Spingitori di primarie: Vicenza

vicenzadE sem­bra la stes­sa stra­da, la stes­sa sce­na, ma sei a Vicen­za. Suo­ni il cam­pa­nel­lo. Come for­se saprà, dici, l’8 dicem­bre ci saran­no le pri­ma­rie del Pd. La voce ti rispon­de: sarei impe­gna­ta ades­so. Sarà la quin­ta casa in cui si ripe­te la stes­sa cosa. Sen­ti gli altri grup­pi. A loro sta andan­do alla gran­de. Han­no con­vin­to due per­so­ne, dico­no entu­sia­sti. Han­no par­la­to con altre quat­tro. Si sono intrat­te­nu­ti con un ren­zia­no duro e puro per ven­ti minu­ti: non l’hanno con­vin­to, ma sono comun­que più che entusiasti.

Ritor­ni al tuo com­pi­to. Un altro cor­dial­men­te ti dice che ormai non ne può più. La poli­ti­ca, que­sta poli­ti­ca. Non è rima­sta che l’astensione. Sai che i minu­ti scor­ro­no come un raso­io. Basta cre­de­re dav­ve­ro per cam­bia­re le cose, spieghi.

Por­ta dopo por­ta, ti immer­gi nel­la sto­ria di una o più vite. Per­so­ne che improv­vi­sa­men­te si tro­va­no a che fare con la pas­sio­ne dei volon­ta­ri. Quan­do final­men­te una di esse si apre, ti lascia­no due minu­ti. In due minu­ti come rac­con­ta­re la sto­ria di que­sta mozio­ne, di que­sto ten­ta­ti­vo? Giu­sep­pe Civa­ti ti ha con­vin­to, ti ha ripor­ta­to alla poli­ti­ca, hai det­to. Non c’erano più paro­le, dopo Apri­le, dopo i 101. Poi le hai ritro­va­te. E sono paro­le nuo­ve, paro­le che apro­no que­ste por­te e per­met­to­no alle espe­rien­ze di fon­der­si. Ci sono solo due per­so­ne, uno di fron­te all’altro. Tu e il tuo interlocutore.

“Asten­sio­ni­smo, anti­po­li­ti­ca, insul­ti e rab­bia. Non c’è più nul­la di tut­to ciò. Solo idee, pas­sio­ne e impe­gno. E dia­lo­go” (Leo­nar­do).

Era saba­to 30 novem­bre, a Vicen­za. Insie­me ad altri mili­tan­ti del PD, favo­re­vo­li a Pip­po Civa­ti, ave­te incon­tra­to 45 per­so­ne, ave­te suo­na­to 100 cam­pa­nel­li, ave­te visi­ta­to 30 case; più di una deci­na di volon­ta­ri coin­vol­ti. In pochi ti han­no det­to chi sie­te, cosa vole­te. Alcu­ni ti han­no offer­to un caf­fè e quan­do così è sta­to, hai pen­sa­to che il Pd sem­bra pro­prio in asti­nen­za da caf­fei­na poi­ché qui dovreb­be sta­re, a dia­lo­ga­re di casa in casa, di stan­za in stanza.

vicenzac“Il caf­fè è un momen­to fon­da­men­ta­le: è la con­sa­cra­zio­ne di un dia­lo­go tra pari. Il par­ti­to-orga­niz­za­zio­ne par­la diret­ta­men­te con il cit­ta­di­no. Il par­ti­to-orga­niz­za­zio­ne che si incar­na nel mili­tan­te, lo respon­sa­bi­liz­za, e tro­va il corag­gio di — pen­sa­te un po’ — chie­de­re il per­mes­so di ascol­ta­re e far­si ascol­ta­re” (Loren­zo).

Tut­to ciò avvie­ne non in una piaz­za, non in una sede di par­ti­to: ma in un ter­ri­to­rio “sco­mo­do”, ovve­ro le case dei cit­ta­di­ni. Que­sto gesto, l’ascolto, ti pare chia­ro come l’inizio di un’opera di recu­pe­ro di par­te del con­sen­so smar­ri­to. Qual è la for­za pro­pul­si­va ed ecci­tan­te di que­sta nuo­va caf­fei­na? La capa­ci­tà di ascol­ta­re, più che di con­vin­ce­re. Gra­zie al por­ta a por­ta, il PD ha risco­per­to la bel­lez­za dell’ascolto. Come se fos­se un nuo­vo sen­so di calo­re umano.

Non a caso ti ven­go­no in men­te le paro­le di Fabri­zio Bar­ca. La demo­cra­zia deli­be­ra­ti­va, que­sta sco­no­sciu­ta. Lo spe­ri­men­ta­li­smo demo­cra­ti­co per­met­te al par­ti­to di ave­re un mag­gior nume­ro di stru­men­ti cogni­ti­vi, di feed­back neces­sa­ri a pro­por­re un’azione di gover­no. In que­sto sen­so sei sta­to tu lo stru­men­to. In car­ne e ossa e voce e idee.

[Libe­ra­men­te ispi­ra­to ai con­tri­bu­ti di Leo­nar­do e Lorenzo]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

I piagnistei e le grandi dichiarazioni - sempre le stesse – ad ogni ricorrenza non servono. Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.
Questo gigantesco e raffazzonato tentativo di maquillage dello sfruttamento ha incontrato finalmente il suo destino naturale con la sentenza 30/06/2021 del Tribunale di Bologna.
Dopo -anzi, durante - il Covid, e con l'emergenza climatica in corso, le priorità dovrebbero cambiare. Solo per le Olimpiadi Milano-Cortina pare che nulla cambi. Né nella progettazione, né nell'impostazione, mentre la Lega (che governa le due Regioni) intende usare i Giochi come un volano politico.