Il condono fiscale lascia intatti i guasti del sistema di riscossione

Non è una Pace Fiscale ma un condono, questo lo si era capito da settimane. Il con-dono (stando all’etimologia del termine, condonare deriva dal latino e significa propriamente «concedere in dono») è elargito al proprio elettorato che così potrà liberarsi dal giogo del terribile fisco italiano.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Non è una Pace Fisca­le ma un con­do­no, que­sto lo si era capi­to da set­ti­ma­ne. Il con-dono (stan­do all’etimologia del ter­mi­ne, con­do­na­re deri­va dal lati­no e signi­fi­ca pro­pria­men­te «con­ce­de­re in dono») è elar­gi­to al pro­prio elet­to­ra­to che così potrà libe­rar­si dal gio­go del ter­ri­bi­le fisco ita­lia­no. Cari­ca­tu­re a par­te, è cer­to che il deci­so­re poli­ti­co non abbia intra­pre­so tale scel­ta sul­la base di valu­ta­zio­ni pre­li­mi­na­ri del­lo stru­men­to, la cui effi­ca­cia rispet­to allo stock dei cre­di­ti — fisca­li e con­tri­bu­ti­vi — inca­glia­ti è ampia­men­te discutibile.

Fra le ipo­te­si allo stu­dio del gover­no, la più pro­ba­bi­le pre­ve­de la pos­si­bi­li­tà di ade­ri­re alla pace fisca­le pagan­do una per­cen­tua­le mini­ma del­la car­tel­la (25%, 10% o 6%), deter­mi­na­ta in base alla spe­ci­fi­ca situa­zio­ne eco­no­mi­ca del con­tri­buen­te. Il regi­me — defi­ni­to di sal­do e stral­cio — si sovrap­por­reb­be a quel­lo pre­e­si­sten­te del­la defi­ni­zio­ne age­vo­la­ta intro­dot­ta con il Col­le­ga­to Fisca­le alla Leg­ge di bilan­cio 2017 (D.L. 193/2017), che già pre­ve­de­va una ridu­zio­ne dell’importo da cor­ri­spon­de­re inter­ve­nen­do sul­la san­zio­ne e sugli inte­res­si di mora del­la car­tel­la, limi­ta­ta­men­te ai cari­chi affi­da­ti agli agen­ti del­la riscos­sio­ne negli anni com­pre­si tra il 2000 e il 2015. Il con­tri­buen­te avreb­be così paga­to solo le som­me iscrit­te a ruo­lo a tito­lo di capi­ta­le, di inte­res­si lega­li e di remu­ne­ra­zio­ne del ser­vi­zio di riscos­sio­ne. Il paga­men­to pote­va esse­re fat­to in un’unica rata o da un mini­mo di 3 ad un mas­si­mo di 5 rate. Nel 73% dei casi, infat­ti, è sta­to scel­to il paga­men­to in for­ma ratea­le e in 9 casi su 10 si è opta­to per il nume­ro mas­si­mo di rate (dati Agen­zia del­le Entra­te, 2017).

Ave­va­mo già sot­to­li­nea­to come que­sto stru­men­to, «per una par­te di que­ste posi­zio­ni debi­to­rie […] ha avu­to essen­zial­men­te fina­li­tà dila­to­rie rispet­to all’espletamento del­le pro­ce­du­re ese­cu­ti­ve» (Cor­te dei con­ti, Rela­zio­ne sul Ren­di­con­to Gene­ra­le del­lo Sta­to per l’anno 2017). In buo­na sostan­za, i con­tri­buen­ti moro­si han­no chie­sto acces­so alla defi­ni­zio­ne age­vo­la­ta con rateiz­za­zio­ne, han­no paga­to il pri­mo rateo e poi stop. Le ragio­ni? Le rate anda­va­no paga­te in un arco tem­po­ra­le di sei mesi. Trop­po poco tem­po — evi­den­te­men­te — per ver­sa­re impor­ti con­si­sten­ti (16mila euro è il valo­re medio di una car­tel­la rot­ta­ma­ta nel 2017).

