Il quesito di Possibile sui licenziamenti illegittimi era ammissibile

È stata pubblicata la sentenza della Corte costituzionale con cui è stato dichiarato inammissibile il referendum sui licenziamenti illegittimi. Nel merito, i motivi di incostituzionalità sono due: il carattere manipolativo del quesito e la sua assenza di omogeneità.

 

È sta­ta pub­bli­ca­ta la sen­ten­za del­la Cor­te costi­tu­zio­na­le con cui è sta­to dichia­ra­to inam­mis­si­bi­le il refe­ren­dum sui licen­zia­men­ti illegittimi.

Si trat­ta del­la n. 26 del 2017, dal­le cui pri­me righe si com­pren­de imme­dia­ta­men­te che il ver­det­to non è sta­to faci­le, che il Col­le­gio si è divi­so. La rela­tri­ce, giu­di­ce Sciar­ra, è sta­ta infat­ti sosti­tui­ta per la reda­zio­ne dal vice­pre­si­den­te Lat­tan­zi, come nor­mal­men­te avvie­ne sol­tan­to nei casi in cui la solu­zio­ne pro­po­sta dal rela­to­re risul­ti minoritaria.

Nel meri­to, i moti­vi di inco­sti­tu­zio­na­li­tà – come ave­va­mo paven­ta­to – sono due: il carat­te­re mani­po­la­ti­vo del que­si­to e la sua assen­za di omogeneità.

Il pri­mo aspet­to è sta­to valu­ta­to indub­bia­men­te dal­la Cor­te con un cer­to rigo­re, in que­sta occa­sio­ne, alme­no in rela­zio­ne alla nor­ma su cui la moti­va­zio­ne si sof­fer­ma: quel­la rela­ti­va ai limi­ti dimen­sio­na­li del­le azien­de alle qua­li si appli­ca la disci­pli­na dell’art. 18 del­lo sta­tu­to dei lavo­ra­to­ri. Infat­ti, è vero che il ten­ta­ti­vo di esten­de­re a tut­te le impre­se il limi­te oggi pre­vi­sto per quel­le agri­co­le non rap­pre­sen­ta­va l’espansione di un cri­te­rio già pre­vi­sto in via resi­dua­le (per la gene­ra­li­tà del­le impre­se), come nel caso del­la sen­ten­za n. 13 del 1999, che giun­se infat­ti alla dichia­ra­zio­ne di ammis­si­bi­li­tà, ma è anche vero che non si trat­ta­va di un limi­te rica­va­to da tutt’altro con­te­sto nor­ma­ti­vo, come nel caso del­la sen­ten­za n. 36 del 1997, con cui ven­ne­ro per la pri­ma vol­ta indi­ca­ti i ter­mi­ni in cui i rita­gli di testo ren­do­no un que­si­to refe­ren­da­rio inammissibile.

Rispet­to al requi­si­to del­la omo­ge­nei­tà (cioè la neces­si­tà che la doman­da sia uni­vo­ca, in modo tale da con­sen­ti­re quel­la sola rispo­sta che l’elettore ha a dispo­si­zio­ne), inve­ce, la sua man­can­za pare, in effet­ti, più evi­den­te. Infat­ti, la doman­da con­cer­ne­va l’abrogazione sia del decre­to legi­sla­ti­vo n. 23 del 2015, che sosti­tui­sce l’art. 18 per gli assun­ti dopo l’entrata in vigo­re del­lo stes­so, sia di ampie par­ti dell’articolo 18 del­lo sta­tu­to dei lavo­ra­to­ri, come modi­fi­ca­to da suc­ces­si­ve leg­gi degli ulti­mi anni (in par­ti­co­la­re la leg­ge For­ne­ro), che con­ti­nua ad appli­car­si per gli assun­ti fino alla sud­det­ta data. Ora, la Con­sul­ta pre­ci­sa che «i due cor­pi nor­ma­ti­vi […] sono all’evidenza dif­fe­ren­ti, sia per i rap­por­ti di lavo­ro ai qua­li si rife­ri­sco­no (ini­zia­ti pri­ma o dopo l’entrata in vigo­re del decre­to legi­sla­ti­vo n. 23 del 2015), sia per il regi­me san­zio­na­to­rio pre­vi­sto». È per que­sto che le richie­ste sono «diso­mo­ge­nee e suscet­ti­bi­li di rispo­ste diver­se». Infat­ti, «l’elettore potreb­be ben vole­re l’abrogazione del decre­to legi­sla­ti­vo n. 23 del 2015 […], sen­za però vole­re allo stes­so tem­po anche la radi­ca­le modi­fi­ca­zio­ne dell’art. 18, ogget­to di richie­sta abro­ga­ti­va».

Ora, dob­bia­mo ricor­da­re che, nell’estate 2015, chi scri­ve, Giu­sep­pe Civa­ti, Luca Pasto­ri­no e altri otto elet­to­ri, depo­si­ta­ro­no pres­so la can­cel­le­ria del­la Cor­te di Cas­sa­zio­ne una richie­sta di abro­ga­zio­ne del decre­to legi­sla­ti­vo n. 23 del 2015, che avreb­be eli­mi­na­to la tute­la atte­nua­ta per i licen­zia­men­ti ille­git­ti­mi degli assun­ti suc­ces­si­va­men­te all’entrata in vigo­re di quel decre­to. Ecco, in base all’odierna sen­ten­za, risul­ta chia­ra­men­te che quel que­si­to non avreb­be pre­sen­ta­to né il limi­te del­la mani­po­la­ti­vi­tà né quel­lo dell’omogeneità (mai ecce­pi­ti, in effet­ti, quan­do si richie­de la abro­ga­zio­ne di un inte­ro testo nor­ma­ti­vo), risul­tan­do ammissibile.

Quin­di, se, nell’estate 2015, alle for­ze di Pos­si­bi­le si fos­se­ro uni­te quel­le di chi ha rac­col­to le fir­me per il refe­ren­dum respin­to, i cit­ta­di­ni avreb­be­ro potu­to vota­re (già nel­la scor­sa pri­ma­ve­ra, con il que­si­to sul­le tri­vel­la­zio­ni in mare) per resti­tui­re ai lavo­ra­to­ri una tute­la miglio­re con­tro i licen­zia­men­ti illegittimi.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?