La transizione energetica si fa con l’eolico, non con lo stoccaggio di CO2

Possibile concorda e fa sue le puntuali osservazioni critiche del Prof. Balzani, ritenendo che ben difficilmente si arriverà, come da programma regionale, all’azzeramento delle emissioni climalteranti entro il 2050, e al passaggio al 100% di energie rinnovabili entro il 2035, con un progetto che va in senso diametralmente opposto, e viene giustificato, al solito, con i presunti posti di lavoro (che sarebbero ugualmente ricavabili da progetti sulle rinnovabili, come, appunto, l’eolico).

Pochi gior­ni fa, in Emi­lia Roma­gna, sia l’assessore al Turi­smo Cor­si­ni che il pre­si­den­te Bonac­ci­ni han­no pre­so posi­zio­ne in sen­so net­ta­men­te con­tra­rio al pro­get­to di par­co eoli­co nell’Adriatico davan­ti alle coste del­la Roma­gna. Ieri Eni ha annun­cia­to il “più gran­de cen­tro al mon­do di cat­tu­ra e stoc­cag­gio di ani­dri­de car­bo­ni­ca”, che si farà a Raven­na, per­ché, dico­no, “… non pos­sia­mo pen­sa­re di tra­sfor­ma­re tut­ta l’e­ner­gia esi­sten­te in pro­dot­ti com­ple­ta­men­te ver­di” e che si trat­ta di un pro­get­to “che ha rice­vu­to pie­no soste­gno sia del gover­no, in pri­mis del pre­mier Giu­sep­pe Con­te, sia del­le auto­ri­tà loca­li, a comin­cia­re dal gover­na­to­re del­l’E­mi­lia Roma­gna, Ste­fa­no Bonac­ci­ni, per­ché è un’i­ni­zia­ti­va indu­stria­le che con­sen­ti­rà di man­te­ne­re la for­za lavo­ro impe­gna­ta nel distret­to e, in pro­spet­ti­va, di pro­ce­de­re a nuo­ve assun­zio­ni”. In sen­so net­ta­men­te con­tra­rio si è espres­so il Prof. Vin­cen­zo Bal­za­ni, anche nell’ambito degli Sta­ti Gene­ra­li orga­niz­za­ti dal Pre­mier Conte.

