Il quesito di Possibile sui licenziamenti illegittimi era ammissibile

È stata pubblicata la sentenza della Corte costituzionale con cui è stato dichiarato inammissibile il referendum sui licenziamenti illegittimi. Nel merito, i motivi di incostituzionalità sono due: il carattere manipolativo del quesito e la sua assenza di omogeneità.

 

È sta­ta pub­bli­ca­ta la sen­ten­za del­la Cor­te costi­tu­zio­na­le con cui è sta­to dichia­ra­to inam­mis­si­bi­le il refe­ren­dum sui licen­zia­men­ti illegittimi.

Si trat­ta del­la n. 26 del 2017, dal­le cui pri­me righe si com­pren­de imme­dia­ta­men­te che il ver­det­to non è sta­to faci­le, che il Col­le­gio si è divi­so. La rela­tri­ce, giu­di­ce Sciar­ra, è sta­ta infat­ti sosti­tui­ta per la reda­zio­ne dal vice­pre­si­den­te Lat­tan­zi, come nor­mal­men­te avvie­ne sol­tan­to nei casi in cui la solu­zio­ne pro­po­sta dal rela­to­re risul­ti minoritaria.

Nel meri­to, i moti­vi di inco­sti­tu­zio­na­li­tà – come ave­va­mo paven­ta­to – sono due: il carat­te­re mani­po­la­ti­vo del que­si­to e la sua assen­za di omogeneità.

Il pri­mo aspet­to è sta­to valu­ta­to indub­bia­men­te dal­la Cor­te con un cer­to rigo­re, in que­sta occa­sio­ne, alme­no in rela­zio­ne alla nor­ma su cui la moti­va­zio­ne si sof­fer­ma: quel­la rela­ti­va ai limi­ti dimen­sio­na­li del­le azien­de alle qua­li si appli­ca la disci­pli­na dell’art. 18 del­lo sta­tu­to dei lavo­ra­to­ri. Infat­ti, è vero che il ten­ta­ti­vo di esten­de­re a tut­te le impre­se il limi­te oggi pre­vi­sto per quel­le agri­co­le non rap­pre­sen­ta­va l’espansione di un cri­te­rio già pre­vi­sto in via resi­dua­le (per la gene­ra­li­tà del­le impre­se), come nel caso del­la sen­ten­za n. 13 del 1999, che giun­se infat­ti alla dichia­ra­zio­ne di ammis­si­bi­li­tà, ma è anche vero che non si trat­ta­va di un limi­te rica­va­to da tutt’altro con­te­sto nor­ma­ti­vo, come nel caso del­la sen­ten­za n. 36 del 1997, con cui ven­ne­ro per la pri­ma vol­ta indi­ca­ti i ter­mi­ni in cui i rita­gli di testo ren­do­no un que­si­to refe­ren­da­rio inammissibile.

Rispet­to al requi­si­to del­la omo­ge­nei­tà (cioè la neces­si­tà che la doman­da sia uni­vo­ca, in modo tale da con­sen­ti­re quel­la sola rispo­sta che l’elettore ha a dispo­si­zio­ne), inve­ce, la sua man­can­za pare, in effet­ti, più evi­den­te. Infat­ti, la doman­da con­cer­ne­va l’abrogazione sia del decre­to legi­sla­ti­vo n. 23 del 2015, che sosti­tui­sce l’art. 18 per gli assun­ti dopo l’entrata in vigo­re del­lo stes­so, sia di ampie par­ti dell’articolo 18 del­lo sta­tu­to dei lavo­ra­to­ri, come modi­fi­ca­to da suc­ces­si­ve leg­gi degli ulti­mi anni (in par­ti­co­la­re la leg­ge For­ne­ro), che con­ti­nua ad appli­car­si per gli assun­ti fino alla sud­det­ta data. Ora, la Con­sul­ta pre­ci­sa che «i due cor­pi nor­ma­ti­vi […] sono all’evidenza dif­fe­ren­ti, sia per i rap­por­ti di lavo­ro ai qua­li si rife­ri­sco­no (ini­zia­ti pri­ma o dopo l’entrata in vigo­re del decre­to legi­sla­ti­vo n. 23 del 2015), sia per il regi­me san­zio­na­to­rio pre­vi­sto». È per que­sto che le richie­ste sono «diso­mo­ge­nee e suscet­ti­bi­li di rispo­ste diver­se». Infat­ti, «l’elettore potreb­be ben vole­re l’abrogazione del decre­to legi­sla­ti­vo n. 23 del 2015 […], sen­za però vole­re allo stes­so tem­po anche la radi­ca­le modi­fi­ca­zio­ne dell’art. 18, ogget­to di richie­sta abro­ga­ti­va».

Ora, dob­bia­mo ricor­da­re che, nell’estate 2015, chi scri­ve, Giu­sep­pe Civa­ti, Luca Pasto­ri­no e altri otto elet­to­ri, depo­si­ta­ro­no pres­so la can­cel­le­ria del­la Cor­te di Cas­sa­zio­ne una richie­sta di abro­ga­zio­ne del decre­to legi­sla­ti­vo n. 23 del 2015, che avreb­be eli­mi­na­to la tute­la atte­nua­ta per i licen­zia­men­ti ille­git­ti­mi degli assun­ti suc­ces­si­va­men­te all’entrata in vigo­re di quel decre­to. Ecco, in base all’odierna sen­ten­za, risul­ta chia­ra­men­te che quel que­si­to non avreb­be pre­sen­ta­to né il limi­te del­la mani­po­la­ti­vi­tà né quel­lo dell’omogeneità (mai ecce­pi­ti, in effet­ti, quan­do si richie­de la abro­ga­zio­ne di un inte­ro testo nor­ma­ti­vo), risul­tan­do ammissibile.

Quin­di, se, nell’estate 2015, alle for­ze di Pos­si­bi­le si fos­se­ro uni­te quel­le di chi ha rac­col­to le fir­me per il refe­ren­dum respin­to, i cit­ta­di­ni avreb­be­ro potu­to vota­re (già nel­la scor­sa pri­ma­ve­ra, con il que­si­to sul­le tri­vel­la­zio­ni in mare) per resti­tui­re ai lavo­ra­to­ri una tute­la miglio­re con­tro i licen­zia­men­ti illegittimi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.