Rilanciamo la sfida, con ancora più entusiasmo. Fatelo con noi

Quan­do sia­mo par­ti­ti i Ver­di era­no sti­ma­ti allo 0.5%.

Ma quel­la dei Ver­di euro­pei, per mol­te ragio­ni, nazio­na­li e euro­pee, si è rive­la­ta la scel­ta giu­sta.

Scon­tan­do un ritar­do sto­ri­co e poli­ti­co note­vo­le, il tota­le oscu­ra­men­to media­ti­co e una gestio­ne non impec­ca­bi­le del­le liste, la lista Euro­pa Ver­de si è dimo­stra­to l’u­ni­co movi­men­to che cre­sce, nel­lo schie­ra­men­to pro­gres­si­sta. Atten­dia­mo l’a­na­li­si del voto anche per l’i­ta­lia, ma tra i più gio­va­ni, negli altri Pae­si, supe­ra addi­rit­tu­ra il 30 per cen­to: un inve­sti­men­to per il futu­ro, come ave­va­mo sem­pre sostenuto.

Venia­mo dal­l’an­no più dif­fi­ci­le del­la nostra pur bre­ve sto­ria, dal­le dimis­sio­ni di Civa­ti da Segre­ta­rio all’ab­ban­do­no di figu­re che han­no scel­to altre stra­de, ma oggi pos­sia­mo dire di aver ini­zia­to a costrui­re qual­co­sa di nuo­vo, ma soprat­tut­to di sen­sa­to: per­ché non abbia­mo mai pen­sa­to che fos­se que­stio­ne di assem­bla­re pez­zi, ma di ave­re un pro­get­to chia­ro e una chia­ve di let­tu­ra del­la real­tà. Pec­ca­to per il tem­po per­so per col­pa di tavo­li e tavo­li­ni con­vo­ca­ti intor­no a noi per mesi e mesi, ma vor­rei ricor­da­re che noi al Camp ave­va­mo invi­ta­to Ska Kel­ler già nel luglio 2018, per costrui­re insie­me a lei un’operazione anco­ra più ambiziosa.

Una sfi­da che rilan­cia­mo fin da que­sta mat­ti­na, anche per rispon­de­re alle tan­te e ai tan­ti che si sono det­ti dispo­ni­bi­li a muo­ver­si con noi, da Bol­za­no a Lam­pe­du­sa. Le richie­ste di aper­tu­re di nuo­vi comi­ta­ti in varie par­ti d’I­ta­lia giun­te in que­sti ulti­mi gior­ni, in que­sto sen­so, è incoraggiante.

Inol­tre, pro­prio per non dis­si­pa­re quan­to di buo­no costrui­to, chie­dia­mo da subi­to alle can­di­da­te che si sono spe­se con corag­gio e disin­te­res­se di costi­tui­re, insie­me a chi c’è già, un nuo­vo grup­po diri­gen­te. Per­ché un par­ti­to, un pro­get­to, non è di chi sta a guar­da­re ma di chi si impe­gna a far­lo cre­sce­re, anche quan­do le con­di­zio­ni sono difficili.
A chi mili­ta e sostie­ne Pos­si­bi­le chie­dia­mo, intan­to, di ripar­ti­re con gli S36, per­ché non abbia­mo altre risor­se e abbia­mo fat­to una cam­pa­gna pove­ris­si­ma, soprat­tut­to al con­fron­to di chi ha pre­so tut­to som­ma­to i nostri stes­si voti. Voti che abbia­mo pre­so sen­za anda­re pra­ti­ca­men­te mai in tv, con la deci­sio­ne sof­fer­ta di Civa­ti di sospen­de­re la pro­pria cam­pa­gna, per un gua­io com­bi­na­to da altri.

Per sfi­da dei Ver­di euro­pei in Ita­lia il con­tri­bu­to di Pos­si­bi­le è sta­to deci­si­vo. È il miglior risul­ta­to di sem­pre, il miglior risul­ta­to pos­si­bi­le con i pochi mez­zi che ave­va­mo. I Ver­di Euro­pei a cui fac­cia­mo rife­ri­men­to lavo­re­ran­no in Euro­pa coniu­gan­do giu­sti­zia socia­le e ambien­ta­le, noi con­ti­nuia­mo a lavo­ra­re per­ché suc­ce­da anche in Italia.

Un ulti­mo pen­sie­ro a tut­ti colo­ro che han­no chia­ma­to il «voto uti­le» con­tro di noi, Pd e Sini­stra, sul­la base di son­dag­gi che non cor­ri­spon­de­va­no a un sen­ti­men­to che nel pae­se cresceva.
Per quan­to mi riguar­da mi rimet­to subi­to a gira­re il Pae­se, lo fac­cio per apri­re nuo­vi comi­ta­ti, per par­la­re di fem­mi­ni­smo e di clima.
Noi nei pros­si­mi mesi ci sare­mo più di pri­ma. Con le nostre idee, aper­ti a con­di­vi­der­le con chi vor­rà far­lo. Sen­za cal­co­li, con l’en­tu­sia­smo di sem­pre. Anzi, un po’ di più. Fate­lo con noi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.