Il pro­get­to di Eni, che vuol costrui­re il più gran­de cen­tro mon­dia­le per lo stoc­cag­gio dell’anidride car­bo­ni­ca (CO2) a Raven­na, è un enor­me rischio finan­zia­rio sen­za cer­tez­ze dal pun­to di vista cli­ma­ti­co e ambien­ta­le”. Vin­cen­zo Bal­za­ni, chi­mi­co, docen­te eme­ri­to dell’Università di Bolo­gna e coor­di­na­to­re di Ener­gia per l’Italia boc­cia sen­za mez­zi ter­mi­ni l’operazione Eni annun­cia­ta dal pre­mier Giu­sep­pe Con­te alla fine degli Sta­ti gene­ra­li. Ana­liz­zan­do infat­ti le stra­te­gie per l’azzeramento del­le emis­sio­ni di ani­dri­de car­bo­ni­ca, il chi­mi­co cita anche il Car­bon Cap­tu­re and Seque­stra­tion, con la cat­tu­ra del­la CO2 emes­sa o già in atmo­sfe­ra e il suo imma­gaz­zi­na­men­to in gia­ci­men­ti esau­ri­ti di idro­car­bu­ri met­ten­do in fila le cri­ti­ci­tà. Lo stoc­cag­gio nel sot­to­suo­lo, attac­ca, “è rischio­so per­ché non sono noti i suoi effet­ti sismi­ci” e il rischio “è anco­ra mag­gio­re in una zona fra­gi­le come la costa di Raven­na, dove sono in cor­so signi­fi­ca­ti­vi feno­me­ni di sub­si­den­za”. In teo­ria, pro­se­gue, può com­pen­sa­re le emis­sio­ni deri­va­te dal­la pro­du­zio­ne di ener­gia da fon­ti fos­si­li, man­te­nen­do qua­si inva­ria­ta l’attuale pro­por­zio­ne tra fon­ti ener­ge­ti­che rin­no­va­bi­li e fos­si­li, “tut­ta­via, i com­bu­sti­bi­li fos­si­li sono limi­ta­ti, quin­di que­sta solu­zio­ne non può esse­re strut­tu­ra­le, ma solo tem­po­ra­nea, ren­den­do estre­ma­men­te cri­ti­ci gli aspet­ti eco­no­mi­co-finan­zia­ri dell’investimento”. Altra que­stio­ne è che “la cat­tu­ra di CO2 all’interno degli impian­ti di pro­du­zio­ne di ener­gia da fon­ti fos­si­li ridu­ce le pre­sta­zio­ni del 10%-20%” quin­di “i costi di pro­du­zio­ne dell’energia sareb­be­ro sostan­zial­men­te rad­dop­pia­ti”. In alter­na­ti­va, si può cat­tu­ra­re la CO2 dall’aria, “anche se non esi­sto­no tec­no­lo­gie matu­re e veri­fi­ca­te”, aggiun­ge il docen­te. Oppu­re, pro­se­gue, si può cat­tu­ra­re la CO2 all’interno di impian­ti di con­ver­sio­ne di bio­mas­se in ener­gia, opzio­ne che “avreb­be un for­te impat­to sull’uso del suo­lo agri­co­lo e sul­le emis­sio­ni di meta­no e NOx”. E anco­ra, per Bal­za­ni oggi “non esi­sto­no pro­get­ti indu­stria­li matu­ri rela­ti­vi al Car­bon Cap­tu­re and Seque­stra­tion, si è anco­ra alla fase di ricer­ca”. Basta pen­sa­re che “in Nor­ve­gia, che è il mag­gio­re pro­dut­to­re euro­peo di idro­car­bu­ri, un report indi­pen­den­te com­mis­sio­na­to dal Gover­no ha ana­liz­za­to la pos­si­bi­le rea­liz­za­zio­ne di un impian­to di stoc­cag­gio di CO2 nei gia­ci­men­ti esau­ri­ti del Mare del Nord”. Ebbe­ne “è sta­to valu­ta­to un poten­zia­le disa­stro finan­zia­rio e il Gover­no sta valu­tan­do di sospen­de­re il pro­get­to”. Insom­ma, “non è oppor­tu­no inve­sti­re ingen­ti risor­se pub­bli­che nel­la rea­liz­za­zio­ne di un siste­ma di stoc­cag­gio di CO2, per­ché i risul­ta­ti non sono garan­ti­ti, né dal pun­to di vista del­la sicu­rez­za, né dal pun­to di vista cli­ma­ti­co”. Le stes­se risor­se, con­clu­de Bal­za­ni, “deb­bo­no esse­re inve­sti­te sul­le ener­gie rin­no­va­bi­li, sugli impian­ti di accu­mu­lo di ener­gia elet­tri­ca, sull’efficienza ener­ge­ti­ca degli edi­fi­ci e del­le atti­vi­tà pro­dut­ti­ve e com­mer­cia­li, set­to­ri con alta inten­si­tà di occu­pa­zio­ne”. Cioè “su tec­no­lo­gie matu­re e dispo­ni­bi­li che garan­ti­sco­no una rapi­da ridu­zio­ne del­le emis­sio­ni a effet­to ser­ra, tec­no­lo­gie che atten­do­no solo di esse­re utilizzate”.

Tut­to que­sto acca­de in un silen­zio poli­ti­co irrea­le. L’unico sog­get­to che al momen­to ha pre­so posi­zio­ne, in sen­so ugual­men­te con­tra­rio, è Legam­bien­te. Pos­si­bi­le con­cor­da e fa sue le pun­tua­li osser­va­zio­ni cri­ti­che del Prof. Bal­za­ni, rite­nen­do che ben dif­fi­cil­men­te si arri­ve­rà, come da pro­gram­ma regio­na­le, all’azzeramento del­le emis­sio­ni cli­mal­te­ran­ti entro il 2050, e al pas­sag­gio al 100% di ener­gie rin­no­va­bi­li entro il 2035, con un pro­get­to che va in sen­so dia­me­tral­men­te oppo­sto, e vie­ne giu­sti­fi­ca­to, al soli­to, con i pre­sun­ti posti di lavo­ro (che sareb­be­ro ugual­men­te rica­va­bi­li da pro­get­ti sul­le rin­no­va­bi­li, come, appun­to, l’eolico). Auspi­chia­mo quin­di che il pro­get­to ven­ga fer­ma­to e che si ritor­ni al pro­gram­ma con­cor­da­to e vota­to dagli elet­to­ri. Emi­lia-Roma­gna Possibile

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.