Riforma Cartabia e referendum radicali, la politica improcedibile

L’unica soluzione possibile è ampliare gli organici, di giudici e cancellieri, senza toppe messe male come gli assistenti mal pagati dell’Ufficio del Giudice oppure il ricorso sistematico a magistrati precari, che hanno funzioni e doveri uguali ai togati, eccetto che per compensi e diritti.

È sem­pre dif­fi­ci­le espri­me­re un giu­di­zio poli­ti­ca­men­te neu­tro su rifor­me tec­ni­che, come quel­la det­ta “Car­ta­bia” del­la giu­sti­zia pena­le, dal nome del­la mini­stra pro­po­nen­te, per­ché è evi­den­te come sot­to l’aspetto tec­ni­co ci sia sem­pre un indi­riz­zo di carat­te­re politico.

Tut­ta­via, in que­sto caso, visto che sul­la rifor­ma pare sia sta­to tro­va­to un accor­do e che ver­rà appro­va­ta con voto di fidu­cia sull’attuale affol­la­tis­si­mo gover­no, il com­pi­to diven­ta più semplice.

In que­sto caso pare di capi­re che l’indirizzo poli­ti­co sia tut­to nel­la nor­ma che pre­ve­de l’improcedibilità dell’azione pena­le nel caso ven­ga­no supe­ra­ti deter­mi­na­ti limi­ti tem­po­ra­li nel pro­ces­so di appel­lo o nel giu­di­zio di cas­sa­zio­ne. Le altre modi­fi­che, ancor più tec­ni­che ma resi­dua­li, non rag­giun­go­no le pri­me pagi­ne dei gior­na­li, anche per­ché paio­no di buon senso.

Così, dopo le pole­mi­che sul­la rifor­ma Bona­fe­de che riguar­da­va la pre­scri­zio­ne, con l’intento di eli­mi­nar­la dopo il pri­mo gra­do di giu­di­zio, dan­do così cor­so a pro­ces­si poten­zial­men­te infi­ni­ti, ci si tro­va nell’estremo oppo­sto, cioè eli­mi­na­re fisi­ca­men­te tut­to il pro­ces­so se la fase d’appello dura più di due anni o quel­la in cas­sa­zio­ne più di uno (con ecce­zio­ni, pro­ro­ghe e vari distin­guo). In pra­ti­ca si andreb­be a but­ta­re il bam­bi­no con l’acqua spor­ca, facen­do sal­va, bon­tà loro, l’azione civi­le (come se nel civi­le i pro­ces­si duras­se­ro poco, sì, ciao).

Ora, pre­scin­den­do dai giu­di­zi dei pub­bli­ci mini­ste­ri di fat­to pre­sta­ti alla poli­ti­ca, appa­re evi­den­te come si sia pas­sa­ti dall’estremo iper­giu­sti­zia­li­sta del gover­no Con­te Bis, che, ricor­do, non com­pren­de­va solo il M5S ma anche il PD, Ita­lia Viva e gli elet­ti con LeU, a quel­lo iper­ga­ran­ti­sta del gover­no attua­le, che non a caso com­pren­de anche For­za Ita­lia e la Lega.
Solo che la giu­sti­zia non è tut­to que­sto: la giu­sti­zia non a caso è rap­pre­sen­ta­ta da una bilan­cia, per­ché ci sono dirit­ti che van­no bilan­cia­ti con altri dirit­ti, per con­sen­ti­re la miglior con­vi­ven­za civi­le pos­si­bi­le. Io non vedo alcun bilan­cia­men­to in nes­su­na del­le due riforme.
E inve­ce que­sto bilan­cia­men­to, que­sta equi­tà, que­sto “modus in rebus” dovreb­be esse­re la prio­ri­tà di qual­sia­si legi­sla­to­re, a mag­gior ragio­ne del legi­sla­to­re-gover­no, che impo­ne le nor­me con la fiducia.

Così come era assur­do che un pro­ces­so duras­se all’infinito per le lun­gag­gi­ni del­la magi­stra­tu­ra, e non cer­to degli avvo­ca­ti, se non in qual­che pro­ces­so mol­to media­ti­co a per­so­ne mol­to ric­che (ricor­do che nell’80% dei casi il rea­to si pre­scri­ve pri­ma del rin­vio a giu­di­zio, quan­do l’avvocato maga­ri non sa nep­pu­re che sia­no in cor­so le inda­gi­ni), con neces­si­tà quin­di di una nor­ma di civil­tà come quel­la del­la pre­scri­zio­ne, è altret­tan­to assur­do che un pro­ces­so di pri­mo gra­do, o addi­rit­tu­ra d’appello, ven­ga but­ta­to via per il sem­pli­ce decor­so del tem­po, cioè per fat­ti che pos­so­no anche esse­re com­ple­ta­men­te estra­nei al pro­ces­so stes­so.

Per­so­nal­men­te, nono­stan­te la pro­po­nen­te sia sta­ta Pre­si­den­te del­la Con­sul­ta e non un ex dee jay che non ave­va chia­ra la dif­fe­ren­za fra dolo e col­pa, ho qual­che dub­bio sul­la costi­tu­zio­na­li­tà del­la norma.

L’art. 111 del­la Costi­tu­zio­ne pre­ve­de, infat­ti, che la leg­ge deb­ba assi­cu­ra­re la “ragio­ne­vo­le dura­ta del pro­ces­so”. E dubi­to for­te­men­te che la “ragio­ne­vo­le dura­ta” pos­sa espri­mer­si con un sem­pli­ce con­to alla rove­scia in appel­lo o in cas­sa­zio­ne, pro­prio per­ché in que­sto modo andreb­be­ro a per­der­si tut­te le altre tute­le dell’art. 111, e il pro­ces­so non sareb­be più “giu­sto”.

Cer­to, diver­so sareb­be sta­to pre­ve­de­re l’improcedibilità non dell’azione pena­le ma dell’appello o del giu­di­zio in cas­sa­zio­ne, con con­se­guen­te pas­sag­gio in giu­di­ca­to, quin­di defi­ni­ti­vi­tà, del­la sen­ten­za impu­gna­ta, di pri­mo o secon­do gra­do (come acca­de nel civi­le quan­do un giu­di­zio è improcedibile).
Que­sto avreb­be signi­fi­ca­to ave­re le sen­ten­ze e non i sostan­zia­li annul­la­men­ti, che sono lo sco­po poli­ti­co indi­ret­to, però era­no sen­ten­ze che maga­ri non piacevano.

Il giu­di­zio è ugual­men­te nega­ti­vo sui sei refe­ren­dum pro­po­sti dai Radi­ca­li, caval­ca­ti e soste­nu­ti da Lega e Ita­lia Viva, che ne stan­no facen­do cam­pa­gna elet­to­ra­le permanente.

Il n. 1 e il n. 3 — vin­co­lo del­le fir­me per le can­di­da­tu­re al CSM e valu­ta­zio­ne pro­fes­sio­na­le dei magi­stra­ti — oltre che sostan­zial­men­te irri­le­van­ti, sono a mio avvi­so un’ingerenza inu­ti­le nell’autogoverno del­la Magistratura.

Il n. 2, quel­lo che pre­ve­de la respon­sa­bi­li­tà per­so­na­le del magi­stra­to, sta fra la ven­det­ta e l’intimidazione per­ma­nen­te, posto che chi subi­sce un dan­no per “col­pa” di giu­di­ci ha già tut­to il dirit­to di esse­re risar­ci­to, ma dal­lo Sta­to, men­tre chi lavo­ra bene e in buo­na fede (la mag­gior par­te dei magi­stra­ti) non può far­lo sot­to la spa­da di Damo­cle di pro­ces­si e risar­ci­men­ti diret­ti, per­ché anche solo un’azione civi­le è un pro­ble­ma, per quan­to infon­da­ta, e per far fun­zio­na­re il siste­ma non abbia­mo biso­gno cer­ta­men­te di cau­se intimidatorie.

Sul n. 4, che di fat­to pre­ve­de una nuo­va nor­ma posi­ti­va, cioè la sepa­ra­zio­ne del­le car­rie­re fra magi­stra­ti giu­di­can­ti e inqui­ren­ti, quin­di giu­di­ci e pub­bli­ci mini­ste­ri, ho for­ti dub­bi di ammis­si­bi­li­tà, per­ché è fat­to col copia incol­la. Ricor­do che la Con­sul­ta ha giu­di­ca­to inam­mis­si­bi­le il que­si­to sull’abrogazione del Jobs Act nel­la par­te in cui abo­li­va l’art. 18 del­lo Sta­tu­to dei Lavo­ra­to­ri, per il qua­le la CGIL ave­va rac­col­to più di tre milio­ni di fir­me, però for­mu­lan­do il que­si­to in modo che non ci si limi­tas­se all’abrogazione del­la nor­ma, ma che venis­se este­sa la tute­la anche ai dipen­den­ti di impre­se sot­to i 15 dipen­den­ti. In ogni caso, è un argo­men­to, pro­prio per­ché di carat­te­re non sem­pli­ce­men­te “abro­ga­ti­vo” che dovreb­be esse­re discus­so in parlamento.

Anche le limi­ta­zio­ni alla car­ce­ra­zio­ne pre­ven­ti­va, che inci­do­no solo sul requi­si­to del­la rei­te­ra­zio­ne del rea­to, sono argo­men­to tec­ni­co irri­ce­vi­bi­le in via refe­ren­da­ria, con nor­me, nel caso (ma non a pare­re mio) da modi­fi­ca­re in parlamento.

Dul­cis in fun­do, l’abrogazione inte­gra­le al n. 6 del decre­to Seve­ri­no, che pur con qual­che limi­te e qual­che ecces­so di rigo­re, nasce soprat­tut­to da vin­co­li euro­pei con­tro la corruzione.

La con­clu­sio­ne è che, se qual­co­sa è dav­ve­ro impro­ce­di­bi­le, inam­mis­si­bi­le o come meglio, per usa­re una for­mu­la tipi­ca del pro­ces­so civi­le, è l’approccio poli­ti­co alla que­stio­ne giu­sti­zia, che in real­tà è mol­to sem­pli­ce. Come si fa ad entra­re in un risto­ran­te con 200 coper­ti tut­ti occu­pa­ti in cui lavo­ra­no un solo cuo­co e un solo came­rie­re e spe­ra­re di esse­re ser­vi­ti pre­sto e di man­gia­re bene?

L’unica solu­zio­ne pos­si­bi­le è amplia­re gli orga­ni­ci, di giu­di­ci e can­cel­lie­ri, sen­za top­pe mes­se male come gli assi­sten­ti mal paga­ti dell’Ufficio del Giu­di­ce oppu­re il ricor­so siste­ma­ti­co a magi­stra­ti pre­ca­ri, che han­no fun­zio­ni e dove­ri ugua­li ai toga­ti, eccet­to che per com­pen­si e dirit­ti.

Tut­to il resto è sem­pre e comun­que rumo­re da cam­pa­gna elet­to­ra­le per­ma­nen­te, seguen­do la pan­cia del pro­prio elet­to­ra­to, anche con il bene­pla­ci­to dei “miglio­ri”, oppu­re resa incon­di­zio­na­ta pur di sta­re attac­ca­ti alla pol­tro­na, per­ché al gover­no, ricor­do, ci sono pra­ti­ca­men­te tutti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.