Migranti, Civati-Maestri: “Sindaca Codigoro va Avanti come vuole Renzi e sposa il neosalvinismo”

“Avan­ti, il pros­si­mo. Dopo il Ren­zi (segre­ta­rio nazio­na­le del PD) del ‘aiu­tia­mo­li a casa loro’ (quel­li che non han­no più una casa e a vol­te nem­me­no più un pae­se alle spal­le), dopo la Ser­rac­chia­ni (gover­na­tri­ce PD del Friu­li Vene­zia Giu­lia) del ‘Lo stu­pro com­mes­so da un pro­fu­go è più odio­so’, dopo la Pre­sti­pi­no (mem­bro dire­zio­ne nazio­na­le PD) del ‘La nostra raz­za rischia l’estinzione’, dopo l’E­spo­si­to (sena­to­re PD) del ‘Le Ong pen­sa­no ideo­lo­gi­ca­men­te solo a sal­va­re vite, noi non pos­sia­mo per­met­ter­ce­lo’, la sin­da­ca PD di Codi­go­ro, Ali­ce Zanar­di, ha pre­so sul serio l’in­di­ca­zio­ne del lea­der ad anda­re “Avan­ti” e ha deci­so di aumen­ta­re le tas­se loca­li e man­da­re con­trol­li mira­ti a chi ospi­ta migran­ti”. È quan­to dichia­ra­no il segre­ta­rio di Pos­si­bi­le Pip­po Civa­ti e il depu­ta­to di Sini­stra ita­lia­na-Pos­si­bi­le, Andrea Mae­stri, com­men­tan­do l’an­nun­cio del­la pri­ma cit­ta­di­na del Comu­ne in pro­vin­cia di Fer­ra­ra. “Il nuo­vo rea­to di soli­da­rie­tà (idea­to e con­dot­to dal PD del duo Min­ni­ti-Orlan­do, musi­ca e paro­le degli omo­ni­mi decre­ti) — aggiun­go­no Civa­ti e Mae­stri — fa pro­se­li­ti sul­la stra­da del neo­sal­vi­ni­smo… di sini­stra. Del neo­sal­vi­ni­smo e basta, dicia­mo, per­ché la sini­stra è dav­ve­ro un’altra cosa”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata.