Leggi razziali: sono passati 80 anni e purtroppo sembra ieri.

leggi-razziali-trieste

Caso­mai ce ne fos­se sta­to biso­gno, il rin­cor­rer­si dei sem­pre più orri­bi­li tito­li dei gior­na­li di que­sti gior­ni ci dà un pla­sti­co esem­pio del per­ché sia impor­tan­te ricor­da­re gli ottan­ta anni dal­le leg­gi raz­zia­li.

Com­ple­ta eli­mi­na­zio­ne dal­la scuo­la fasci­sta degli inse­gnan­ti e degli alun­ni ebrei”, tito­la­va Il Pic­co­lo di Trie­ste nel 1938, dopo il discor­so di Mus­so­li­ni che pro­prio in quel­la cit­tà annun­cia­va l’introduzione del­le leg­gi razziali.

E a pochi chi­lo­me­tri da Trie­ste, a 80 anni di distan­za, la sin­da­ca di Mon­fal­co­ne Cisint sce­glie di com­me­mo­ra­re l’evento intro­du­cen­do il tet­to agli immi­gra­ti nel­le scuo­le dell’infanzia del suo comu­ne.

Alme­no 60 bam­bi­ni rischia­no di resta­re fuo­ri. Esclu­si, respin­ti, espul­si.  Che ne sarà di loro? “Se li pren­da­no gli altri comu­ni”, dice la sin­da­ca leghi­sta, lavan­do­se­ne le mani. Sen­za suc­ces­so, per­ché quel­le mani reste­ran­no mac­chia­te da que­sta vio­len­za, ci sia con­ces­so dir­lo sen­za azzar­da­re para­go­ni con Lady Macbeth.

Quel­lo che acca­drà, inve­ce, con ogni pro­ba­bi­li­tà, è che buo­na par­te di quei bam­bi­ni all’asilo non ci andrà affat­to. E tra tre anni, quan­do arri­ve­rà alle ele­men­ta­ri, non par­le­rà una paro­la di ita­lia­no, alla fac­cia del­le paro­le del friu­la­no sot­to­se­gre­ta­rio all’istruzione Pit­to­ni (anche lui leghi­sta, ça va sans dire) che sostie­ne il tet­to ser­va pro­prio a “garan­ti­re l’integrazione”.

E Mon­fal­co­ne, pur­trop­po, non è un caso iso­la­to. A Lodi la sin­da­ca (indo­vi­na­te un po’? Leghi­sta) ha deci­so di fat­to di impe­di­re l’accesso alla men­sa e allo scuo­la­bus per i figli degli immi­gra­ti.

Non par­lia­mo dell’Alabama del­le leg­gi Jim Crow, ma dell’Italia del 2018.

Un’Italia che rischia di asso­mi­glia­re sem­pre di più a Mon­fal­co­ne e Lodi. La regio­ne Friu­li Vene­zia Giu­lia, capi­ta­na­ta (è il caso di dir­lo) dall’ultrasalviniano Fedri­ga, sta pen­san­do di pren­de­re a esem­pio quel­lo che già chia­ma “model­lo Mon­fal­co­ne” ed esten­der­lo a tut­to il ter­ri­to­rio regionale.

Come sem­pre, la solu­zio­ne alla sfi­da che indub­bia­men­te pone l’integrazione, sem­pli­ce­men­te, non si vuo­le tro­va­re. Anzi, si vuo­le ali­men­ta­re il pro­ble­ma, per poter­lo caval­ca­re e per rica­var­ne nuo­ve pau­re, nuo­ve ten­sio­ni, nuo­ve vio­len­ze, da far sup­pu­ra­re e tra­sfor­ma­re in nuo­vo mar­cio con­sen­so per que­sto gover­no che dal gial­lo ver­de sta viran­do mol­to in fret­ta a una dis­sol­ven­za a nero.

È un film già visto, tra­gi­ca­men­te vis­su­to da mol­te e mol­ti, alcu­ni dei qua­li per for­tu­na sono anco­ra qui per raccontarlo.

Come ricor­da Lilia­na Segre, sena­tri­ce a vita soprav­vis­su­ta ai cam­pi di con­cen­tra­men­to e pri­ma anco­ra ban­di­ta dal­le scuo­le fasci­ste, pro­prio come annun­cia­to da quel tito­lo del Pic­co­lo, il vero segno del peri­co­lo di aver imboc­ca­to una stra­da sen­za ritor­no va visto nell’indif­fe­ren­za di fron­te alla bar­ba­rie. Anco­ra di più, Jason Stan­ley in “Come fun­zio­na il fasci­smo” ricor­da le paro­le di sua non­na Ilse Stan­ley, che segna­la­va come la “nor­ma­liz­za­zio­ne”, la bana­le accet­ta­zio­ne e mini­miz­za­zio­ne di atti gra­vis­si­mi e sen­za pre­ce­den­ti, fu il vero spar­tiac­que nel­la Ger­ma­nia del­la fine degli anni ’30.

A 80 anni dal­le leg­gi raz­zia­li c’è chi spac­cia come cam­bia­men­to, come buon­sen­so, come attua­zio­ne del­la volon­tà popo­la­re, una discri­mi­na­zio­ne schi­fo­sa, vio­len­ta, che avrà gra­vis­si­me con­se­guen­ze sul nostro tes­su­to socia­le e sul pae­se che lasce­re­mo alle futu­re gene­ra­zio­ni. A 80 anni dal­le leg­gi raz­zia­li non pos­sia­mo resta­re indif­fe­ren­ti rispet­ti a fat­ti come quel­li di Mon­fal­co­ne e di Lodi, come quel­li di mol­te altre par­ti d’Italia. Non pos­sia­mo “nor­ma­liz­za­re”, non pos­sia­mo bana­liz­za­re, non pos­sia­mo mini­miz­za­re, per igna­via, per stan­chez­za, per pau­ra di non ave­re con­sen­so.

Dob­bia­mo oppor­ci, gri­dar­lo for­te, chie­de­re a chi la pen­sa come noi di fare lo stes­so. Sco­pri­re­mo che sia­mo mol­te e mol­ti, più di loro. E dare­mo nuo­va­men­te una spe­ran­za al paese.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.