Quale scuola per il futuro? – Dalle “competenze” alle “capabilities”

Rice­via­mo e dia­mo voce alla rispo­sta che un geni­to­re ha dato al con­tri­bu­to di Daf­ne Mure sul tema del­la riap­pro­pria­zio­ne del­la paro­la “com­pe­ten­za” nel­la scuola.
Per par­te­ci­pa­re al dibat­ti­to su que­sto e sugli altri con­tri­bu­ti del­la cam­pa­gna #Alla­ba­se­la­Scuo­la scri­vi a [email protected].


Ho tro­va­to mol­to inte­res­san­te il dibat­ti­to che Daf­ne Murè ha lan­cia­to sull’uso del ter­mi­ne “com­pe­ten­za” nel­la scuola.

Vi scri­vo per rispon­der­le, per­ché il suo con­tri­bu­to ci per­met­te di affron­ta­re una del­le doman­de che trop­po spes­so nel dibat­ti­to pub­bli­co rima­ne ine­va­sa: a cosa ser­ve la scuola?

A me pare che in que­sto momen­to in cui su tan­ti fron­ti abbia­mo biso­gno di ripar­ti­re da zero, que­sta sia una del­le doman­de che dav­ve­ro dob­bia­mo far­ci. Giu­sto un paio di cen­ni storici:

La scuo­la ita­lia­na post-uni­ta­ria, a par­ti­re dal­la rifor­ma Casa­ti ed inclu­den­do le suc­ces­si­ve rifor­me Cop­pi­no e Orlan­do, si dava come obiet­ti­vo quel­lo di costrui­re un siste­ma sco­la­sti­co nazio­na­le cen­tra­liz­za­to e sepa­ra­to da quel­lo reli­gio­so fino ad allo­ra pre­va­len­te e di fare usci­re dall’analfabetismo un inte­ro pae­se (non­ché, aggiun­ge­rei io, giu­sti­fi­ca­re anche eti­ca­men­te l’ordine socia­le del momento).

La scuo­la del­la rifor­ma gen­ti­lia­na (defi­ni­ta da Mus­so­li­ni “la più fasci­sta del­le rifor­me”) sem­bra­va rispon­de­re inve­ce alla neces­si­tà di for­gia­re una iden­ti­tà nazio­na­le di fat­to pri­ma ine­si­sten­te, e intro­du­ce infat­ti una for­te enfa­si sul­la lin­gua ita­lia­na (mar­gi­na­liz­zan­do le comu­ni­tà ger­ma­no­fo­ne e sla­vo­fo­ne) e ripri­sti­nan­do l’insegnamento del­la reli­gio­ne cattolica.

Dal dopo-guer­ra e fino ad oggi, la scuo­la ha cer­ca­to l’equilibrio tra una spin­ta all’apertura a vol­te pro­fon­da­men­te rivo­lu­zio­na­ria (a par­ti­re dall’esperienza di Don Mila­ni del­la scuo­la di Bar­bia­na, ma anche l’importanza posta ai pri­mi anni di svi­lup­po del bam­bi­no con l’istituzione del­la scuo­la mater­na sta­ta­le; o la rifor­ma uni­ver­si­ta­ria post ses­san­tot­ti­na) e un’altra spin­ta che potrem­mo defi­ni­re uti­li­ta­ri­sta in cui sem­bra che l’unico sco­po del­la scuo­la sia quel­lo di ali­men­ta­re il mer­ca­to del lavoro.

Le rifor­me più recen­ti, dal­la Morat­ti, alla Gel­mi­ni, fino alla 107 mi pare si inscri­va­no tut­te in que­sta ulti­ma pro­spet­ti­va tut­ta vol­ta alla costru­zio­ne di un “capi­ta­le uma­no” che sap­pia fare fron­te alle neces­si­tà del mer­ca­to e dell’economia. In que­sta logi­ca si inse­ri­sce il dibat­ti­to sul­le com­pe­ten­ze, inte­se come prin­ci­pa­le stru­men­to per l’accrescimento del capi­ta­le uma­no da cui deri­va l’enfasi posta sul­la valu­ta­zio­ne che ideal­men­te ser­ve pro­prio a misu­ra­re l’aumento di valo­re del capi­ta­le uma­no e aumen­tar­ne la spen­di­bi­li­tà nel mon­do del lavoro.

