Promuove la cultura dell’accoglienza: Davide Mattiello

22-cartolina-civoti-mattiello-vertLa noti­zia del­la can­di­da­tu­ra alla Came­ra di Davi­de Mat­tiel­lo, pre­si­den­te del­la fon­da­zio­ne Ben­ve­nu­ti in Ita­lia, da sem­pre ani­ma­to­re nel volon­ta­ria­to tori­ne­se e non solo, era sta­ta uno dei fio­ri all’oc­chiel­lo del­la cam­pa­gna elet­to­ra­le demo­cra­ti­ca lo scor­so gen­na­io. «Que­sto PD meri­ta­va di vin­ce­re», dice l’og­gi ono­re­vo­le Mat­tiel­lo. «Le scel­te sono sta­te fat­te, non sono solo sta­te pro­cla­ma­te: dal­le pri­ma­rie per il pre­mier alle pri­ma­rie per i par­la­men­ta­ri, era­no scel­te tut­te rischio­se, e sono sta­te avver­sa­te da mol­ti colon­nel­li del par­ti­to. Nel PD c’è una poten­zia­li­tà straor­di­na­ria». Volu­to da Pier Lui­gi Ber­sa­ni, Mat­tiel­lo (che in Par­la­men­to sie­de alla com­mis­sio­ne Anti­ma­fia) trac­cia un paral­le­lo tra l’ex segre­ta­rio del PD e Giu­sep­pe Civa­ti, che si can­di­da a suc­ce­der­gli, e che egli stes­so sostie­ne: «Civa­ti ha atten­zio­ne uma­na alle per­so­ne, memo­ria dei fat­ti, capa­ci­tà di col­le­ga­men­to e di costrui­re una rela­zio­ne poli­ti­ca tra gli indi­vi­dui», argo­men­ta Mat­tiel­lo. «Pip­po non fin­ge di ascol­ta­re il suo inter­lo­cu­to­re, que­sto fa la dif­fe­ren­za. Un’a­na­lo­ga atten­zio­ne l’ho ritro­va­ta in Ber­sa­ni, a cui dis­si che vota­re la fidu­cia a que­sto gover­no mi avreb­be fat­to mori­re poli­ti­ca­men­te, non sarei sta­to uti­le a nes­su­no: così Pier Lui­gi ha par­la­to col capo­grup­po Spe­ran­za, per dispen­sar­mi e con­sen­tir­mi di usci­re dal­l’au­la. Ber­sa­ni allo­ra mi ha dedi­ca­to atten­zio­ne, si è fat­to cari­co di un pro­ble­ma. Così è Civa­ti: mi ha col­pi­to la sua capa­ci­tà di ave­re a cuo­re le per­so­ne come “pri­ma e più impor­tan­te for­ma di ser­vi­zio”, di cari­tà, per usa­re il voca­bo­la­rio cat­to­li­co e la rifles­sio­ne por­ta­ta da una come Simo­ne Weil, cara a colo­ro che con­di­vi­do­no il mio sguar­do. La fon­da­zio­ne è lo stru­men­to che a Tori­no abbia­mo pro­va­to per inno­va­re le for­me del­la poli­ti­ca anche fuo­ri dai par­ti­ti, con­tri­buen­do alla loro atti­vi­tà, come gli advo­ca­cy group sta­tu­ni­ten­si».

mattiello-640x429 Quel­lo che Mat­tiel­lo ha fat­to in que­sti anni lo qua­li­fi­ca come espo­nen­te di quel­la che i poli­ti­ci ama­no chia­ma­re socie­tà civi­le, per distin­guer­se­ne. Otto o nove mesi di Par­la­men­to non lo han­no cam­bia­to: che idea si è fat­to del­la clas­se poli­ti­ca di pro­fes­sio­ne, vista dal den­tro? «Non è vero che in Par­la­men­to non si lavo­ra, anzi si lavo­ra assai, ma sul­la base del­la volon­tà poli­ti­ca di chi ha in mano il gio­co da quan­do i 101 han­no impal­li­na­to Pro­di, e sem­bra tut­to­ra male­du­ca­zio­ne chie­der­ne con­to. Non è mora­li­smo: mi sono reso con­to, arri­van­do in Par­la­men­to, quan­to poco io pos­sa con­ta­re nei pro­ces­si deci­sio­na­li (che sono scel­te poli­ti­che pre­ci­se, e non ine­vi­ta­bi­li). Per far­lo tra l’al­tro ci vuo­le una com­pe­ten­za tec­ni­ca che non ho anco­ra rag­giun­to. Oltre­tut­to i pro­ces­si deci­sio­na­li sono basa­ti sul­le appar­te­nen­ze a que­sto o quel grup­po: nes­su­no pen­si di arri­va­re là e for­ma­re la deci­sio­ne sul­la base del dibat­ti­to in aula. Que­sto avvie­ne altro­ve, e le Came­re sono solo il luo­go del­la rap­pre­sen­ta­zio­ne del­la deci­sio­ne assun­ta. Quin­di il tema è: dove si for­ma­no le deci­sio­ni? Come fare a con­ta­re nel­la for­ma­zio­ne del­le deci­sio­ni? Anche per que­sto moti­vo, è impor­tan­te il con­gres­so del PD e la can­di­da­tu­ra di Pip­po Civa­ti: i pro­ces­si deci­sio­na­li sono inter­ni al par­ti­to, a secon­da di chi ne tie­ne le redi­ni que­sti van­no in un sen­so anzi­ché in un altro. Non mi scan­da­liz­zo che non si sia vota­ta la sfi­du­cia a Can­cel­lie­ri, per­ché non pote­va che suc­ce­de­re que­sto: vole­va­mo che il PD assu­mes­se la deci­sio­ne su di sè, Pip­po è sta­to coe­ren­te, corag­gio­so e con­cre­to anche sul pia­no for­ma­le. In quin­di­ci su 400 abbia­mo sot­to­scrit­to il docu­men­to, gli altri ci han­no sper­nac­chia­to: la bat­ta­glia dev’es­se­re den­tro il par­ti­to, non con­tro. Sto scom­met­ten­do sul­le pri­ma­rie e sul con­gres­so, sen­za la can­di­da­tu­ra di Pip­po mi sen­ti­rei impo­ten­te e disar­ma­to: mi dà un filo di spe­ran­za per il futu­ro, in cui uno come me pos­sa con­ta­re assie­me agli altri nei pro­ces­si deci­sio­na­li del par­ti­to. Il PD è rima­sto l’u­ni­co par­ti­to che c’è in Ita­lia, con tut­te le fati­che di un’or­ga­niz­za­zio­ne com­ples­sa».

