Quando gli invisibili diventano visibili: il caso dei braccianti di Saluzzo

Al parco di Villa Aliberti, a Saluzzo, giovedì scorso all’alba è arrivata la Polizia. Tutte e centotrentatre le persone accampate al parco sono state sottoposte – così scrivono i giornali – a un doppio screening, documentale e medico. L’accampamento di fortuna è stato sgomberato, le persone suddivise arbitrariamente in gruppi e smistate in vari centri della zona, senza tenere in alcuna considerazione eventuali esigenze personali.

Al par­co di Vil­la Ali­ber­ti, a Saluz­zo, gio­ve­dì scor­so all’alba è arri­va­ta la Poli­zia. Tut­te e cen­to­tren­ta­tre le per­so­ne accam­pa­te al par­co sono sta­te sot­to­po­ste – così scri­vo­no i gior­na­li – a un dop­pio scree­ning, docu­men­ta­le e medi­co. L’accampamento di for­tu­na è sta­to sgom­be­ra­to, le per­so­ne sud­di­vi­se arbi­tra­ria­men­te in grup­pi e smi­sta­te in vari cen­tri del­la zona, sen­za tene­re in alcu­na con­si­de­ra­zio­ne even­tua­li esi­gen­ze per­so­na­li. I più han­no un con­trat­to, diran­no le auto­ri­tà di poli­zia, smen­ti­te dai sin­da­ci del­la zona nel­le ore suc­ces­si­ve; gli irre­go­la­ri sono pochi, sol­tan­to tre. Nes­su­no era posi­ti­vo al Covid-19. La for­za pub­bli­ca ha mostra­to i musco­li. Ha spaz­za­to via l’anomalia, la ver­go­gna. Gli invi­si­bi­li sono tor­na­ti tali. Come si pote­va tol­le­ra­re tut­to quell’osceno sta­to di biso­gno, quel­la pover­tà asso­lu­ta, l’orrore e lo spa­ven­to alla vista di quel­le mani scu­re e ruvi­de? Quel­le stes­se mani che rac­col­go­no la frut­ta per ali­men­ta­re la ruti­lan­te mac­chi­na del­la Gran­de Distri­bu­zio­ne Orga­niz­za­ta, che crea valo­re per pochi, pochis­si­mi, altret­tan­to invi­si­bi­li. Gli uomi­ni e le don­ne sono sta­ti smi­sta­ti fra i comu­ni vici­ni, anche fra i più pic­co­li. Die­ci, ven­ti, tren­ta per­so­ne per vol­ta, infi­la­te su fur­go­ni e man­da­te, in alcu­ni casi a loro insa­pu­ta, in luo­ghi lon­ta­ni dal­la poten­zia­le sede di lavo­ro. I sin­da­ci di quei comu­ni han­no dovu­to improv­vi­sa­re in poche ore dei cen­tri di acco­glien­za. Il pro­to­col­lo con­di­vi­so tra Regio­ne, Pro­vin­cia, comu­ni e Pre­fet­tu­ra è sta­to sigla­to in fret­ta e furia, spin­to con una moral sua­sion al limi­te dell’ordine peren­to­rio a par­ti­re dal rap­pre­sen­tan­te del gover­no, il pre­fet­to Gio­van­ni Rus­so. La divi­sio­ne a tavo­li­no ha desti­na­to 36 brac­cian­ti a Lagna­sco, 25 a Saluz­zo, 20 a Busca, 14 a Savi­glia­no, 10 a Revel­lo e Vil­la­fal­let­to,  4 a Ver­zuo­lo, 3 a Costi­glio­le Saluz­zo, Man­ta e Pagno. Ma è a Saluz­zo, dove risie­de una fol­ta comu­ni­tà di sta­gio­na­li di ori­gi­ni stra­nie­re, che si con­cen­tra la stra­gran­de mag­gio­ran­za del­l’of­fer­ta di lavo­ro, spes­so dif­fu­sa solo attra­ver­so il pas­sa­pa­ro­la. Por­ta­re que­ste per­so­ne altro­ve ser­ve a poco, ser­ve a far­gli per­de­re le occa­sio­ni di lavo­ro e un po’ anche ad allen­ta­re la ten­sio­ne su una cit­ta­di­na che negli ulti­mi anni è sta­ta lascia­ta sola nel gesti­re l’e­mer­gen­za. A Lagna­sco han­no “accol­to” i lavo­ra­to­ri in «una tet­to­ia coper­ta, posi­zio­na­ta accan­to a due con­tai­ner con all’interno rispet­ti­va­men­te due bagni e due doc­ce, com­pre­so di