Terrorismo: Possibile, governi fermino il traffico di armi

Vanno prosciugati i finanziamenti allo Stato Islamico: la cura politica deve passare attraverso il contrasto del traffico di armi e droga che molti governi fanno finta di ignorare. Riconsiderare i rapporti con Stati come l'Arabia Saudita che finanziano direttamente il terrorismo. Lo dichiarano in una nota i parlamentari di Possibile Pippo Civati, Beatrice Brignone, Luca Pastorino, Andrea Maestri e Toni Matarrelli.

ROMA, 4 LUG — “Il pro­cu­ra­to­re nazio­na­le anti­ter­ro­ri­smo Fran­co Rober­ti ha fat­to del­le con­si­de­ra­zio­ni che noi con­di­vi­dia­mo e che da mesi ripe­tia­mo anche in Par­la­men­to. Dopo l’at­ten­ta­to di Dak­ka, è sem­pre più urgen­te che l’U­nio­ne Euro­pea e i Gover­ni Nazio­na­li si impe­gni­no per cer­ca­re una stra­te­gia poli­ti­ca con­tro l’Is.

Al di là del­le Intel­li­gen­ce e del­le solu­zio­ni mili­ta­ri, ormai sap­pia­mo che van­no pro­sciu­ga­ti i finan­zia­men­ti allo Sta­to Isla­mi­co: la cura poli­ti­ca deve pas­sa­re attra­ver­so il con­tra­sto del traf­fi­co di armi e dro­ga che mol­ti gover­ni fan­no fin­ta di igno­ra­re. Ricon­si­de­ra­re i rap­por­ti con Sta­ti come l’A­ra­bia Sau­di­ta che finan­zia­no diret­ta­men­te il ter­ro­ri­smo”. Lo dichia­ra­no in una nota i par­la­men­ta­ri di Pos­si­bi­le Pip­po Civa­ti, Bea­tri­ce Bri­gno­ne, Luca Pasto­ri­no, Andrea Mae­stri e Toni Matar­rel­li.

“Nei mesi scor­si — aggiun­go­no — abbia­mo chie­sto chia­ri­men­ti al gover­no sui lega­mi del­l’I­ta­lia con Riyad cir­ca la ven­di­ta di armi all’A­ra­bia Sau­di­ta, prin­ci­pa­le respon­sa­bi­le del mas­sa­cro in Yemen e del finan­zia­men­to alla rete dei ter­ro­ri­sti del­l’Is. Ride­fi­ni­re i rap­por­ti con que­sti Pae­si, inclu­sa la Libia, in un otti­ca di tra­spa­ren­za tota­le anche per gli scam­bi com­mer­cia­li. E anco­ra, come sug­ge­ri­sce Rober­ti, ‘rom­pia­mo le cau­se del­le dise­gua­glian­ze socia­li’ costruen­do poli­ti­che del­l’ac­co­glien­za con­di­vi­se e soste­nu­te da tut­ta l’Eu­ro­pa sui migran­ti. I pro­cla­mi sul­le vit­ti­me e sugli allar­mi non ser­vi­ran­no a mol­to se non inter­ve­nia­mo sul­le cau­se che gene­ra­no il ter­ro­ri­smo e sul­le mani che lo finanziano”.

“Il rap­por­to “Bor­der Wars” del­le orga­niz­za­zio­ni Trans­na­tio­nal Insti­tu­te e Stop Wape­n­hal­den, dif­fu­so in Ita­lia dal­la Rete Ita­lia­na per il Disar­mo pro­prio in que­ste ore, get­ta pesan­ti ombre sul­le respon­sa­bi­li­tà del­le gran­di le azien­de euro­pee di arma­men­ti e sicu­rez­za come Fin­mec­ca­ni­ca, Tha­les, Air­bus, Safran, Indra che da una par­te ven­do­no armi, cau­san­do di fat­to le cri­si dei migran­ti e dal­l’al­tro han­no inte­res­si enor­mi nei siste­mi di sicu­rez­za per il con­trol­lo del­le fron­tie­re. Un cor­to cir­cui­to gigan­te­sco che i Gover­ni devo­no affron­ta­re in manie­ra non ipo­cri­ta se si vuo­le dav­ve­ro fer­ma­re il ter­ro­ri­smo glo­ba­le del­lo Sta­to Isla­mi­co”, con­clu­do­no. (ANSA).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.