Per una riappropriazione della parola “competenza”

La centralità delle competenze è qualcosa di molto diverso da quanto gran parte della politica, generalmente ignorante di didattica, scienza, educazione legislazione e realtà scolastica, ha narrato e rappresentato in questi ultimi anni

[vc_row][vc_column][vc_column_text]La socie­tà, la scuo­la, gli inse­gnan­ti dovreb­be­ro dare l’as­sal­to tut­ti insie­me alla dili­gen­za del­le “com­pe­ten­ze”: non per far­le a pez­zi, o sbra­nar­le in un regres­so gen­ti­lia­no all’in­fi­ni­to, ma per riap­pro­priar­se­ne e rida­re final­men­te un sen­so a quel­la paro­la, raf­fred­da­ta, buro­cra­tiz­za­ta, ormai distor­ta dagli usi più diver­si e stru­men­ta­li. Negli ulti­mi anni, data in pasto a visio­ni ‘azien­da­li­sti­che’ del­la gestio­ne del­la scuo­la pub­bli­ca e del rap­por­to fra scuo­la e società.

Il dibat­ti­to sul­le com­pe­ten­ze è pre-ber­lin­gue­ria­no: cioè pre­ce­den­te alla famo­sa leg­ge sul­l’Au­to­no­mia sco­la­sti­ca (1997–99). E’ dun­que un dibat­ti­to anti­co e impor­tan­te nel­la scuo­la del Nove­cen­to, simi­le a quel­lo sul­l’u­so del ter­mi­ne “rifor­mi­smo” o a quel­lo sul­la “cri­si del­la for­ma par­ti­to” o addi­rit­tu­ra a quel­lo sul­la “par­ti­to­cra­zia” (ter­mi­ne che risa­le al lon­ta­no 1946). Il con­cet­to di com­pe­ten­za’ ha un’o­ri­gi­ne nobi­le, intri­sa di sto­ria del­la cul­tu­ra didat­ti­ca e del­l’e­du­ca­zio­ne, non estra­nea nep­pu­re ad alcu­ne com­po­nen­ti del­l’im­pian­to cosid­det­to ‘gen­ti­lia­no’: a quan­to di idea­li­sti­co c’è in Gen­ti­le ripu­gne­reb­be infat­ti ogni nozio­ni­smo, se dav­ve­ro la con­trap­po­si­zio­ne è dive­nu­ta o è anco­ra quel­la fra ‘nozio­ni­smo’ e ‘com­pe­ten­ze’.

La que­stio­ne del­la cen­tra­li­tà del­le com­pe­ten­ze non può tra­sfor­mar­si in una kul­tur­kam­pf fra vec­chio e nuo­vo, fra pas­sa­to e futu­ro, sen­za rea­le ogget­to. Come­nio, nel­la Gran­de Didat­ti­ca (1657) dice­va: «Istrui­re bene la gio­ven­tù non vuol dire infar­ci­re le men­ti di una far­ra­gi­ne di paro­le, fra­si, sen­ten­ze, di opi­nio­ni rac­col­te dagli auto­ri, ma pro­cu­ra­re l’in­tel­li­gen­za del­le cose, cosic­ché da que­sta sca­tu­ri­sca­no come da fon­te ruscel­li e spun­ti­no come gem­me degli albe­ri, foglie, fio­ri, frut­ti». Furo­no paro­le rivo­lu­zio­na­rie in Età moder­na, che nes­su­no dovreb­be met­te­re in discus­sio­ne, né Gen­ti­le né la cosid­det­ta “didat­ti­ca per com­pe­ten­ze”. Lo stes­so vale per mol­ti pas­sag­gi de L’E­mi­lio di Rous­seau, le com­mo­ven­ti descri­zio­ni dei pro­gres­si del pic­co­lo ver­so l’au­to­no­mia, nel sape­re e nel saper fare.

In que­sto sen­so, essen­zia­le è comin­cia­re a ragio­na­re insie­me, sen­za reto­ri­ca. Una reto­ri­ca del­le com­pe­ten­ze pio­vu­ta dal­l’al­to, stru­men­ta­le, spes­so pri­va di con­te­nu­ti e mai accom­pa­gna­ta da risor­se, tal­vol­ta con il ricat­to ‘euro­pei­sta’, ha sfi­ni­to e con­trap­po­sto docen­ti, ope­ra­to­ri, crea­to con­te­se poli­ti­co-media­ti­che e incen­dia­to cam­pa­gne elet­to­ra­li. Dal­l’Eu­ro­pa giun­ge­va­no inve­ce, accan­to alla cen­tra­li­tà del­le com­pe­ten­ze, chia­re indi­ca­zio­ni sul­la neces­si­tà di inve­sti­men­ti strut­tu­ra­li nel­la scuola.

