La salute è un diritto fondamentale: lo dice pure Beveridge

A stethoscope over a electrocardiogram close up.La Repub­bli­ca tute­la la salu­te come fon­da­men­ta­le dirit­to dell’individuo e inte­res­se del­la col­let­ti­vi­tà, e garan­ti­sce cure gra­tui­te agli indi­gen­ti.” Art. 32 Costi­tu­zio­ne Italiana.

Lo sta­to Ita­lia­no quin­di tute­la la salu­te come “dirit­to fon­da­men­ta­le”. Su que­sto prin­ci­pio si basa l’epocale rifor­ma del 1978, la leg­ge 833 isti­tuen­te il Ser­vi­zio Sani­ta­rio Nazio­na­le. L’Italia, in tale data, ha abban­do­na­to defi­ni­ti­va­men­te l’assistenza di tipo “mutua­li­sti­co” per sce­glie­re il model­lo uni­ver­sa­li­sti­co di tipo Beve­rid­gia­no (da Sir Beve­rid­ge, l’Ideatore del Natio­nal Health System del Regno Uni­to, il pri­mo Ser­vi­zio Sani­ta­rio pub­bli­co e gratuito).

Cosa signi­fi­ca?
In un Siste­ma Sani­ta­rio Uni­ver­sa­li­sti­co lo Sta­to garan­ti­sce ai pro­pri cit­ta­di­ni il dirit­to ad acce­de­re all’assistenza sani­ta­ria, a tito­lo gra­tui­to, evi­tan­do che chi ha biso­gno di pre­sta­zio­ni sani­ta­rie sia costret­to a paga­re per le stes­se. Lo Sta­to garan­ti­sce la coper­tu­ra finan­zia­ria dei ser­vi­zi ero­ga­ti, recu­pe­ran­do le risor­se attra­ver­so le tas­se: sia­mo quin­di noi con­tri­buen­ti, con­cre­ta­men­te, a ver­sa­re una quo­ta per i Ser­vi­zi Sani­ta­ri di cui pos­sia­mo disporre.

È giu­sto?
I prin­ci­pa­li detrat­to­ri del model­lo Uni­ver­sa­li­sti­co sosten­go­no che non sia giu­sto che un cit­ta­di­no “sano” paghi per ser­vi­zi che non sta uti­liz­zan­do. Quest’affermazione è facil­men­te smen­ti­bi­le con i dati epi­de­mio­lo­gi­ci, che dimo­stra­no come un miglio­ra­men­to del­le con­di­zio­ni di salu­te del­le clas­si più disa­gia­te com­por­ti a casca­ta bene­fi­ci a tut­ta la col­let­ti­vi­tà. Sen­za dimen­ti­ca­re che è eti­ca­men­te giu­sto, oltre che un dove­re mora­le, con­tri­bui­re a man­te­ne­re il dirit­to alla salu­te, non solo nostro, ma di tut­ti i nostri con­cit­ta­di­ni, soprat­tut­to quel­li che ver­sa­no in con­di­zio­ni socio-eco­no­mi­che disagiate.

Gli indi­vi­dui
I Padri Costi­tuen­ti ave­va­no qui dimo­stra­to spi­ri­to di avan­guar­dia, par­lan­do di “indi­vi­dui” piut­to­sto che “cit­ta­di­ni”. Que­sto signi­fi­ca che in Ita­lia vie­ne garan­ti­to il dirit­to alla Salu­te ad ogni per­so­na, a pre­scin­de­re dal suo ses­so, dal­la sua etnia, dal suo livel­lo socio-eco­no­mi­co, dal­la sua nazio­na­li­tà, e dal suo sta­tus. Que­sto dimo­stra l’universalità di que­sto dirit­to, che vie­ne appli­ca­to non solo a chi gode del­la cit­ta­di­nan­za Ita­lia­na, ma a tut­ti gli indi­vi­dui che si tro­vi­no nel ter­ri­to­rio Italiano.