Riparte-il-Futuro Un esem­pio del­le dina­mi­che par­la­men­ta­ri è dato dal­la rifor­ma del­l’ar­ti­co­lo 416 ter, una cam­pa­gna per la qua­le Mat­tiel­lo si è spe­so mol­to, pri­ma con “Ripar­te il futu­ro” e poi da rela­to­re. «Ora sia­mo a un pun­to mor­to. Il lavo­ro alla Came­ra è sta­to buo­no, per­fet­ti­bi­le come alcu­ni si sono affret­ta­ti a sot­to­li­nea­re, ma sen­za che faces­si­mo le bar­ri­ca­te. Il testo rifor­ma­to, usci­to all’u­na­ni­mi­tà dal­la com­mis­sio­ne giu­sti­zia ai pri­mi di luglio, è arri­va­to in aula il 15 del­lo stes­so mese e appro­va­to l’in­do­ma­ni, sem­pre all’u­na­ni­mi­tà. Un fat­to straor­di­na­rio, se si con­si­de­ra che il pro­get­to par­ti­va da una ini­zia­ti­va di leg­ge pri­ma popo­la­re (Ripar­te il futu­ro) e poi par­la­men­ta­re, rispet­tan­do i tem­pi che si era dato all’i­ni­zio: fino­ra abbia­mo vota­to per lo più prov­ve­di­men­ti del gover­no, nel­la XVII legi­sla­tu­ra. Il 23 luglio il testo dove­va appro­da­re al Sena­to, in com­mis­sio­ne Giu­sti­zia riu­ni­ta in sede deli­be­ran­te, ma è scop­pia­ta la pole­mi­ca su Repub­bli­ca, la pre­sun­ta rivol­ta dei pub­bli­ci mini­ste­ri, due ore pri­ma del­la sedu­ta com­mis­sio­ne, con un tem­pi­smo paz­ze­sco dopo che c’e­ra­no sta­ti solo applau­si, com­men­ti posi­ti­vi e lusin­ghie­ri. I sena­to­ri, tra­vol­ti dal­la pole­mi­ca e con stru­men­ta­le mali­zia, han­no bloc­ca­to tut­to: il cen­tro­de­stra non aspet­ta­va altro che di insab­biar­la, il PD come al soli­to si è divi­so, c’è una par­te rema con­tro. Addi­rit­tu­ra il capo­grup­po Zan­da ha dichia­ra­to che Savia­no ave­va ragio­ne e che la rifor­ma non anda­va bene, sen­za chia­ma­re né me, né il suo omo­lo­go Spe­ran­za, né l’on.Ferranti. Secon­do me se ormai se ne ripar­la nel­la pros­si­ma legi­sla­tu­ra, con un’al­tra mag­gio­ran­za».

 Han­no det­to che il docu­men­to di Civa­ti, pur lun­go e meti­co­lo­so, non si espo­ne con dovi­zia riguar­do le mafie. «I docu­men­ti sono impor­tan­ti, per­ché com­pro­met­to­no. La nostra mozio­ne è arti­co­la­ta, e va bene così: la cre­di­bi­li­tà di que­sto o quel testo dev’es­se­re data soprat­tut­to dal­le per­so­ne che lo sosten­go­no, per­ché un buon docu­men­to lo pos­so­no scri­ve­re tut­ti, come una gal­le­ria del­le buo­ne idee. Il nostro pro­ble­ma non è tro­va­re altre buo­ne idee per cam­bia­re il Pae­se, ma affi­dar­le a per­so­ne cre­di­bi­li e com­pe­ten­ti. Si vada quin­di a guar­da­re chi sostie­ne le mozio­ni, più che i loro para­gra­fi, anche in tema di mafie».

22-cartolina-civoti-mattielloUno dei tuoi slo­gan è “sia­mo Mol­ti”: chi sono i mol­ti, chi vedi dal­la tua par­te, chi sen­ti esser­ti vici­no? «Lo slo­gan è nato all’in­ter­no del­la nostra fon­da­zio­ne, pro­prio per il pas­sag­gio elet­to­ra­le del­lo scor­so inver­no. Era una rispo­sta all’a­gen­da Mon­ti: con l’a­gen­da Mol­ti, il nostro con­tri­bu­to in Par­la­men­to sareb­be anda­to in una dire­zio­ne mol­to dif­fe­ren­te da quel­la del pre­mier uscen­te, per­ché c’è anco­ra biso­gno di un’al­tra agen­da, di una rifles­sio­ne ampia sul­la poli­ti­ca eco­no­mi­ca, l’Eu­ro­pa, il debi­to. “Sia­mo Mol­ti” fa rife­ri­men­to alla gran­de rete di Ben­ve­nu­ti in Ita­lia, del­le coo­pe­ra­ti­ve socia­li, dei gio­va­ni che tra impre­sa e acco­glien­za si rico­no­sco­no in nosto modo di lavo­ra­re. Abbia­mo fat­to tan­te ini­zia­ti­ve, e anche per­so­ne che non avreb­be­ro vota­to per il Par­ti­to Demo­cra­ti­co lo han­no fat­to per­ché can­di­da­va me».

#Civo­ti 22: Davi­de Mattiello

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.