Roma, Civati: “Raggi prende i soldi per i rifugiati, ma ne lascia quasi 800 per strada”

“Dal pri­mo luglio nel­la Capi­ta­le ci sono 786 rifu­gia­ti lascia­ti per stra­da, nel­le piaz­ze e nei par­chi, nono­stan­te i finan­zia­men­ti del mini­ste­ro dell’Interno garan­ti­ti con il Siste­ma di pro­te­zio­ne per richie­den­ti asi­lo e rifu­gia­ti ”. È quan­to dichia­ra il depu­ta­to e segre­ta­rio di Pos­si­bi­le, Pip­po Civa­ti. “I nume­ri — aggiun­ge Civa­ti — par­la­no chia­ro. Roma Capi­ta­le si è pro­po­sta e ha otte­nu­to 2.774 posti d’accoglienza attra­ver­so lo Sprar. Ma di que­sti la giun­ta gui­da­ta da Vir­gi­nia Rag­gi è riu­sci­ta ad affi­dar­ne attra­ver­so pro­ce­du­ra pub­bli­ca sol­tan­to 1.988. Man­ca­no così all’appello 786 posti acco­glien­za. Al di fuo­ri dei nume­ri signi­fi­ca che que­ste per­so­ne sono abban­do­na­te al loro desti­no. E dire che que­sti cen­tri sono finan­zia­ti dal Vimi­na­le con oltre 84 milio­ni di euro, sen­za chie­de­re alcun esbor­so al Campidoglio”.“Del resto — con­clu­de il lea­der di Pos­si­bi­le — a tre anni dall’avvio dell’inchiesta Mafia Capi­ta­le, a Roma il siste­ma non è cam­bia­to di mol­to: con­ti­nua una sor­ta di mono­po­lio nell’accoglienza di richie­den­ti asi­lo e rifu­gia­ti. Non c’è che dire: men­tre il Pd si abban­do­na alle paro­le d’ordine del­la destra, sull’accoglienza dei migran­ti, il Movi­men­to 5 Stel­le a Roma non fa meglio. Il tut­to tra­du­ci­bi­le con un infal­li­bi­le pro­ver­bio: se Ate­ne pian­ge, Spar­ta non ride.”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.