Studia come i singoli possano contribuire al bene collettivo: Michela Cella

23-cartolina-civoti-cella-vertMiche­la è mila­ne­se da sem­pre, ma ha vis­su­to un anno in Arkan­sas (quan­do era gover­na­to­re Bill Clin­ton), uno in Bel­gio e otto anni a Lon­dra (quan­do era pri­mo mini­stro Tony Blair). È ricer­ca­to­re di Eco­no­mia Poli­ti­ca all’U­ni­ver­si­tà Mila­no Bicoc­ca e ha due figli di 6 e 8 anni.  L’u­ni­ca tes­se­ra oltre a quel­la del PD che ha mai avu­to è quel­la del­l’A­ge­sci e cer­ca anco­ra di vive­re secon­do uno degli inse­gna­men­ti di Baden Powell: “Cer­ca­te di lascia­re il mon­do un po’ miglio­re di come l’a­ve­te trovato”.

La pri­ma doman­da è d’ob­bli­go: cosa fa una microe­co­no­mi­sta? “La microe­co­no­mia è un ramo del­l’e­co­no­mia poli­ti­ca, come la macroe­co­no­mia ma mol­to meno cono­sciu­ta al gran­de pub­bli­co. È una disci­pli­na mol­to fles­si­bi­le che stu­dia il com­por­ta­men­to di sin­go­li agen­ti nei più sva­ria­ti con­te­sti: dal­le deci­sio­ni di spe­sa dei con­su­ma­to­ri, alle impre­se su un sin­go­lo mer­ca­to che inte­ra­gi­sco­no stra­te­gi­ca­men­te fino alla defi­ni­zio­ne del modo miglio­re per far lavo­ra­re le per­so­ne in un team o alle deci­sio­ni all’in­ter­no di una fami­glia sul­l’al­lo­ca­zio­ne del tem­po da dedi­ca­re i figli. C’è anche da dire che ormai la macroe­co­no­mia, che stu­dia i siste­mi eco­no­mi­ci e gli aggre­ga­ti, non può più fare a meno del­la microe­co­no­mia, dopo­tut­to i siste­mi eco­no­mi­ci sono fat­ti da tan­ti sin­go­li agen­ti e impre­se.”

Quan­do sei entra­ta in con­tat­to con Civa­ti e il suo pen­sie­ro? “Ho ini­zia­to a leg­ge­re il blog e a segui­re Civa­ti nel­la pri­ma­ve­ra del 2009 quan­do si par­la­va tan­to dei “Piom­bi­ni” il grup­po di gio­va­ni mili­tan­ti e sim­pa­tiz­zan­ti del PD che si era­no riu­ni­ti per discu­te­re del sen­tie­ro di rin­no­va­men­to che il par­ti­to avreb­be dovu­to per­cor­re­re. Spia­ce con­sta­ta­re che quel­le pro­po­ste sia­no quan­to mai attua­li, è cam­bia­to trop­po poco. Di Civa­ti mi pia­ce il meri­to e il meto­do, sono d’ac­cor­do con la mag­gior par­te di quel­lo che dice e mi pia­ce il modo in cui lo fa, lui trat­ta i suoi e‑lettori come per­so­ne adul­te e par­la alla loro testa e non alla pan­cia.” Con­ti­nua Miche­la:Andai all’AR­CI Bel­lez­za nel­la pri­ma­ve­ra del 2010 quan­do que­sta avven­tu­ra inco­min­ciò ma non sono mai sta­ta mol­to atti­va. Seb­be­ne io segua con mol­ta atten­zio­ne le vicen­de del PD e di Civa­ti non mi sono mai lascia­ta coin­vol­ge­re più di tan­to. For­se per­ché nel mio lavo­ro mi dedi­co alla teo­ria microe­co­no­mi­ca alla fine mi pia­ce occu­par­mi di cose pra­ti­che ed è tipi­ca­men­te con le cam­pa­gne elet­to­ra­li che que­sto può suc­ce­de­re. Que­sta è la pri­ma vol­ta che potrò vota­re effet­ti­va­men­te Civa­ti visto che non risie­do nel suo col­le­gio. In que­ste ulti­me set­ti­ma­ne ho fat­to di tut­to: rac­col­ta fir­me, ape­ri­ti­vo di auto­fi­nan­zia­men­to, ho con­vin­to ami­ci a pren­de­re la tes­se­ra del PD, fat­to rias­sun­ti e pre­sen­ta­zio­ni. Sono in un tur­bi­ne, ma sono con­ten­ta di poter aiu­ta­re, era­no anni che aspet­ta­vo que­sto momen­to.”