fri­go­ri­fe­ro e cor­ren­te elet­tri­ca» (cfr. ideaweb.it). Alcu­ni degli ospi­ti si sono lamen­ta­ti, altri sono tor­na­ti indie­tro, in bici­clet­ta, al par­co di Saluz­zo, dove sono sta­ti inter­cet­ta­ti dal­la Poli­zia e rispe­di­ti a Lagna­sco. Il Que­sto­re di Cuneo, Ema­nue­le Rici­fa­ri, la chia­ma «acco­glien­za dif­fu­sa», que­sto fare  e disfa­re con le per­so­ne, que­sto smi­sta­men­to pac­chi. La vita dei brac­cian­ti quan­to vale? Tan­to quan­to una tet­to­ia raf­faz­zo­na­ta, due latri­ne, un fri­go­ri­fe­ro (vuo­to). For­se potreb­be­ro tro­va­re un con­trat­to, for­se avreb­be­ro una paga, irri­so­ria cer­to, ma pur sem­pre una paga. E d’al­tron­de come potreb­be anda­re avan­ti il lavo­ro nei cam­pi, nei frut­te­ti, sen­za quel­le mani scu­re e ruvi­de? Saluz­zo non è Rosar­no o Mon­dra­go­ne: più del 90% del­la for­za lavo­ro, secon­do sta­ti­sti­che dif­fu­se dai sin­da­ca­ti, è inqua­dra­ta, e mol­te azien­de lavo­ra­no con discre­to buon­sen­so. Ma esi­ste anche un baci­no di lavo­ra­to­ri ai mar­gi­ni, lavo­ra­to­ri inter­mit­ten­ti, che sal­ta­no da un con­trat­to all’altro. A vol­te pas­sa­no gior­ni sen­za lavo­ra­re, sen­za una cer­tez­za, sen­za un tet­to sot­to il qua­le dor­mi­re. Da Col­di­ret­ti fan­no sape­re che non ci stan­no, che «i frut­ti­col­to­ri del­la Gran­da non chia­ma­no i migran­ti per poi far­li accam­pa­re sot­to le stel­le e sfrut­tar­li con sala­ri da fame». Gli impren­di­to­ri agri­co­li rifiu­ta­no l’onta del­lo sfrut­ta­men­to, allo­ra cosa impe­di­sce di trat­ta­re que­sti lavo­ra­to­ri con la digni­tà che meri­ta­no? Che cosa impe­di­sce alla ric­ca pro­vin­cia di Cuneo di orga­niz­za­re in manie­ra seria l’accoglienza dei lavo­ra­to­ri sta­gio­na­li? La Poli­ti­ca si nascon­de die­tro i lam­peg­gian­ti blu, sten­de pro­to­col­li con la scu­sa dell’emergenza sani­ta­ria, ma nul­la fa per dare con­ti­nui­tà e cer­tez­za a que­sti lavo­ra­to­ri, che dovreb­be­ro esse­re trat­ta­ti come tut­ti gli altri. Gli ulti­mi del­la cate­na stan­no in cate­ne, quel­le del­la pover­tà, men­tre la GDO pro­sciu­ga tut­to il valo­re pro­dot­to met­ten­do con­tro un muro anche gli impren­di­to­ri one­sti. E così tra i fila­ri con­ti­nua a infil­trar­si una cer­ta quo­ta di irre­go­la­ri­tà. Fin­ché rima­ne là, pie­ga­ta a rac­co­glie­re la pre­zio­sa frut­ta, nes­su­no osa dire nul­la. I con­trol­li degli Ispet­to­ri del Lavo­ro, dei Cara­bi­nie­ri, tal­vol­ta fan­no emer­ge­re le con­di­zio­ni di sfrut­ta­men­to (solo negli ulti­mi gior­ni su 90 lavo­ra­to­ri veri­fi­ca­ti nei cam­pi del saluz­ze­se 11 era­no pri­vi di con­trat­to). Però tut­to fini­sce nel giro di poco tem­po, le col­tu­re han­no la pre­va­len­za su ogni cosa e il valo­re del­le per­so­ne che si con­su­ma­no sot­to il sole è pres­so­ché nul­lo, per­ché gli invi­si­bi­li non con­ta­no nien­te. Ma quan­do diven­ta­no visi­bi­li, quan­do esco­no da quei fila­ri e si pos­so­no vede­re in fac­cia, in tut­ta la loro osce­na pover­tà, allo­ra no, allo­ra diven­ta­no il pro­ble­ma. E biso­gna agi­re, muo­ve­re volan­ti del­la Poli­zia, rista­bi­li­re l’ordine. C’è sem­pre un con­fi­ne da non supe­ra­re. Davi­de Sera­fin e Gabrie­le Ros­so per Cuneo Possibile

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.