Regeni: Brignone: «Sostegno all’azione dei genitori e stop alle armi a chi viola i diritti umani».

Le parole con cui la procura egiziana ha infangato la memoria di Giulio Regeni hanno fatto male - aggiunge Brignone - come ha fatto male la consegna della prima delle fregate italiane vendute all'Egitto. In spregio a Giulio Regeni, in spregio a Patrick Zaki, in spregio ai diritti umani, che sono di tutte e di tutti, che spetta a tutte e tutti noi difendere e rilanciare

«L’azione annunciata dai genitori di Giulio Regeni va rilanciata e sostenuta. La denuncia al governo per la vendita di armi all’Egitto, e ai Paesi che continuano a violare i diritti umani, è un atto giusto, necessario. C’è il pieno supporto, perché il rifornimento di armi a quei Paesi non è accettabile su un piano politico, su un piano etico e morale. E, ricordo, che non è accettabile su un piano giuridico, perché viola la legge 185/1990».

Lo dichiara la segretaria di Possibile, Beatrice Brignone. «Le parole con cui la procura egiziana ha infangato la memoria di Giulio Regeni hanno fatto male – aggiunge Brignone – come ha fatto male la consegna della prima delle fregate italiane vendute all’Egitto. In spregio a Giulio Regeni, in spregio a Patrick Zaki, in spregio ai diritti umani, che sono di tutte e di tutti, che spetta a tutte e tutti noi difendere e rilanciare».

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait