La Coppa (dei diritti) di Ada

La discriminazione tra il calcio femminile e quello maschile è ancora maggiore alle nostre latitudini. Ora il braccio di ferro fra Ada Hegerberg, che rinuncia alla vetrina del Mondiale, e la Federazione norvegese riaccende i riflettori sul tema. Qui in Italia oltretutto c'è stata, recentemente, una polemica anche sulle donne che commentano il calcio (che qualcuno non 'approva'), segno che è una questione culturale che va affrontata a tutto campo.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Pochi gior­ni fa a Buda­pe­st si è dispu­ta­ta la fina­le di Cham­pions Lea­gue. Ma come? — dire­te voi – non è il pri­mo di giu­gno la fina­lis­si­ma fra Liver­pool e Tot­te­n­ham? Sì, la fina­le maschi­le si gio­ca que­sto saba­to, quel­la fem­mi­ni­le è, inve­ce, già sta­ta asse­gna­ta all’Olym­pi­que Lyon, che in Unghe­ria si è impo­sto sul­la com­pa­gi­ne blau­gra­na del FC Bar­ce­lo­na. Un 4–1 peren­to­rio ha con­se­gna­to il quar­to tito­lo con­se­cu­ti­vo alla squa­dra fran­ce­se. La stel­la del match, che non ha cer­ta­men­te tra­di­to le atte­se, è sta­ta Ada Heger­berg autri­ce di una tri­plet­ta. La gio­va­ne cam­pio­nes­sa nor­ve­ge­se si è aggiu­di­ca­ta anche il tito­lo di capon­no­nie­re del­la com­pe­ti­zio­ne con 15 realizzazioni.

Per­ché vi rac­con­to tut­to que­sto? Il moti­vo è sem­pli­ce: dal 7 giu­gno al 7 luglio, in Fran­cia, si dispu­te­rà il Mon­dia­le di cal­cio fem­mi­ni­le (par­te­ci­pe­rà l’I­ta­lia, che dopo ven­t’an­ni si è qua­li­fi­ca­ta), il qua­le sarà tra­smes­so (anche gra­zie alle azzur­re) in chia­ro sul­la tv pub­bli­ca (non solo sul cana­le tema­ti­co spor­ti­vo). Al Mon­dia­le, è noto da un po’, Ada Heger­berg non sarà pre­sen­te, la vin­ci­tri­ce del pri­mo Pal­lo­ne d’O­ro fem­mi­ni­le del­la sto­ria (nel 2018), la stel­la più lucen­te del cal­cio fem­mi­ni­le non par­te­ci­pe­rà per ‘diver­gen­ze’ con la Fede­ra­zio­ne nor­ve­ge­se (NFF).

Una que­stio­ne di prin­ci­pio (e di dirit­ti) a quan­to pare, non si trat­ta di sem­pli­ci que­stio­ni tec­ni­che o di pro­ble­mi col CT nor­ve­ge­se Mar­tin Sjor­gen. Ada accu­sa la NFF di man­ca­re di rispet­to a tut­te le cal­cia­tri­ci, il non voler fare com­pro­mes­si o ascol­ta­re le richie­ste che riguar­da­no tut­te le don­ne nel cal­cio nor­ve­ge­se, quin­di non solo sala­ri ma anche rispet­to e con­si­de­ra­zio­ne per un movi­men­to che vuo­le svi­lup­par­si e pro­gre­di­re, il qua­le è vit­ti­ma di scar­sa atten­zio­ne e assen­za di pro­get­tua­li­tà, neces­sa­rie per qual­sia­si sport che vuo­le aspi­ra­re al pro­fes­sio­ni­smo. La discri­mi­na­zio­ne tra il cal­cio fem­mi­ni­le e quel­lo maschi­le è anco­ra mag­gio­re alle nostre lati­tu­di­ni. Ora il brac­cio di fer­ro fra Ada Heger­berg, che rinun­cia alla vetri­na del Mon­dia­le, e la Fede­ra­zio­ne nor­ve­ge­se riac­cen­de i riflet­to­ri sul tema. Qui in Ita­lia oltre­tut­to  c’è sta­ta, recen­te­men­te, una pole­mi­ca anche sul­le don­ne che com­men­ta­no il cal­cio (che qual­cu­no non ‘appro­va’), segno che è una que­stio­ne cul­tu­ra­le che va affron­ta­ta a tut­to cam­po. La fami­ge­ra­ta Leg­ge n. 91 del 1981 con­tie­ne del­le discri­mi­na­zio­ni fra uomi­ni e don­ne nel­le disci­pli­ne spor­ti­ve che clas­si­fi­ca que­ste ulti­me come dilet­tan­ti anche quan­do pra­ti­ca­no uno sport ad altis­si­mi livel­li. Non a caso nel 2016 Pos­si­bi­le, con Bea­tri­ce Bri­gno­ne, pre­sen­tò una pro­po­sta di leg­ge per sop­pri­me­re le bar­rie­re tra sport maschi­le e sport fem­mi­ni­le, favo­ren­do un’equiparazione di trat­ta­men­to nel­le disci­pli­ne spor­ti­ve clas­si­fi­ca­te pro­fes­sio­ni­sti­che tra tut­ti gli atle­ti e le atlete.

Che non signi­fi­ca solo aumen­ta­re i sala­ri ma garan­ti­re il godi­men­to di dirit­ti basi­la­ri come l’as­si­sten­za sani­ta­ria, medi­ci­na­li, assen­ze lavo­ra­ti­ve per infor­tu­nio e i con­tri­bu­ti Inps.

Ce lo ha ricor­da­to anche Caro­li­na Mora­ce nel recen­te libro ‘La pri­ma pun­ta’: a nul­la ser­vo­no le paro­le se i dirit­ti non ven­go­no mes­si per iscrit­to e se non cor­ri­spon­do­no a rea­li inve­sti­men­ti nel movi­men­to cal­ci­sti­co femminile.

Per que­sto Ada sta lot­tan­do, la Cop­pa più impor­tan­te non si vin­ce facen­do più gol del­le altre, a vol­te si vin­ce non gio­can­do, pro­te­stan­do, pren­den­do deci­sio­ni che mira­no al bene collettivo.

Ste­fa­no Artusi

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?