Il ‘sal­do e stral­cio’ sarà più van­tag­gio­so? Dif­fi­ci­le a dir­si, spe­cie in pre­sen­za di una pro­po­sta che si modi­fi­ca di gior­no in gior­no e a secon­da degli equi­li­bri poli­ti­ci nel gover­no. Va però sot­to­li­nea­to che la rot­ta­ma­zio­ne ren­zia­na già deter­mi­na­va un taglio del­la car­tel­la dal 30% al 50% a secon­da del tipo di tri­bu­to non paga­to. Cer­ta­men­te si con­ti­nua a tra­scu­ra­re il pro­ble­ma di un siste­ma di riscos­sio­ne inef­fi­ca­ce, cari­co di cre­di­ti ine­si­gi­bi­li, che per­met­te scap­pa­to­ie per i fur­bi e vice­ver­sa si insi­nua come una pia­ga per il con­tri­buen­te in dif­fi­col­tà. Seb­be­ne nei pae­si OCSE l’ente di riscos­sio­ne è in gene­ra­le dota­to di pote­ri infor­ma­ti­vi e di mez­zi coer­ci­ti­vi mol­to per­va­si­vi, nel nostro pae­se — a fron­te di una ridu­zio­ne dei secon­di e di una faci­li­ta­zio­ne del mec­ca­ni­smo dila­zio­na­to­rio — si svi­li­sce la peren­to­rie­tà del­la san­zio­ne ini­zia­le per avvia­re il debi­to nel­la spi­ra­le degli inte­res­si di mora il cui risul­ta­to è quel­lo di spin­ger­lo — anno dopo anno — nell’area dell’inesigibilità. Occor­ro­no però dei distin­guo: se da un lato alme­no l’86% dei sog­get­ti richie­den­ti la defi­ni­zio­ne age­vo­la­ta era com­po­sto da per­so­ne fisi­che — che avan­za­va­no richie­sta per il 43% dei cre­di­ti — l’altro 57% del debi­to fisca­le e con­tri­bu­ti­vo era a cari­co di per­so­ne giu­ri­di­che (che com­po­ne­va­no il rima­nen­te 14% dei sog­get­ti richie­den­ti). Quan­ti di que­sti con­tri­buen­ti e di que­ste socie­tà fos­se real­men­te nel­la con­di­zio­ne di insol­ven­za non è noto. Pri­ma del cam­bio di nome, Equi­ta­lia van­ta­va cir­ca 1.058 miliar­di di euro di cre­di­ti, dei qua­li sono una mini­ma par­te era rite­nu­to effet­ti­va­men­te esi­gi­bi­le. Le sti­me indi­ca­va­no que­sta quo­ta par­te in appe­na 51 miliar­di di euro, il 5% (cfr. Di Tan­no, lavoce.info 2016).

Il pas­sag­gio a Agen­zia del­le Entra­te — Riscos­sio­ne ha lascia­to immu­ta­to il siste­ma di cal­co­lo dell’aggio (che è anco­ra nor­ma­to dall’art. 17 del D. Lgs. 112/1999), la cui base di cal­co­lo equi­va­le alla som­ma degli impor­ti iscrit­ti a ruo­lo, degli inte­res­si di mora e del­le san­zio­ni. La sua appli­ca­zio­ne in quo­ta per­cen­tua­le fis­sa deter­mi­na impor­ti com­ples­si­vi del­le car­tel­le rile­van­ti, in modo ecce­den­te rispet­to a quel­lo che dovreb­be esse­re solo il “com­pen­so per la riscos­sio­ne” desti­na­to alla remu­ne­ra­zio­ne dell’attività svol­ta dal con­ces­sio­na­rio. Un anti­co prin­ci­pio del nostro ordi­na­men­to fisca­le — tut­to­ra in vigo­re e con­te­nu­to nel­la Leg­ge dele­ga n. 825/1971, art. 10, com­ma 10 — pre­ve­de che gli aggi del­la riscos­sio­ne sia­no incor­po­ra­ti nel­le ali­quo­te sta­bi­li­te per i sin­go­li tri­bu­ti. Ma il siste­ma di cal­co­lo attua­le per­met­te che l’aggio sia cal­co­la­to in quo­ta fis­sa per­cen­tua­le sul tota­le del­le som­me dovu­te, quin­di anche sugli inte­res­si di mora, per­met­ten­do così che esso cre­sca al cre­sce­re degli inte­res­si, i qua­li a loro vol­ta sono in rela­zio­ne al ritar­do di paga­men­to. Non è chia­ra la moti­va­zio­ne per cui al con­ces­sio­na­rio è rico­no­sciu­to un aggio mag­gio­re nei casi in cui il debi­to­re non paghi entro la sca­den­za dei pri­mi ses­san­ta gior­ni dal­la noti­fi­ca del­la car­tel­la. La con­trad­di­zio­ne è evi­den­te se pen­sia­mo che l’obiettivo del­la riscos­sio­ne dovreb­be esse­re il ver­sa­men­to di quan­to dovu­to, non la mas­si­miz­za­zio­ne degli introi­ti.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.