Terrorismo: Possibile, governi fermino il traffico di armi

ROMA, 4 LUG – “Il procuratore nazionale antiterrorismo Franco Roberti ha fatto delle considerazioni che noi condividiamo e che da mesi ripetiamo anche in Parlamento. Dopo l’attentato di Dakka, è sempre più urgente che l’Unione Europea e i Governi Nazionali si impegnino per cercare una strategia politica contro l’Is.

Al di là delle Intelligence e delle soluzioni militari, ormai sappiamo che vanno prosciugati i finanziamenti allo Stato Islamico: la cura politica deve passare attraverso il contrasto del traffico di armi e droga che molti governi fanno finta di ignorare. Riconsiderare i rapporti con Stati come l’Arabia Saudita che finanziano direttamente il terrorismo”. Lo dichiarano in una nota i parlamentari di Possibile Pippo Civati, Beatrice Brignone, Luca Pastorino, Andrea Maestri e Toni Matarrelli.

“Nei mesi scorsi – aggiungono – abbiamo chiesto chiarimenti al governo sui legami dell’Italia con Riyad circa la vendita di armi all’Arabia Saudita, principale responsabile del massacro in Yemen e del finanziamento alla rete dei terroristi dell’Is. Ridefinire i rapporti con questi Paesi, inclusa la Libia, in un ottica di trasparenza totale anche per gli scambi commerciali. E ancora, come suggerisce Roberti, ‘rompiamo le cause delle diseguaglianze sociali’ costruendo politiche dell’accoglienza condivise e sostenute da tutta l’Europa sui migranti. I proclami sulle vittime e sugli allarmi non serviranno a molto se non interveniamo sulle cause che generano il terrorismo e sulle mani che lo finanziano”.

“Il rapporto “Border Wars” delle organizzazioni Transnational Institute e Stop Wapenhalden, diffuso in Italia dalla Rete Italiana per il Disarmo proprio in queste ore, getta pesanti ombre sulle responsabilità delle grandi le aziende europee di armamenti e sicurezza come Finmeccanica, Thales, Airbus, Safran, Indra che da una parte vendono armi, causando di fatto le crisi dei migranti e dall’altro hanno interessi enormi nei sistemi di sicurezza per il controllo delle frontiere. Un corto circuito gigantesco che i Governi devono affrontare in maniera non ipocrita se si vuole davvero fermare il terrorismo globale dello Stato Islamico”, concludono. (ANSA).

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati