Reddito di cittadinanza: il diritto a vivere una vita degna appartiene a tutti

E prima di sperticarci in ragionamenti che poi, in estrema sintesi, finiscono in un tragico “prima gli italiani”, proviamo a riflettere: una persona ha diritto ad una vita dignitosa perché ha una determinata nazionalità sui documenti oppure, più logicamente, perché - indipendentemente dai documenti - è un essere umano?

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Il Vice Pre­mier e Mini­stro del Lavo­ro e del­lo Svi­lup­po Eco­no­mi­co, Lui­gi di Maio, ci tie­ne par­ti­co­lar­men­te a spe­ci­fi­ca­re che, diver­sa­men­te da quan­to dichia­ra­to dal Mini­stro Tria, il red­di­to di cit­ta­di­nan­za sarà una misu­ra dedi­ca­ta esclu­si­va­men­te ai cit­ta­di­ni ita­lia­ni.

Que­sto ci for­ni­sce due infor­ma­zio­ni impor­tan­ti sul­la natu­ra e l’impostazione del Lea­der 5 Stel­le al gover­no: che uno vale uno, ma solo se si trat­ta di “raz­za ita­lia­na” e che, tut­to som­ma­to, ideo­lo­gi­ca­men­te non è poi così distan­te dal suo com­pa­re al Gover­no, Mat­teo Sal­vi­ni.

Ci dice anche quan­to poco impor­ti a que­sto gover­no del­la dife­sa dei prin­ci­pi enun­cia­ti dal­la nostra Car­ta Costi­tu­zio­na­le che, all’Articolo 3, ci ricor­da che “tut­ti i cit­ta­di­ni han­no pari digni­tà socia­le e sono ugua­li davan­ti alla leg­ge sen­za distin­zio­ne di ses­so, di raz­za, di lin­gua, di reli­gio­ne, di opi­nio­ni poli­ti­che, di con­di­zio­ni per­so­na­li e sociali”.

E noial­tri, in atte­sa dell’ennesima inu­ti­le indi­gna­zio­ne del Pre­si­den­te del­la Came­ra Rober­to Fico, for­se dovrem­mo pro­va­re a costrui­re un ragio­na­men­to più ampio.

Per­ché, seb­be­ne Sal­vi­ni si offen­da quan­do gli vie­ne fat­to nota­re, l’Italia è per pri­mo un pae­se di migran­ti: in pas­sa­to, emi­gra­va­mo ver­so il Nuo­vo Con­ti­nen­te — dove i nostri non­ni veni­va­no trat­ta­ti, più o meno, come oggi gli stra­nie­ri ven­go­no trat­ta­ti dai nostri pic­co­lis­si­mi uomi­ni di Sta­to — e, più recen­te­men­te, ver­so altri pae­si euro­pei dove esi­sto­no misu­re di wel­fa­re per garan­ti­re un red­di­to anche a chi non può con­ta­re su uno sti­pen­dio (ricor­dia­mo­ci che, in tut­ta l’Unione Euro­pea, solo Ita­lia e Gre­cia ne sono attual­men­te sprovviste). 

E, per­do­na­te­mi, non rie­sco ad attri­bui­re a que­sti nostri con­na­zio­na­li una defi­ni­zio­ne diver­sa da “migran­ti eco­no­mi­ci”: per­ché, di fat­to, lascia­no la pro­pria casa in cer­ca di con­di­zio­ni di vita miglio­ri. Con la dif­fe­ren­za che non scap­pa­no dal­la guer­ra o dal­la fame, ma si diri­go­no ver­so sti­pen­di più alti in pae­si più civi­li.

Pren­dia­mo, ad esem­pio, la tan­to bistrat­ta­ta Ger­ma­nia: quel­la a cui vie­ne rin­fac­cia­to di dover fare più acco­glien­za, e che nel 2017 ha accol­to 325.370 richie­den­ti asi­lo, con­tro i 35.130 dell’ Ita­lia. Per non par­la­re dei qua­si 800.000 cit­ta­di­ni ita­lia­ni resi­den­ti, secon­do i dati del Mikrozensus.

In Ger­ma­nia, a par­ti­re dai pri­mi anni 2000, esi­ste il sus­si­dio Alg II: un red­di­to di disoc­cu­pa­zio­ne a tem­po inde­ter­mi­na­to a cui ha dirit­to chi non è mai entra­to nel mon­do del lavo­ro e chi esau­ri­sce il sus­si­dio di disoccupazione. 

Si par­te da una base di 800 euro per i sin­gle, che aumen­ta in modo pro­gres­si­vo in pro­por­zio­ne alle dimen­sio­ni del nucleo fami­lia­re, desti­na­to anche ai cit­ta­di­ni stra­nie­ri resi­den­ti in Ger­ma­nia, che rap­pre­sen­ta­no cir­ca ⅕ del tota­le dei bene­fi­cia­ri.

E pri­ma di sper­ti­car­ci in ragio­na­men­ti che poi, in estre­ma sin­te­si, fini­sco­no in un tra­gi­co “pri­ma gli ita­lia­ni”, pro­via­mo a riflet­te­re: una per­so­na ha dirit­to ad una vita digni­to­sa per­ché ha una deter­mi­na­ta nazio­na­li­tà sui docu­men­ti oppu­re, più logi­ca­men­te, per­ché — indi­pen­den­te­men­te dai docu­men­ti — è un esse­re umano?

Per­ché la pos­si­bi­li­tà di vive­re una vita degna è di tut­ti, è un dirit­to uni­ver­sa­le, come uni­ver­sa­le dovreb­be esse­re il mez­zo che la garan­ti­sce que­sta digni­tà, che con la cit­ta­di­nan­za non ha nien­te a che fare.

E men­tre le disu­gua­glian­ze aumen­ta­no e il cli­ma da guer­ra tra ulti­mi e penul­ti­mi si ina­spri­sce, aspet­tia­mo pazien­te­men­te di recu­pe­ra­re un po’ di uma­ni­tà a tut­ti i livel­li, a par­ti­re da chi ci gover­na e, nel frat­tem­po, bea­ti gli ita­lia­ni disoc­cu­pa­ti a Ber­li­no.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.