Dal­le “com­pe­ten­ze” alle “capa­bi­li­ties

Inve­ce che con­cen­trar­ci sul­le com­pe­ten­ze potrem­mo inve­ce lasciar­ci ispi­ra­re dal “Capa­bi­li­ty Approach” , svi­lup­pa­to da Amar­tya Sen nel cam­po del­lo svi­lup­po e adat­tar­lo alla scuo­la. In “Deve­lo­p­ment as Free­dom”.

Sen sostie­ne in modo con­vin­cen­te, che obiet­ti­vo e stru­men­to del­lo svi­lup­po dovreb­be esse­re la libertà. 

Lo svi­lup­po infat­ti non può esse­re con­si­de­ra­to come sem­pli­ce cre­sci­ta eco­no­mi­ca, ma piut­to­sto come rag­giun­gi­men­to di tut­te le liber­tà indi­vi­dua­li e socia­li che per­met­to­no alle sin­go­le per­so­ne di poter ave­re una vita sod­di­sfa­cen­te e che con­sen­ta a cia­scu­no di per­se­gui­re le pro­prie aspirazioni.

Sen defi­ni­sce la man­can­za di svi­lup­po come man­can­za di liber­tà e rico­no­sce allo stes­so tem­po la pos­si­bi­li­tà di rag­giun­ge­re le liber­tà indi­vi­dua­li come fon­da­men­ta­li per il rag­giun­gi­men­to anche del­lo svi­lup­po eco­no­mi­co e più in gene­ra­le del benes­se­re del­la società.

L’enfasi è quin­di posta sul­le per­so­ne e le capa­bi­li­ties sono iden­ti­fi­ca­te come l’insieme di capa­ci­tà e facol­tà di cui gli indi­vi­dui dovreb­be­ro dotar­si per otte­ne­re tali liber­tà.

La pos­si­bi­li­tà di ope­ra­re scel­te è ciò che ren­de effet­ti­va­men­te libe­ri e le capa­bi­li­ties di cui dovrem­mo dotar­ci sono per­ciò quel­le che pos­sa­no aiu­ta­re a rag­giun­ge­re tali liber­tà come per esem­pio quel­la del pen­sie­ro cri­ti­co, del­la crea­ti­vi­tà, del­la capa­ci­tà di col­la­bo­ra­re in squa­dra, quel­la di poter pro­va­re empa­tia, di poter­si espri­me­re pub­bli­ca­men­te, di sape­re affer­ma­re le pro­prie posi­zio­ne nel rispet­to di quel­le degli altri, quel­la del­la curio­si­tà e così via.

L’aspetto più con­vin­cen­te del­la trat­ta­zio­ne di Amar­tya Sen è pro­prio l’effetto posi­ti­vo che le liber­tà indi­vi­dua­li avreb­be­ro anche sul­la socie­tà nel suo insieme. 

Non è met­ten­do la scuo­la a ser­vi­zio del mer­ca­to che otter­rem­mo il meglio per le per­so­ne, ma ribal­tan­do il con­cet­to: met­ten­do al cen­tro le per­so­ne avrem­mo effet­ti posi­ti­vi anche sul mer­ca­to e la società.

Come tan­ti, per­so­nal­men­te subi­sco mol­to il fasci­no del siste­ma sco­la­sti­co fin­lan­de­se. Non cre­do che sia l’unico model­lo posi­ti­vo, ma mi sem­bra però che vada pro­prio in quel­la dire­zio­ne e che quin­di potreb­be esse­re un otti­mo pun­to di par­ten­za anche per una rifor­ma del nostro sistema.

La scuo­la non può fare altro che met­te­re al cen­tro gli stu­den­ti e le stu­den­tes­se, miran­do ad equi­pag­giar­li non tan­to di com­pe­ten­ze, ma di capa­bi­li­ties che li aiu­ti­no ad esse­re più libe­ri e libe­re e così facen­do ren­da­no più libe­ra tut­ta la società.

D.P.
Geni­to­re di una stu­den­tes­sa del­la Scuo­la Media Inferiore

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?