Nel con­te­sto del­la reto­ri­ca che ha accom­pa­gna­to rifor­me e inter­ven­ti in Ita­lia a pre­scin­de­re dal­la con­si­sten­za scien­ti­fi­co-cul­tu­ra­le e dal­le effet­ti­ve esi­gen­ze del siste­ma sco­la­sti­co, il discor­so sul­le com­pe­ten­ze si è risol­to trop­po di fre­quen­te in un aggra­vio buro­cra­ti­co a cari­co del­lo stes­so siste­ma di valu­ta­zio­ne: non se ne è auten­ti­ca­men­te limi­ta­to l’ar­bi­trio né si è posto argi­ne al cosid­det­to nozio­ni­smo, all’at­ti­tu­di­ne mne­mo­ni­ca e ripro­dut­ti­va rispet­to a con­te­nu­ti e sape­ri, anti­chi e nuo­vi. Ha spes­so demo­ti­va­to inse­gnan­ti e stu­den­ti ver­so sape­re e appren­di­men­to, con­tri­bui­to a spac­ca­re col­la­bo­ra­zio­ne e comu­ni­ca­zio­ne anzi­ché favorirla.

La reto­ri­ca ha con­fu­so i ter­mi­ni del pro­ble­ma, gli slo­gan, le Gri­da di bat­ta­glia di cui par­la­va il Pre­mio Nobel Canet­ti in Mas­sa e pote­re. Len­ta­men­te e sur­ret­ti­zia­men­te ha con­fu­sosape­ri” con “nozio­ni”, “nozio­ni” con “cono­scen­ze”, oppo­sto cono­scen­ze” a “com­pe­ten­ze” sen­za media­zio­ne, in nome del cam­bia­men­to o, all’op­po­sto, del­la tra­di­zio­ne. La let­te­ra­tu­ra didat­ti­ca intan­to pene­tra­va in modo acri­ti­co e uni­la­te­ra­le den­tro il lin­guag­gio sco­la­sti­co-buro­cra­ti­co, che si gon­fia­va di ter­mi­no­lo­gie sem­pre più lon­ta­ne dal­la com­pren­sio­ne del­le per­so­ne e per­fi­no degli addet­ti ai lavo­ri. Lon­ta­ne dal­la real­tà e dagli osta­co­li che la real­tà impo­ne, quan­do man­ca­no risor­se e spa­zi e mez­zi per agi­re, se man­ca un qua­dro coe­ren­te e uni­ta­rio.

La reto­ri­ca non ha scal­fi­to la dipen­den­za dal voto, spes­so inte­so come sem­pli­ce misu­ra­zio­ne. Fetic­cio ormai per inte­re gene­ra­zio­ni, ha acui­to vis­su­ti d’an­sia, logi­che per­for­ma­ti­ve e com­pe­ti­ti­ve, e cer­ta­men­te non ha inci­so su quel disa­gio gio­va­ni­le tra­sver­sa­le (ma anche in buo­na misu­ra ‘clas­si­sta’) cui la socie­tà e la scuo­la non rie­sce a rispon­de­re. In que­sto caso, l’am­bi­gui­tà del mon­do adul­to esal­ta, da un lato, la com­pe­ten­za come valo­riz­za­zio­ne del­le atti­tu­di­ni e dei biso­gni indi­vi­dua­li, dal­l’al­tro stan­dar­diz­za le com­pe­ten­ze stes­se, in una osses­sio­ne clas­si­fi­ca­to­ria che vor­reb­be garan­ti­re “qua­li­tà per tut­ti” e “meri­to”: in real­tà diso­rien­ta, allon­ta­na e para­liz­za.

La reto­ri­ca e il lin­guag­gio buro­cra­ti­co non han­no alte­ra­to ma spes­so rin­for­za­to quel dive­ni­rediplo­mi­fi­cio’ che si impu­ta da sem­pre alla scuo­la, come vizio capi­ta­le con­tro cui pro­por­re la pro­pria ricet­ta inno­va­ti­va e rifor­mi­sti­ca. Han­no esal­ta­to di vol­ta in vol­ta ele­men­ti dif­fe­ren­ti, in ritar­do rispet­to alla stes­sa evo­lu­zio­ne del dibat­ti­to inter­na­zio­na­le: dal­la que­stio­ne del­le com­pe­ten­ze lin­gui­sti­che o digi­ta­li, all’in­gle­se, alla ste­ri­le oppo­si­zio­ne fra aree uma­ni­sti­che e aree tec­ni­co-scien­ti­fi­che, alla bagar­re sul­la fun­zio­ne didat­ti­ca vir­tuo­sa e ogget­ti­van­te del­la “for­ma test”, d’o­gni spe­cie. We don’t teach to test, la pro­te­sta degli inse­gnan­ti ame­ri­ca­ni già all’i­ni­zio del Ven­tu­ne­si­mo secolo.

In sin­te­si, entro la pura reto­ri­ca in cui è sta­ta usa­ta, quel­la ter­mi­no­lo­gia sem­bra aver nuo­ciu­to a se stes­sa, come fos­se una neo­lin­gua uti­le sol­tan­to al tec­ni­co o al poli­ti­co che è in gra­do di mani­po­lar­la a pro­prio uso e con­su­mo. Biso­gna tor­na­re indie­tro, allo­ra, cioè biso­gna anda­re oltre.

Che cos’è la com­pe­ten­za? Cosa sono le “com­pe­ten­ze”, al di là del­le decli­na­zio­ni tec­ni­che dei qua­dri e del­la nor­ma­ti­va euro­pea di rife­ri­men­to, al di là del­le Indi­ca­zio­ni per il cur­ri­co­lo del Mini­stro Gel­mi­ni, al di là del­le elen­ca­zio­ni e dei con­ti­nui richia­mi nei docu­men­ti del­le rifor­me, nel­le cir­co­la­ri mini­ste­ria­li, nei dibat­ti­ti tele­vi­si­vi, nel­le ‘tem­pe­ste’ sui social, negli eser­ci­zi dei nuo­vi libri di testo, negli aggior­na­men­ti offer­ti dal mer­ca­to cul­tu­ra­le, nei nuo­vi pos­si­bi­li stru­men­ti digi­ta­li? Sopra ogni cosa, come rea­liz­zar­le, in qua­li situa­zio­ni, con­te­sti, secon­do qua­li prospettive? 

Che ini­zi un dibat­ti­to serio. La didat­ti­ca per com­pe­ten­ze o meglio la cen­tra­li­tà del­le com­pe­ten­ze e la pos­si­bi­li­tà stes­sa di met­ter­le al cen­tro è altra cosa da ciò che è avve­nu­to dopo il 1999: nono­stan­te le sue pro­fon­de cri­ti­ci­tà, la leg­ge sul­l’Au­to­no­mia sco­la­sti­ca è sta­ta oltre­tut­to lascia­ta in balia di se stes­sa. La cen­tra­li­tà del­le com­pe­ten­ze è qual­co­sa di mol­to diver­so da quan­to gran par­te del­la poli­ti­ca, gene­ral­men­te igno­ran­te di didat­ti­ca, scien­za, edu­ca­zio­ne legi­sla­zio­ne e real­tà sco­la­sti­ca, ha nar­ra­to e rap­pre­sen­ta­to in que­sti ulti­mi anni: è tut­ta da rea­liz­za­re, da spe­ri­men­ta­re e ana­liz­za­re, al di fuo­ri di ingiun­zio­ni poli­ti­che, buro­cra­ti­che o for­mu­le sal­vi­fi­che, con risor­se, stru­men­ti, buon sen­so, rispet­to, civil­tà e collaborazione.

Non sap­pia­mo e non pos­sia­mo defi­ni­re in due paro­le quel­l’enor­me cam­po e dibat­ti­to che è ad oggi la que­stio­ne del­le com­pe­ten­ze e del pas­sag­gio dal­l’ap­pren­di­men­to alla com­pe­ten­za. Non ne sarem­mo nep­pu­re capa­ci. Un esem­pio ripor­ta­to da Ber­nard Rey può solo esse­re di sti­mo­lo per ini­zia­re a par­lar­ne seria­men­te. La mag­gior par­te dei bam­bi­ni (set­te anni di età, Bel­gio, 2012) ha dif­fi­col­tà a risol­ve­re il seguen­te pro­ble­ma a loro sot­to­po­sto: il pic­co­lo Vic­tor ha 7 euro. Vuo­le com­prar­si un gio­cat­to­lo che costa 12 euro. Quan­to dena­ro deve chie­de­re ai suoi geni­to­ri? Lo stu­dio­so osser­va: «In que­sto sem­pli­ce pro­ble­ma si trat­ta per gli alun­ni di rico­no­sce­re qua­le fra le pro­ce­du­re che han­no auto­ma­tiz­za­to sia la più indi­ca­ta. E in que­sto non vi è nul­la di evi­den­te, soprat­tut­to se la sot­tra­zio­ne è sta­ta pre­sen­ta­ta come ope­ra­zio­ne che con­si­ste nel toglie­re un cer­to nume­ro di ogget­ti da un insie­me. Infat­ti, se non si dispo­ne che di una tale rap­pre­sen­ta­zio­ne del­la sot­tra­zio­ne è dif­fi­ci­le vede­re per­ché potreb­be esse­re oppor­tu­no met­ter­la in atto in que­sto pro­ble­ma: Vic­tor non ha evi­den­te­men­te nul­la da sot­trar­re, ma al con­tra­rio deve aggiun­ger­vi qual­che cosa. Per esse­re com­pe­ten­ti in un domi­nio occor­re dispor­re di un cer­to nume­ro di “risor­se” fra le qua­li in pri­mo luo­go pro­ce­du­re auto­ma­tiz­za­te. Ma ciò non è suf­fi­cien­te».

La “com­pe­ten­za” quin­di, per­si­no alla luce dei suoi teo­ri­ci, non potrà mai esse­re né vuo­to di cono­scen­za né sem­pli­ce adde­stra­men­to: «una testa ben fat­ta», dice­va Edgar Morin.

Daf­ne Murè, comi­ta­to Scuo­la di Pos­si­bi­le[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.