Sulla morte di un ragazzo

La disoccupazione non è un fallimento personale, bisogna che sia chiaro a tutti i giovani che cercano lavoro e non lo trovano. A questi livelli il problema non è individuale ma riguarda la società intera.

Nei gior­ni scor­si nes­su­no dei quo­ti­dia­ni nazio­na­li ha dato noti­zia di una tra­ge­dia. A Cimal­do­mo, in pro­vin­cia di Tre­vi­so, abi­ta­va Gia­co­mo San­son, che gio­ve­dì 30 giu­gno ha deci­so di ucci­der­si. Ave­va 24 anni, si è impic­ca­to. Il gior­no pri­ma ave­va soste­nu­to l’ennesimo col­lo­quio di lavo­ro anda­to male. Sem­bra che sof­fris­se di depres­sio­ne pro­prio per la man­can­za di un’occupazione seria. Abi­ta­va con i suoi geni­to­ri e anda­va avan­ti con lavo­ri a chia­ma­ta, non riu­scen­do a tro­va­re nul­la di sta­bi­le che gli per­met­tes­se di usci­re di casa e costruir­si un futu­ro che, a que­sto pun­to, non riu­sci­va nem­me­no più a immaginare.

Ognu­no vive gli acca­di­men­ti del­la vita in modo uni­co. Però non pos­sia­mo nega­re che il sen­so di fru­stra­zio­ne, di ina­de­gua­tez­za, di smar­ri­men­to che deve aver pro­va­to Gia­co­mo sia lo stes­so che sen­ta ogni gio­va­ne sen­za lavo­ro. Per lui la suc­ces­sio­ne del­le delu­sio­ni, evi­den­te­men­te inso­ste­ni­bi­li, si è tra­sfor­ma­ta in una pro­fon­da, irri­me­dia­bi­le depres­sio­ne. Doman­dia­mo­ci: sap­pia­mo quan­ti ragaz­zi vivo­no que­sta tota­le per­di­ta di spe­ran­za? Quan­ti vivo­no la pro­pria situa­zio­ne di disoc­cu­pa­zio­ne come una colpa?

Il nodo sta pro­prio qui. La disoc­cu­pa­zio­ne non è un fal­li­men­to per­so­na­le, biso­gna che sia chia­ro a tut­ti i gio­va­ni che cer­ca­no lavo­ro e non lo tro­va­no. A que­sti livel­li (a giu­gno la per­cen­tua­le di inoc­cu­pa­ti era al 36,9% tra i 15 e i 24 anni) il pro­ble­ma non è indi­vi­dua­le, cau­sa del­le scel­te sba­glia­te di que­sta o quel­la per­so­na, ma riguar­da la socie­tà inte­ra. Coin­vol­ge inte­re gene­ra­zio­ni di uomi­ni e don­ne che non pos­so­no fare quel­lo che per i pro­pri padri, e quel­li venu­ti pri­ma di loro, era natu­ra­le: costruir­si un mestie­re, lavo­ra­re sodo, tro­va­re una com­pa­gna o un com­pa­gno di vita, edu­ca­re dei figli, pen­sa­re a una vec­chia­ia sere­na. In poche paro­le: vive­re con digni­tà.

La situa­zio­ne è dovu­ta dall’assenza com­ple­ta di una poli­ti­ca eco­no­mi­ca seria. Il Gover­no non solo non rie­sce a imma­gi­na­re la ben­ché mini­ma solu­zio­ne strut­tu­ra­le alla disoc­cu­pa­zio­ne, ma con­ti­nua imper­ter­ri­to sul­la stra­da di inter­ven­ti come il Jobs Act, il ricor­so ai vou­cher, le decli­na­zio­ni distor­te di pro­gram­mi euro­pei come Garan­zie Gio­va­ni: pro­fon­da­men­te ingiu­sti, ma anche e soprat­tut­to inef­fi­ca­ci. Ad aggra­va­re il qua­dro c’è quel pen­sie­ro laten­te, ma dif­fu­so, per cui un gio­va­ne rima­ne in fami­glia non per­ché costret­to, ma per­ché pigro; per cui un lau­rea­to è un ingra­to e un pre­sun­tuo­so se non accet­ta di fare il cas­sie­re o il bari­sta; per cui, se vuo­le fare espe­rien­za nel pro­prio cam­po, il mas­si­mo a cui aspi­ra­re è un tiro­ci­nio a 400–500 euro al mese o uno sta­ge gra­tui­to, che però “fa curriculum”.

Tut­ti devo­no sape­re che non è così. È giu­sto rifiu­tar­si di lavo­ra­re gra­tis, per­ché sem­pli­ce­men­te non è lavo­ro. Se non c’è retri­bu­zio­ne i casi sono due: o è volon­ta­ria­to o è schia­vi­tù. Tut­ti devo­no sape­re che lavo­ra­re gra­tis o accet­ta­re com­pro­mes­si al ribas­so signi­fi­ca non solo mor­ti­fi­ca­re le pro­prie aspi­ra­zio­ni, ma com­por­ta un dan­no per l’in­te­ra comu­ni­tà: il dato­re di lavo­ro che tro­va una per­so­na dispo­sta a svol­ge­re una man­sio­ne sen­za com­pen­so, non paghe­rà mai pro­fes­sio­ni­sti che lo fan­no in cam­bio di un giu­sto, legit­ti­mo corrispettivo.

I gio­va­ni devo­no sape­re che que­sto siste­ma mala­to non è col­pa loro e sape­re che pro­te­sta­re è pos­si­bi­le. C’è una cosa che la poli­ti­ca può fare subi­to, per libe­ra­re i ragaz­zi come Gia­co­mo dal tun­nel del­lo scon­for­to e dai ricat­ti di que­sto siste­ma mala­to: è il red­di­to mini­mo garan­ti­to. Nell’ultima dire­zio­ne Pd Mat­teo Ren­zi ha sot­to­li­nea­to di esse­re con­tra­rio a for­me di “assi­sten­zia­li­smo a piog­gia”, defi­ni­zio­ne così lon­ta­na dal­la sostan­za del red­di­to mini­mo da met­te­re i bri­vi­di. Garan­ti­re un red­di­to che per­met­ta di rag­giun­ge­re una soglia mini­ma per vive­re ai gio­va­ni sen­za lavo­ro o con un lavo­ro pre­ca­rio è, ad oggi, una sem­pli­ce for­ma di civil­tà. È l’unica manie­ra che per­met­te­reb­be loro di non accet­ta­re qual­sia­si, ma dav­ve­ro qual­sia­si situa­zio­ne pur di tira­re avan­ti e sen­tir­si “occu­pa­ti”, ribel­lan­do­si alle umi­lia­zio­ni. Sareb­be il pri­mo pas­so per inne­sca­re un siste­ma vir­tuo­so al rial­zo. Non pos­sia­mo saper­lo, ma for­se le cose sareb­be­ro anda­te diver­sa­men­te, se Gia­co­mo non si fos­se sen­ti­to com­ple­ta­men­te abbandonato.

Cate­ri­na Vignaduzzo

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.