Lavoro, Civati: «Poletti incommentabile, mentre il buco del Jobs act è diventato una voragine»

Visto che i giovani hanno votato in massa no al referendum costituzionale, la linea di Poletti è quella di fargliela pagare con dichiarazioni insulse e rancorose, di bassissimo profilo trattandosi di un Ministro della Repubblica. Solo così si spiega il fatto che Poletti si sia sentito autorizzato a dire che è bene che molti giovani abbiano lasciato l’Italia perché “questo Paese non soffrirà a non averli più tra i piedi”. Incommentabile.

Nel giorno in cui l’Osservatorio dell’Inps diffonde i catastrofici dati sul lavoro dei primi 10 mesi del 2016 (boom di voucher, aumento dei licenziamenti disciplinari e diminuzione dei contratti a tempo indeterminato dell’89% rispetto al 2015), il ministro Poletti mette inoltre le mani avanti e dichiara che il Governo è pronto a rimediare a livello normativo all’uso dei voucher. Dopo i balletti dei giorni scorsi dove lo stesso Poletti aveva parlato di elezioni anticipate per non sottoporre il Governo a una possibile bocciatura anche con il referendum sul jobs act, continuano a cercare toppe anche se ormai il buco è diventato una voragine. Questi dati sono la pietra tombale rispetto all’intera riforma del lavoro voluta da Renzi. La tracciabilità da sola non basta, bisogna abolire i voucher in molti settori e riportarli alla loro funzione originaria. Per completare il quadro Poletti dice anche che il jobs act fa bene al Paese e non vede motivi per i quali si debba modificare. Per fortuna li vedono gli italiani e li vedranno anche nelle urne.

Giuseppe Civati

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati