Indietro tutta, ma con gli stessi protagonisti

Con i protagonisti del “partito della nazione” e dell’alleanza Pd-Ncd, fautori dell’Italicum sostenuto fino a mettervi sopra il voto di fiducia al Governo, adesso si ripropone un “centrosinistra” (da Pisapia ad Alfano, che guida un partito che si chiama “nuovo centrodestra”) e come legge elettorale il Mattarellum. Come se nulla fosse, come se tre anni potessero essere messi tra parentesi, senza chiedere neppure scusa.

Dopo il refe­ren­dum del 4 dicem­bre, stia­mo assi­sten­do a uno spet­ta­co­lo para­dos­sa­le che ci ripor­ta all’inizio del­la legi­sla­tu­ra (che sem­bra obiet­ti­va­men­te un seco­lo fa), con la pro­po­sta del Mat­ta­rel­lum come leg­ge elet­to­ra­le e addi­rit­tu­ra del cen­tro­si­ni­stra come sche­ma poli­ti­co (sal­vo inne­sta­re in que­sto anche alme­no una par­te di cen­tro­de­stra: quel­lo “nuo­vo”). Esat­ta­men­te ciò che è sta­to nega­to all’inizio del­la legi­sla­tu­ra, quan­do una par­te del cen­tro­si­ni­stra (non solo Gia­chet­ti – mol­to ricor­da­to – ma anche Civa­ti e i par­la­men­ta­ri che soste­ne­va­no la sua mozio­ne, oltre a Sel) pro­po­ne­va di recu­pe­ra­re il Mat­ta­rel­lum. Una leg­ge elet­to­ra­le can­cel­la­ta – è bene ricor­dar­lo – dal cen­tro­de­stra alla fine del­la XIV legi­sla­tu­ra, in meno di tre mesi, per met­te­re i basto­ni tra le ruo­te al cen­tro­si­ni­stra che, in base ai risul­ta­ti del­le regio­na­li del 2005, si sareb­be dovu­to avvia­re, alle suc­ces­si­ve ele­zio­ni poli­ti­che, a una signi­fi­ca­ti­va vit­to­ria (che risul­tò inve­ce alme­no par­zial­men­te ampu­ta­ta pro­prio dal­la nuo­va leg­ge elet­to­ra­le, il Porcellum).

All’inizio di que­sta legi­sla­tu­ra, quan­do dopo ave­re uti­liz­za­to per ben tre vol­te una leg­ge inco­sti­tu­zio­na­le, ci si è risol­ti a modi­fi­ca­re la leg­ge elet­to­ra­le, il Mat­ta­rel­lum è sta­to sacri­fi­ca­to, assie­me al cen­tro­si­ni­stra, alle cosid­det­te “lar­ghe inte­se”, alle qua­li si è oppo­sto, nel cen­tro­si­ni­stra, pra­ti­ca­men­te solo Civa­ti, che ha por­ta­to quel­la posi­zio­ne al con­gres­so, dove ha otte­nu­to, dagli elet­to­ri demo­cra­ti­ci, un riscon­tro deci­ne di vol­te supe­rio­re a quel­lo che vi era nei grup­pi par­la­men­ta­ri. Ma anche que­sto è sta­to con­si­de­ra­to irri­le­van­te, coper­to dal 67% otte­nu­to da Ren­zi, che — dive­nu­to segre­ta­rio — ha addi­rit­tu­ra rilan­cia­to lo sche­ma del­le “lar­ghe inte­se” con una pro­spet­ti­va di legi­sla­tu­ra. Con un Gover­no che, al di là del cam­bio di Pre­si­den­te del Con­si­glio dei mini­stri e di una par­te dei mini­stri, ave­va la stes­sa com­po­si­zio­ne poli­ti­ca dell’ultima fase del pre­ce­den­te, rin­sal­dan­do sem­pre di più il tan­dem Pd-Ncd (che vuol dire: nuo­vo cen­tro­de­stra), soprat­tut­to dopo il pro­gres­si­vo squa­gliar­si del polo cen­tri­sta di Scel­ta civi­ca (che com­pren­si­bil­men­te vede­va il suo spa­zio ero­so dal nuo­vo Pd).

