e alle­va­ti in con­di­zio­ni riprovevoli.

Non può far­lo per la sof­fe­ren­za che arre­ca, per le con­se­guen­ze sani­ta­rie che coin­vol­go­no sia ani­ma­li che per­so­ne, per le orga­niz­za­zio­ni cri­mi­na­li che alimenta.

E’ dun­que neces­sa­rio infor­ma­re, per­ché que­sto siste­ma di sfrut­ta­men­to cri­mi­na­le coin­vol­ge anche gli stes­si igna­ri acqui­ren­ti, che, se non ade­gua­ta­men­te infor­ma­ti e sen­si­bi­liz­za­ti sul­la pro­ve­nien­za del cane e il tipo di alle­va­men­to da cui pro­ven­go­no, si ren­do­no com­pli­ci a loro insa­pu­ta di quest’orrendo mer­ca­to, spes­so acqui­stan­do i cuc­cio­li on line, nel­le fie­re o rispon­den­do a qual­che annuncio

E su que­sto tema denun­cia­mo il disin­te­res­se dell’Europa.

La tan­to pro­cla­ma­ta Ana­gra­fe Cani­na Euro­pea è anco­ra fer­ma al palo, men­tre potreb­be rap­pre­sen­ta­re il fon­da­men­ta­le stru­men­to per con­trol­la­re il feno­me­no del traf­fi­co clan­de­sti­no e in par­te contenerlo.

È neces­sa­ria un’as­sun­zio­ne di respon­sa­bi­li­tà di tut­ti gli Sta­ti mem­bri, in pri­mis l’I­ta­lia, affin­chè la Com­mis­sio­ne euro­pea intro­du­ca nor­me più seve­re, l’obbligo del micro­chip alla pri­ma vac­ci­na­zio­ne che di nor­ma non dovreb­be avve­ni­re pri­ma del­la quin­ta set­ti­ma­na e il divie­to di ven­di­ta di ani­ma­li online.

La Com­mis­sio­ne infat­ti ha in più occa­sio­ni riba­di­to che le nor­me ci sono, ma con tut­ta evi­den­za non sono suf­fi­cien­ti.

Il con­tra­sto al traf­fi­co di cuc­cio­li pro­ve­nien­ti  dal­l’E­st è uno dei pun­ti pro­gram­ma­ti­ci del nostro Mani­fe­sto per il Benes­se­re Ani­ma­le e abbia­mo in più occa­sio­ni depo­si­ta­to atti di sin­da­ca­to ispet­ti­vo per sol­le­ci­ta­re il Gover­no ad assu­me­re prov­ve­di­men­ti in tal senso.

Come qua­si sem­pre capi­ta, il Gover­no è rima­sto silen­te. Noi insi­stia­mo e abbia­mo pre­sen­ta­to una nuo­va inter­ro­ga­zio­ne, cer­ti che si trat­ti di un tema in cui si deb­ba inter­ve­ni­re con urgen­za e determinazione.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.