Dove sia­mo arri­va­ti?
Il Ser­vi­zio Sani­ta­rio Nazio­na­le Ita­lia­no, nel cor­so degli anni, è diven­ta­to uno dei fio­ri all’occhiello del nostro Pae­se, che ha per­mes­so all’ Ita­lia di esse­re sem­pre tra i pri­mi in clas­si­fi­ca per qua­li­tà dell’assistenza sani­ta­ria e di esse­re un model­lo di rife­ri­men­to per gli altri Paesi.
Eppu­re per­man­go­no anco­ra alcu­ne pro­ble­ma­ti­che: con il decre­to 502 del 1992, lo Sta­to ha dele­ga­to alle Regio­ni la gestio­ne dell’assistenza sani­ta­ria. Que­sto pas­so avreb­be dovu­to pro­por­re un miglio­ra­men­to dei ser­vi­zi e una più capil­la­re pre­sen­za sul ter­ri­to­rio, ma crea­to, in real­tà, con­di­zio­ni di gran­de dispa­ri­tà, con 20 Ser­vi­zi Nazio­na­li diver­si inve­ce di uno solo, di cui alcu­ne real­tà vir­tuo­se, ma altre insuf­fi­cien­ti per offer­ta dei ser­vi­zi e gestio­ne del­la spesa.
Lo sta­to dovreb­be con­ti­nua­re ad esse­re Garan­te del dirit­to alla Salu­te, limi­tan­do le disu­gua­glian­ze ter­ri­to­ria­li, lascian­do alla Regio­ni mar­gi­ni di liber­tà (soprat­tut­to a quel­le più “vir­tuo­se”) ma costrin­gen­do­le a garan­ti­re stan­dard mini­mi di qua­li­tà omo­ge­nei in tut­to il ter­ri­to­rio, più com­ple­ti degli attua­li L.E.A., (Livel­li Essen­zia­li di Assi­sten­za) che, nono­stan­te sia­no già i mini­mi accet­ta­bi­li, in alcu­ne regio­ni non rie­sco­no nep­pu­re ad esse­re com­ple­ta­men­te soddisfatti.

È anco­ra un model­lo soste­ni­bi­le?
La pro­fon­da diver­si­tà del­la strut­tu­ra demo­gra­fi­ca Ita­lia­na di que­sto ter­zo mil­len­nio, con il pro­gres­si­vo allun­ga­men­to del­la spe­ran­za di vita e l’innalzamento dell’età media del­la popo­la­zio­ne, non­ché l’aumento del­la pre­va­len­za del­le malat­tie cro­ni­che, pone del­le nuo­ve sfi­de al Siste­ma Sani­ta­rio Italiano.
Il Ser­vi­zio Sani­ta­rio Nazio­na­le è in dif­fi­col­tà, anche a cau­sa del perio­do di cri­si, ma è anco­ra soste­ni­bi­le. Occor­re idea­re stra­te­gie di revi­sio­ne del­la spe­sa che non pre­ve­da­no tagli linea­ri, ma ana­liz­zi­no gli spre­chi da eli­mi­na­re sen­za intac­ca­re la qua­li­tà.  I sol­di desti­na­ti alle spe­se sani­ta­rie non sono “ a fon­do per­du­to”, ma anzi, pos­so­no esse­re occa­sio­ne di inve­sti­men­to, a pat­to di attua­re serie poli­ti­che sani­ta­rie a lun­go ter­mi­ne, che con­si­de­ri­no tut­to il per­cor­so di vita del cit­ta­di­no, sen­za dimen­ti­ca­re le stra­te­gie di prevenzione.
Occor­re rive­de­re il “con­tri­bu­to dell’utente alla spe­sa sani­ta­ria”, il fami­ge­ra­to tic­ket, che, soprat­tut­to nel­la sua quo­ta fis­sa che non tie­ne con­to del red­di­to dell’utente, risul­ta ini­quo e crea dispa­ri­tà tra le varie clas­si sociali.

Qua­le futu­ro per la Sani­tà Ita­lia­na?
È neces­sa­rio con­ti­nua­re ad inve­sti­re sul Ser­vi­zio Sani­ta­rio Nazio­na­le, affin­ché con­ti­nui ad esse­re uno stru­men­to di dife­sa di un dirit­to fon­da­men­ta­le, e la sani­tà pri­va­ta deve ad esso affian­car­si, ma non sosti­tuir­si. Lo Sta­to deve difen­de­re e tute­la­re il Ser­vi­zio Sani­ta­rio pub­bli­co, nel suo ine­sti­ma­bi­le valo­re, e deve dare ad esso gli stru­men­ti per ammo­der­nar­si e pro­iet­tar­si nel nuo­vo millennio.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.