In que­sto sche­ma si sono rea­liz­za­te le famo­se “rifor­me”: quel­la del jobs act, con una (ulte­rio­re) ridu­zio­ne dei dirit­ti dei lavo­ra­to­ri (dai licen­zia­men­ti ai vou­cher), quel­la del­la “buo­na scuo­la”, incen­tra­ta sul “pre­si­de mana­ger” e la cui cat­ti­va riu­sci­ta è ormai rico­no­sciu­ta da tut­ti, quel­la del­la “leg­ge Madia”, dichia­ra­ta inco­sti­tu­zio­na­le, quel­la del­la leg­ge elet­to­ra­le, con l’Ita­li­cum, che, oltre ad esse­re (for­te­men­te) a sospet­to di inco­sti­tu­zio­na­li­tà (la pro­nun­cia del­la Cor­te è atte­sa per il 24 gen­na­io) non ser­ve a nul­la con due Came­re elet­ti­ve e comun­que non pia­ce già più a nes­su­no; per non par­la­re del­le posi­zio­ni assun­te dal Gover­no a dife­sa del­le ener­gie fos­si­li o del pon­te sul­lo stret­to. Infi­ne, la rifor­ma costi­tu­zio­na­le, la “rifor­ma del­le rifor­me”, su cui non è sta­to ascol­ta­to nes­su­no di colo­ro che avan­za­va­no cri­ti­che costrut­ti­ve e rispet­to alla qua­le si è inte­so pro­ce­de­re con la tec­ni­ca del­lo schiac­cia­sas­si, impo­nen­do la posi­zio­ne del­la sola mag­gio­ran­za , pro­prio come i par­la­men­ta­ri dell’Ulivo ave­va­no det­to al cen­tro­de­stra, nel 2005, che non si face­va, per­ché la Costi­tu­zio­ne deve esse­re condivisa.

In defi­ni­ti­va, abbia­mo assi­sti­to a una lun­ga serie di scel­te spes­so risul­ta­te sba­glia­te, che non han­no risol­to i pro­ble­mi o addi­rit­tu­ra han­no dato luo­go a dif­fi­col­tà di appli­ca­zio­ne, a dichia­ra­zio­ni di inco­sti­tu­zio­na­li­tà e – nel caso più rile­van­te – a una sono­ra boc­cia­tu­ra popo­la­re, che era­no poli­ti­ca­men­te indub­bia­men­te vira­te nel cam­po del cen­tro­de­stra, con alme­no una par­te del qua­le (da Alfa­no a Ver­di­ni) l’alleanza, in effet­ti, pro­se­gue da anni.

Dopo l’esito del refe­ren­dum del 4 dicem­bre, in cui gli ita­lia­ni han­no respin­to, con qua­si il 60% di “No”, la rifor­ma costi­tu­zio­na­le del Gover­no (alla qua­le lo stes­so ave­va attri­bui­to doti tau­ma­tur­gi­che come la cura dei “bam­bi­ni dia­be­ti­ci” o del­le più gra­vi malat­tie), i pro­ta­go­ni­sti sono rima­sti tut­ti sal­da­men­te in cam­po, tan­to che la for­ma­zio­ne del nuo­vo Gover­no, che ha man­te­nu­to esat­ta­men­te lo stes­so sche­ma poli­ti­co (Pd — Nuo­vo cen­tro­de­stra), si è risol­to essen­zial­men­te in una pro­se­cu­zio­ne del pre­ce­den­te, con la sola mini­stra Gian­ni­ni con­ge­da­ta, l’ingresso di Fede­li e Finoc­chia­ro e qual­che ripo­si­zio­na­men­to: da Boschi a Lot­ti, da Alfa­no a Min­ni­ti, sen­za che sia risul­ta­to chia­ro nep­pu­re qua­le fos­se la ragio­ne del­la for­ma­zio­ne di un “nuo­vo” Ese­cu­ti­vo ugua­le al pre­ce­den­te.

Con i pro­ta­go­ni­sti del “par­ti­to del­la nazio­ne” e dell’alleanza Pd-Ncd, fau­to­ri dell’Ita­li­cum soste­nu­to fino a met­ter­vi sopra il voto di fidu­cia al Gover­no, ades­so si ripro­po­ne un “cen­tro­si­ni­stra” (da Pisa­pia ad Alfa­no, che gui­da un par­ti­to che si chia­ma “nuo­vo cen­tro­de­stra”) e come leg­ge elet­to­ra­le il Mat­ta­rel­lum. Come se nul­la fos­se, come se tre anni potes­se­ro esse­re mes­si tra paren­te­si, sen­za chie­de­re nep­pu­re scu­sa. Sen­za nep­pu­re dire: ci sia­mo sba­glia­ti, è meglio che uno sche­ma poli­ti­co di cen­tro­si­ni­stra – che si oppo­ne e non si allea con il cen­tro­de­stra – e una leg­ge elet­to­ra­le con­se­guen­te sia­no por­ta­ti avan­ti da chi li ha sem­pre soste­nu­ti. Sareb­be, in fon­do, un’assunzione di respon­sa­bi­li­tà: quel­la che nel­la poli­ti­ca ita­lia­na manca.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.