Sicurezza e stranieri: o c’entrano o non c’entrano

Michele Ainis, stimatissimo costituzionalista (lo stimo molto, davvero, anche personalmente), ci offre su Repubblica di oggi una riflessione riguardante la triangolazione tra stato di diritto, immigrazione e sicurezza. Il punto di partenza è quello che definisce “un fiume in piena”, e cioè l’arrivo di cittadini stranieri che sarebbe decuplicato negli ultimi 25 anni. Il dato ha un suo fondamento, ma apre a due enormi osservazioni.
Schermata-2016-11-15-alle-10.01.37

Miche­le Ainis, sti­ma­tis­si­mo costi­tu­zio­na­li­sta (lo sti­mo mol­to, dav­ve­ro, anche per­so­nal­men­te), ci offre su Repub­bli­ca di oggi una rifles­sio­ne riguar­dan­te la trian­go­la­zio­ne tra sta­to di dirit­to, immi­gra­zio­ne e sicu­rez­za. Il pun­to di par­ten­za è quel­lo che defi­ni­sce “un fiu­me in pie­na”, e cioè l’arrivo di cit­ta­di­ni stra­nie­ri che sareb­be decu­pli­ca­to negli ulti­mi 25 anni. Il dato ha un suo fon­da­men­to, ma apre a due enor­mi osser­va­zio­ni.

La pri­ma è che gli stra­nie­ri sono decu­pli­ca­ti rispet­to a 25 anni fa sem­pli­ce­men­te perché in Ita­lia allo­ra non c’erano cit­ta­di­ni stra­nie­ri: il cen­si­men­to del 1991 ne regi­strò, infat­ti 356mila, pari allo 0,6% del­la popo­la­zio­ne ita­lia­na. Sono quel­li gli anni, infat­ti, in cui il nostro pae­se diven­ta un pae­se a sal­do migra­to­rio posi­ti­vo, por­tan­do­ci in 25 anni ad ave­re una quo­ta di cit­ta­di­ni stra­nie­ri (pari cir­ca all’8%) assolu­ta­men­te in linea con le medie euro­pee. Stan­do a tem­pi più recen­ti, dal­le rile­va­zio­ni effet­tua­te a ini­zio 2014, 2015 e 2016 risul­ta che la quo­ta di cit­ta­di­ni stra­nie­ri sog­gior­nan­ti rego­lar­men­te nel nostro pae­se (i non rego­la­ri sono una mino­ran­za esi­gua) è asso­lu­ta­men­te sta­bi­le, fer­ma attor­no ai 5 milio­ni. E que­sto per­ché gli stes­si stra­nie­ri arri­va­ti 25 anni fa (ma anche mol­to dopo!) sono diven­ta­ti cit­ta­di­ni ita­lia­ni, seguen­do un pro­ces­so di inte­gra­zio­ne e inclu­sio­ne sicu­ra­men­te non sem­pli­ce. La stes­sa sta­bi­li­tà carat­te­riz­za il nume­ro di per­so­ne sbar­ca­te sul­le nostre coste e che han­no chie­sto asi­lo nel nostro pae­se. Ecco per­ché è asso­lu­ta­men­te neces­sa­rio, pri­ma di qual­sia­si ragio­na­men­to, dare un occhio ai dati e – soprat­tut­to – quan­do si par­la di dirit­ti e – soprat­tut­to, againdirit­ti del­le mino­ran­ze, sareb­be sem­pre meglio evi­ta­re fra­si a effetto.

In secon­do luo­go, Ainis scri­ve da subi­to che non esi­ste una rela­zio­ne tra cit­ta­di­nan­za (stra­nie­ra) e atti di delin­quen­za (“gli stra­nie­ri delin­quo­no meno degli ita­lia­ni”), ma tut­to il suo ragio­na­men­to si arti­co­la sul­la trian­go­la­zio­ne che dice­va­mo in pre­ce­den­za: lo sta­to di dirit­to tute­la e «pro­teg­ge – scri­ve Ainis — l’umanità dal­la pau­ra. Ma il pre­sup­po­sto sta nel­la sua capa­ci­tà di garan­ti­re l’esercizio dei dirit­ti. I dirit­ti altrui, non solo nostri», ed ecco per­ché – pro­se­gue – se neghia­mo i dirit­ti uma­ni ai migran­ti li neghia­mo anche a noi stes­si. La sicu­rez­za coin­ci­de con ciò, con la sicu­rez­za dei dirit­ti – e non potrei esse­re più d’accordo di così.

Quel che dav­ve­ro non si capi­sce è cosa c’entrino i cit­ta­di­ni stra­nie­ri: per­ché sicu­rez­za e stra­nie­ro devo­no anda­re di pari pas­so e for­za­ta­men­te nel­lo stes­so ragio­na­men­to, anche se “gli stra­nie­ri delin­quo­no meno degli ita­lia­ni”? O c’entrano, o non c’entrano. E non si può dire che non c’entrano ma poi dire che c’entrano, per­ché altri­men­ti tornia­mo al “pac­chet­to sicu­rez­za” di maro­nia­na memo­ria, che nel­la leg­ge 94/2009 non si face­va alcun pro­ble­ma ad asso­cia­re le due cose: la sicu­rez­za, o meglio, la minac­cia del­la sicu­rez­za, e lo stra­nie­ro. E da qui, a casca­ta, ci ritro­vam­mo con l’esercito nel­le città.

Non stu­pi­sce, di con­se­guen­za, che Ainis con­clu­da elo­gian­do le paro­le pro­nun­cia­te ieri da Bep­pe Sala (il qua­le ha chie­sto l’esercito in alcu­ni quar­tie­re di Mila­no, a par­ti­re da via Pado­va, sicu­ra­men­te zona multiculturale).

Sve­glia­te­ci da que­sto ritor­no al pas­sa­to. Di pac­chet­ti sicu­rez­za e di mili­ta­ri nel­le stra­de ne abbia­mo già visti, men­tre vedia­mo sem­pre meno ten­ta­ti­vi di costrui­re un approc­cio dif­fe­ren­te e fon­da­to sui dati, sen­za armi né musco­li in vista.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.