Sicurezza e stranieri: o c’entrano o non c’entrano

Michele Ainis, stimatissimo costituzionalista (lo stimo molto, davvero, anche personalmente), ci offre su Repubblica di oggi una riflessione riguardante la triangolazione tra stato di diritto, immigrazione e sicurezza. Il punto di partenza è quello che definisce “un fiume in piena”, e cioè l’arrivo di cittadini stranieri che sarebbe decuplicato negli ultimi 25 anni. Il dato ha un suo fondamento, ma apre a due enormi osservazioni.

La prima è che gli stranieri sono decuplicati rispetto a 25 anni fa semplicemente perché in Italia allora non c’erano cittadini stranieri: il censimento del 1991 ne registrò, infatti 356mila, pari allo 0,6% della popolazione italiana. Sono quelli gli anni, infatti, in cui il nostro paese diventa un paese a saldo migratorio positivo, portandoci in 25 anni ad avere una quota di cittadini stranieri (pari circa all’8%) assolutamente in linea con le medie europee. Stando a tempi più recenti, dalle rilevazioni effettuate a inizio 2014, 2015 e 2016 risulta che la quota di cittadini stranieri soggiornanti regolarmente nel nostro paese (i non regolari sono una minoranza esigua) è assolutamente stabile, ferma attorno ai 5 milioni. E questo perché gli stessi stranieri arrivati 25 anni fa (ma anche molto dopo!) sono diventati cittadini italiani, seguendo un processo di integrazione e inclusione sicuramente non semplice. La stessa stabilità caratterizza il numero di persone sbarcate sulle nostre coste e che hanno chiesto asilo nel nostro paese. Ecco perché è assolutamente necessario, prima di qualsiasi ragionamento, dare un occhio ai dati e – soprattutto – quando si parla di diritti e – soprattutto, againdiritti delle minoranze, sarebbe sempre meglio evitare frasi a effetto.

In secondo luogo, Ainis scrive da subito che non esiste una relazione tra cittadinanza (straniera) e atti di delinquenza (“gli stranieri delinquono meno degli italiani”), ma tutto il suo ragionamento si articola sulla triangolazione che dicevamo in precedenza: lo stato di diritto tutela e «protegge – scrive Ainis – l’umanità dalla paura. Ma il presupposto sta nella sua capacità di garantire l’esercizio dei diritti. I diritti altrui, non solo nostri», ed ecco perché – prosegue – se neghiamo i diritti umani ai migranti li neghiamo anche a noi stessi. La sicurezza coincide con ciò, con la sicurezza dei diritti – e non potrei essere più d’accordo di così.

Quel che davvero non si capisce è cosa c’entrino i cittadini stranieri: perché sicurezza e straniero devono andare di pari passo e forzatamente nello stesso ragionamento, anche se “gli stranieri delinquono meno degli italiani”? O c’entrano, o non c’entrano. E non si può dire che non c’entrano ma poi dire che c’entrano, perché altrimenti torniamo al “pacchetto sicurezza” di maroniana memoria, che nella legge 94/2009 non si faceva alcun problema ad associare le due cose: la sicurezza, o meglio, la minaccia della sicurezza, e lo straniero. E da qui, a cascata, ci ritrovammo con l’esercito nelle città.

Non stupisce, di conseguenza, che Ainis concluda elogiando le parole pronunciate ieri da Beppe Sala (il quale ha chiesto l’esercito in alcuni quartiere di Milano, a partire da via Padova, sicuramente zona multiculturale).

Svegliateci da questo ritorno al passato. Di pacchetti sicurezza e di militari nelle strade ne abbiamo già visti, mentre vediamo sempre meno tentativi di costruire un approccio differente e fondato sui dati, senza armi né muscoli in vista.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati