Recuperare il nostro “shale gas” attraverso la riqualificazione del patrimonio edilizio, #primadeldiluvio

Dall’inizio del prossimo decennio non solo tutti i nuovi edifici dovranno essere a consumo energetico “quasi zero”, ma andranno definite politiche per stimolare la riqualificazione spinta degli edifici esistenti, con riduzioni dei consumi fossili del 60-80%. Si tratta in sostanza, di recuperare il nostro “shale gas”, ottenibile riducendo significativamente i consumi di metano del nostro inefficiente patrimonio edilizio.

Pro­se­gue la nostra ras­se­gna #pri­ma­del­di­lu­vio, quel­lo vero. I pre­ce­den­ti con­tri­bu­ti sono dispo­ni­bi­li qui.

 

Le nostre cit­tà dovran­no con­tem­po­ra­nea­men­te adat­tar­si ad un cli­ma che cam­bia, attrez­zan­do­si per gesti­re le sem­pre più inten­se onde di calo­re e “bom­be d’acqua”, e diven­ta­re più “leg­ge­re”, meno ener­gi­vo­re, pre­stan­do una for­te atten­zio­ne alla chiu­su­ra dei cicli di acqua, rifiu­ti, materiali.

Oltre alla sfi­da cli­ma­ti­ca, si impo­ne infat­ti il pas­sag­gio ad un’economia sem­pre più cir­co­la­re.

Dall’inizio del pros­si­mo decen­nio non solo tut­ti i nuo­vi edi­fi­ci dovran­no esse­re a con­su­mo ener­ge­ti­co “qua­si zero”, ma andran­no defi­ni­te poli­ti­che per sti­mo­la­re la riqua­li­fi­ca­zio­ne spin­ta degli edi­fi­ci esi­sten­ti, con ridu­zio­ni dei con­su­mi fos­si­li del 60–80%. Si trat­ta in sostan­za, di recu­pe­ra­re il nostro “sha­le gas”, otte­ni­bi­le ridu­cen­do signi­fi­ca­ti­va­men­te i con­su­mi di meta­no del nostro inef­fi­cien­te patri­mo­nio edi­li­zio.

Gli sfor­zi si dovran­no con­cen­tra­re dun­que sul­la rige­ne­ra­zio­ne del­le cit­tà ridi­se­gnan­do i prin­ci­pi di uno svi­lup­po urba­ni­sti­co sen­za cre­sci­ta.

Ogni anno vie­ne riqua­li­fi­ca­ta una super­fi­cie pari all’1% del par­co edi­li­zio, con miglio­ra­men­ti ener­ge­ti­ci dell’ordine del 15–25%, gene­ral­men­te su sin­go­li appar­ta­men­ti. La nuo­va fase, inve­ce, impo­ne un’accelerazione sul nume­ro di inter­ven­ti, che dovran­no più che rad­dop­pia­re, e sul­la loro inci­si­vi­tà, pas­san­do alla “deep reno­va­tion” di inte­ri edi­fi­ci.

Per rag­giun­ge­re obiet­ti­vi così ambi­zio­si ser­vo­no solu­zio­ni inno­va­ti­ve sia sul lato del­la doman­da che su quel­lo dell’offerta.

Sul pri­mo ver­san­te, occor­ro­no nuo­ve for­me di incen­ti­va­zio­ne. Nel­la Leg­ge di Sta­bi­li­tà 2016 si è aper­to un pri­mo spi­ra­glio in que­sta dire­zio­ne. Una nor­ma, però che dovreb­be esse­re note­vol­men­te miglio­ra­ta (un emen­da­men­to che raf­for­za­va la ces­sio­ne del cre­di­to e l’incisività del­le riqua­li­fi­ca­zio­ni era sta­to pre­sen­ta­to, in accor­do con il Gover­no, al Senato).

Anche sul ver­san­te dell’offerta sono neces­sa­ri cam­bia­men­ti in gra­do di ridur­re i costi e, in pro­spet­ti­va, di ren­de­re sem­pre meno neces­sa­rie le for­me di incentivazione.

La rivo­lu­zio­ne digi­ta­le con­sen­ti­rà di pas­sa­re all’industrializzazione dei pro­ces­si, il che impli­che­rà un’aggregazione e una qua­li­fi­ca­zio­ne del­le attua­li atti­vi­tà spes­so fran­tu­ma­te. La pos­si­bi­li­tà di ridur­re tem­pi e costi rap­pre­sen­te­rà una for­mi­da­bi­le spin­ta a ride­fi­ni­re le moda­li­tà organizzative.

Per capi­re la radi­ca­li­tà dei cam­bia­men­ti pos­si­bi­li, in Euro­pa si sono svi­lup­pa­ti pro­gram­mi basa­ti sull’industrializzazione del­le ristrut­tu­ra­zio­ni che han­no con­sen­ti­to di ese­gui­re i lavo­ri in soli die­ci gior­ni con un taglio del 40% dei costi e garan­ten­do l’obiettivo “net zero energy”.

La rivo­lu­zio­ne digi­ta­le non solo faci­li­te­rà le riqua­li­fi­ca­zio­ni con l’industrializzazione e in futu­ro con for­me di robo­tiz­za­zio­ne e stam­pa 3D. Gli edi­fi­ci saran­no sem­pre più “con­nes­si” sia per otti­miz­za­re i con­su­mi inter­ni che per dia­lo­ga­re con la rete elet­tri­ca gra­zie a pro­gram­mi Demand Respon­se in gra­do di gesti­re la doman­da a fron­te di un’offerta sem­pre più domi­na­ta da fon­ti rin­no­va­bi­li inter­mit­ten­ti. E i vei­co­li elet­tri­ci diven­te­ran­no anche ele­men­ti di un sofi­sti­ca­to siste­ma distri­bui­to di accu­mu­lo. Que­ste tra­sfor­ma­zio­ni potran­no rap­pre­sen­ta­re una straor­di­na­ria occa­sio­ne di riqua­li­fi­ca­zio­ne di inte­ri quar­tie­ri e inci­de­ran­no sul­lo svi­lup­po di nuo­ve for­me di mobi­li­tà urbana.

Gian­ni Silvestrini

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.