Sul professionismo delle donne nello sport abbiamo cantato vittoria troppo presto

Siamo ancora molto, molto lontani, dall’abbattere le discriminazioni attualmente presenti nel mondo sportivo.

Come per la tam­pon tax, anche il tema del pro­fes­sio­ni­smo del­le don­ne nel­lo sport mi sta così a cuo­re da aver depo­si­ta­to nel­la scor­sa legi­sla­tu­ra una spe­ci­fi­ca pro­po­sta di leg­ge (che come sem­pre è a disposizione). 

E come nel caso del recen­te emen­da­men­to sul­la tam­pon tax, che tam­pon tax non era, sono costret­ta, dopo un pri­mo momen­to di eufo­ria, a ras­se­gnar­mi che nean­che sta­vol­ta si vede alcu­na rivo­lu­zio­ne all’orizzonte.

Non è nean­che un caso di pin­k­wa­shing, ma solo un po’ di fumo buo­no a fare tito­li inu­til­men­te trion­fa­li­sti­ci e disto­glie­re l’attenzione dal­le quo­ti­dia­ne mise­rie di un gover­no liti­gio­so e inconcludente.

L’emendamento appro­va­to infat­ti non intro­du­ce la tan­to aspi­ra­ta ugua­glian­za tra uomi­ni e don­ne nel­lo sport, non eli­mi­na le ver­go­gno­se discri­mi­na­zio­ni per cui un’atleta don­na in que­sto Pae­se, a dif­fe­ren­za degli uomi­ni, non può acce­de­re alla leg­ge 91/1981 sul pro­fes­sio­ni­smo spor­ti­vo ed è sem­pre con­si­de­ra­ta una dilet­tan­te e mai una pro­fes­sio­ni­sta, al di là del­le meda­glie d’oro e dei tito­li mon­dia­li che por­ta a casa. 

No. L’emendamento in que­stio­ne pre­ve­de tre anni di signi­fi­ca­ti­vi sgra­vi con­tri­bu­ti­vi alle asso­cia­zio­ni spor­ti­ve che deci­do­no di inqua­dra­re i loro atle­ti come pro­fes­sio­ni­sti, don­ne o uomi­ni che siano.

Quin­di: la deci­sio­ne sul pro­fes­sio­ni­smo di un’atleta spet­ta esclu­si­va­men­te al dato­re di lavo­ro, non alle con­di­zio­ni ogget­ti­ve dell’atleta; gli sgra­vi riguar­da­no, ovvia­men­te, sia uomi­ni che don­ne e dura­no tre anni. Poi chi vivrà vedrà.

E anche per i pri­mi tre anni, a dimo­stra­zio­ne che la bat­ta­glia non è anco­ra sta­ta vin­ta, non si sa quan­te saran­no le don­ne a poter usu­frui­re dell’emendamento appe­na appro­va­to: lo dimo­stra­no le paro­le di Bru­no Cat­ta­neo, pre­si­den­te del­la Fede­ra­zio­ne Ita­lia­na Pal­la­vo­lo, che oggi sul­la Gaz­zet­ta del­lo Sport ha can­di­da­men­te ammes­so che “non cre­do pro­prio che por­te­re­mo il vol­ley fem­mi­ni­le al pro­fes­sio­ni­smo. […] È chia­ro che il gover­no ha for­ni­to una oppor­tu­ni­tà per lo sport, ma non può esse­re una impo­si­zio­ne, ma appun­to solo una scel­ta che vie­ne con­ces­sa. Sul­la qua­le ripe­to sono mol­to più che dubbioso.”

Sia­mo quin­di anco­ra mol­to, mol­to lon­ta­ni, dall’abbattere le discri­mi­na­zio­ni attual­men­te pre­sen­ti nel mon­do sportivo.

Come giu­sta­men­te denun­cia su Let­te­ra Don­na ASSIST (Asso­cia­zio­ne Nazio­na­le Atle­te), da sem­pre in pri­ma linea su que­sta bat­ta­glia, il vero pas­so avan­ti il gover­no potrà far­lo a feb­bra­io quan­do sarà in discus­sio­ne la leg­ge dele­ga sul­lo sport, quan­do potrà deli­nea­re con pre­ci­sio­ne qua­li sono i cri­te­ri ogget­ti­vi (e non discre­zio­na­li), per cui un o una atle­ta può acce­de­re alla leg­ge 91/1981 sul pro­fes­sio­ni­smo spor­ti­vo e gode­re del­le rela­ti­ve ed ele­men­ta­ri tute­le lavorative.

In quel momen­to potrem­mo vede­re se le inten­zio­ni del gover­no sono serie, oppu­re se le don­ne sono sta­te usa­te, per l’ennesima vol­ta, per fini che nul­la han­no a che fare con un Pae­se più giusto.

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.