A que­sto pun­to inter­se­chia­mo le que­stio­ni: cosa c’è di microe­co­no­mi­ca­men­te signi­fi­ca­ti­vo nel­la mozio­ne Civa­ti? “A me sem­bra che per cer­ti ver­si la mozio­ne sia mol­to “micro”, ovun­que si par­la del ruo­lo dei sin­go­li come agen­ti del cam­bia­men­to e come por­ta­to­ri di idee, la fun­zio­ne del par­ti­to è quel­la di ascol­tar­li e faci­li­tar­ne la par­te­ci­pa­zio­ne.  Cer­te idee di fon­do ci sono ovvia­men­te anche nel­la par­te più pro­gram­ma­ti­ca, l’en­fa­si sul­la ridu­zio­ne del­le tas­se sul lavo­ro per­ché con­ven­ga offri­re e doman­da­re lavo­ro, l’i­dea che deb­ba­no esse­re eli­mi­na­te alcu­ne “bar­rie­re all’en­tra­ta” che tro­via­mo ovun­que nel nostro siste­ma eco­no­mi­co e per­si­no l’i­dea che i lavo­ra­to­ri del­la pub­bli­ca ammi­ni­stra­zio­ne deb­ba­no esse­re moti­va­ti con pre­mi e rico­no­sci­men­ti.”

Uno dei per­ni del­la mozio­ne è l’ar­ti­co­lo 3 del­la Costi­tu­zio­ne: quan­to è impor­tan­te? “L’ar­ti­co­lo 3 del­la costi­tu­zio­ne reci­ta: “È com­pi­to del­la Repub­bli­ca rimuo­ve­re gli osta­co­li di ordi­ne eco­no­mi­co e socia­le, che, limi­tan­do di fat­to la liber­tà e l’e­gua­glian­za dei cit­ta­di­ni, impe­di­sco­no il pie­no svi­lup­po del­la per­so­na uma­na e l’ef­fet­ti­va par­te­ci­pa­zio­ne di tut­ti i lavo­ra­to­ri all’or­ga­niz­za­zio­ne poli­ti­ca, eco­no­mi­ca e socia­le del Pae­se.” e imma­gi­no che sia uno dei prin­ci­pi ispi­ra­to­ri di tut­ta la mozio­ne. Sono mol­to orgo­glio­sa che Civa­ti abbia avu­to il corag­gio, che man­ca ad una par­te trop­po gros­sa del­la sini­stra moder­na, di met­te­re il tema del­l’u­gua­glian­za al cen­tro del­la mozio­ne. For­se chi vuo­le sem­bra­re nuo­vo e al pas­so con i tem­pi non ne par­la per inca­pa­ci­tà di decli­nar­la in chia­ve attua­le. È secon­do me evi­den­te che par­la­re di meri­to, di cui c’è un gran biso­gno nel pae­se, sen­za occu­par­si di’uguaglianza del­le oppor­tu­ni­tà è non voler dav­ve­ro risol­ve­re il pro­ble­ma. Le socie­tà più ugua­li sono anche le più feli­ci, quin­di è nel­l’in­te­res­se di tut­ti cer­ca­re di ridur­re le disu­gua­glian­ze dei risul­ta­ti agen­do sul­le disu­gua­glian­ze di par­ten­za.”

23-cartolina-civoti-cellaUn tema cri­ti­co è appun­to que­sto: come met­te­re in pra­ti­ca lo slo­gan “non c’è meri­to sen­za ugua­glian­za”? “Si ricom­pen­sa vera­men­te il meri­to (con cui inten­do sia impe­gno che capa­ci­tà) quan­do le con­di­zio­ni di par­ten­za sono meno dise­gua­li, è chia­ro a tut­ti l’e­sem­pio del­la gara dei 200m in cui qual­cu­no par­te 50m avan­ti agli altri. Chi arri­va pri­mo è dav­ve­ro il più bra­vo? Quin­di secon­do me (e secon­do eco­no­mi­sti mol­to più bra­vi di me) biso­gna inve­sti­re sul ridur­re le dispa­ri­tà nel­le con­di­zio­ni di par­ten­za per i ragaz­zi, e per que­sto biso­gna inter­ve­ni­re mol­to pre­sto, anche in età pre­sco­la­re. Biso­gna per­met­te­re a tut­ti di inve­sti­re su loro stes­si, per­ché poi pos­sa­no met­te­re dav­ve­ro a frut­to le loro capa­ci­tà. Nel­le con­di­zio­ni in cui sia­mo ades­so ho l’im­pres­sio­ne che stia­mo spre­can­do un sac­co di talen­ti.”

Facen­do una sin­te­si, pen­si che il futu­ro sia a sini­stra, al cen­tro o nel cen­tro­si­ni­stra sen­za trat­ti­no (che ci pia­ce chia­ma­re Uli­vo)? “Rispo­sta scon­ta­ta, il futu­ro è nel cen­tro­si­ni­stra (ovve­ro al cen­tro del­la sini­stra) per una solu­zio­ne che “con­tem­pli mos­se egua­li­ta­rie e solu­zio­ni libe­ra­li”. Ogni vol­ta che rileg­go la mozio­ne mi con­vin­co sem­pre più che noi pro­po­nia­mo la “ter­za via” del­la sini­stra ita­lia­na, pec­ca­to che que­sta espres­sio­ne l’ab­bia conia­ta Gid­dens per Tony Blair e non la si pos­sa più usa­re.”

#Civo­ti 23: Miche­la Cella

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.