Ennesima morte in carcere: il Ministro della Giustizia risponda

#

Dalila si è uccisa appena dopo 4 ore dal suo ingresso nel carcere di Udine.

Dalila era una giovane transessuale: doveva solo scontare una pena o una mera custodia cautelare, non perdere la vita.

Schiacciato il principio di uguaglianza, perché una detenuta transessuale ha meno diritti a cagione della sua condizione.

Schiacciato il principio rieducativo e risocializzante della pena, perché il carcere diventa per alcune categorie vulnerabili di detenuti, come le persone transessuali, un luogo di ulteriore segregazione, stigma, discriminazione.

Calpestato il principio per cui nessuna pena deve consistere in un trattamento disumano e degradante, perché per una transessuale essere rinchiusa in una sezione maschile del carcere è di per sé una forma di tortura. Una questione allarmante visto che tutte le persone transessuali censite sono collocate in Sezioni Maschili senza che si tenga in alcuna considerazione la propria identità ed esponendole ad una serie di problematiche e discriminazioni aggiuntive rispetto agli altri detenuti.

Il numero dei suicidi nelle carceri italiane, che è arrivato a quota 31 dall’inizio dell’anno, è preoccupante e indicativo di un sistema fallimentare e incapace di garantire la dignità dei detenuti ma anche di tutti gli operatori carcerari, in primis della polizia penitenziaria.

La denuncia del sindacato SAPPE sulla vicenda di Udine chiarisce che forse il suicidio di Dalila si poteva evitare: personale insufficiente per una efficace sorveglianza e un decreto mai emanato certificano le responsabilità del Ministero della Giustizia.

La riforma dell’ordinamento penitenziario – finora osteggiata dal governo giallo-verde – deve necessariamente essere l’occasione per un intervento risolutivo anche su questa delicata materia che riguarda la dignità ed il rispetto dei diritti umani fondamentali ed inviolabili della persona.

Vorremmo sentire parole e impegni chiari dal nuovo inquilino di Via Arenula, perché oggi il carcere è un luogo in cui la Costituzione muore e con essa tante, troppe persone.

A questo deve necessariamente aggiungersi l’impegno a contrastare le discriminazioni multiple a cui sono soggette le persone in transizione in particolare per quanto riguarda il rispetto della propria identità di genere in ogni ambito e settore della vita pubblica, che sia in carcere, negli ospedali o nelle scuole e università.

Davide Serafin
Gianmarco Capogna
Andrea Maestri

  • 395
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati