Lega 5 Stelle, il cocktail di contraddizioni: dietro il “cambiamento” c’è la destra leghista

Un cocktail, uscito male, servito sul tavolo estivo degli italiani. Grandi opere, legittima difesa, spese militari: un intruglio di contraddizioni e di promesse tradite che non porta giovamento al Paese

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Un cock­tail, usci­to male, ser­vi­to sul tavo­lo esti­vo degli ita­lia­ni. Gran­di ope­re, legit­ti­ma dife­sa, spe­se mili­ta­ri: un intru­glio di con­trad­di­zio­ni e di pro­mes­se tra­di­te che non por­ta gio­va­men­to al Pae­se. Pro­du­cen­do un dop­pio effet­to: aumen­ta­re il tas­so di inaf­fi­da­bi­li­tà e spo­sta­re l’asse del gover­no sem­pre più a destra, con il Movi­men­to che cede su tut­ti i fron­ti. Il gover­no Lega 5 Stel­le si con­fer­ma quin­di un espe­ri­men­to che con­di­vi­de solo lo sti­le di slo­gan urla­ti, sem­pli­fi­ca­ti, e la richie­sta di “mas­si­ma dif­fu­sio­ne” sui social. Il resto, dichia­ra­zio­ni alla mano, è un mix di con­trap­po­si­zio­ni, che alla fine vede il Movi­men­to capi­to­la­re di fron­te ai dik­tat dell’alleato, la Lega di Mat­teo Sal­vi­ni. Die­tro il “cam­bia­men­to”, dun­que, c’è la destra. Quel­la fero­ce, quel­la leghista.

Le pri­me avvi­sa­glie sono arri­va­te con la mar­cia indie­tro inne­sta­ta dal­la mini­stra del­la Dife­sa, Eli­sa­bet­ta Tren­ta, sul­le spe­se mili­ta­ri. E in par­ti­co­la­re sugli F‑35. La nuo­va for­mu­la magi­ca, inau­gu­ra­ta pro­prio da Tren­ta, è “ana­li­si costi-bene­fi­ci”. Nien­te più can­cel­la­zio­ne del pro­gram­ma come annun­cia­to: si va avan­ti, come pre­te­so dai leghi­sti, che in mate­ria di disar­mo non sem­bra­no pro­pria­men­te inten­zio­na­ti ad asse­con­da­re il paci­fi­smo dei 5 Stel­le, sban­die­ra­to nei pri­mi anni di vita all’op­po­si­zio­ne. In que­sto caso nem­me­no è sta­to neces­sa­rio che Sal­vi­ni faces­se sen­ti­re la sua voce: il pas­so indie­tro è sta­to automatico.

Poi è toc­ca­to a un altro tema scot­tan­te, inse­ri­to addi­rit­tu­ra nel fami­ge­ra­to con­trat­to di gover­no: l’allargamento del­le maglie del­la legit­ti­ma dife­sa. Una rifor­ma che cela un anti­co sogno sal­vi­nia­no: la mag­gio­re dif­fu­sio­ne di armi nel­le case degli ita­lia­ni, così come avvie­ne in Sviz­ze­ra. Anche in que­sto caso il vice­pre­si­den­te del Con­si­glio, Lui­gi Di Maio, ha dimen­ti­ca­to quan­to pro­mes­so insie­me al suo (ex?) soda­le, Ales­san­dro Di Bat­ti­sta: dimi­nui­re la dispo­ni­bi­li­tà di pisto­le e fuci­li nel­le case dei cittadini.

Come pre­ve­di­bi­le, in segui­to, la discus­sio­ne è sta­ta spo­sta­ta su quel­la che per il M5S era la madre di tut­te le bat­ta­glie: lo stop ai lavo­ri del­la Tav. Il mini­stro del­le Infra­strut­tu­re, Dani­lo Toni­nel­li, ha det­to tut­to e il con­tra­rio di tut­to: pri­ma ha tro­va­to ripa­ro sot­to la for­mu­la “ana­li­si costi-bene­fi­ci”, dopo poche ore — sot­to la pres­sio­ne dei No Tav e di Pos­si­bi­le con Giu­sep­pe Civa­ti — ha cor­ret­to il tiro, mostran­do i musco­li: “Nes­su­no deve azzar­dar­si a fir­ma­re nul­la ai fini dell’avanzamento del­l’o­pe­ra. Lo con­si­de­re­re­mo come un atto osti­le. Que­sto gover­no, sta­te­ne cer­ti, ha mes­so fine alle man­gia­to­ie e ai comi­ta­ti d’af­fa­ri. Le ope­re si fan­no se ser­vo­no ai cit­ta­di­ni, non a chi le costrui­sce”. Paro­le che però sono sta­te smi­nui­te dal deus ex machi­na del gover­no, Gian­car­lo Gior­get­ti: “Tap e Tav sono ope­re fon­da­men­ta­li che si faran­no”. In linea con il suo lea­der Sal­vi­ni che ha garan­ti­to che i lavo­ri andran­no avanti.

Così entra in sce­na il Tap, il gasdot­to che dovreb­be arri­va­re in Salen­to. La mini­stra per il Sud, Bar­ba­ra Lez­zi, ha dovu­to bere l’amaro cali­ce del­la con­te­sta­zio­ne per la man­ca­ta pro­mes­sa sul­lo stop all’opera: il Movi­men­to, con Bep­pe Gril­lo e l’immancabile Di Bat­ti­sta, era sali­to sul­le bar­ri­ca­te, garan­ten­do di fer­ma­re tut­to appe­na arri­va­ti al gover­no. Sareb­be­ro basta­ti 15 gior­ni, dice­va­no. Di gior­ni ne sono pas­sa­ti mol­ti di più e l’unico cam­bia­men­to regi­stra­to è quel­lo del­le idee: al momen­to di tra­dur­le in pra­ti­ca, si sono sgon­fia­te come pal­lon­ci­ni di pro­pa­gan­da buca­ti. E infi­ne arri­va l’ultimo col­po ai 5 Stel­le: la rein­tro­du­zio­ne del­le ele­zio­ni per le Pro­vin­ce. La Lega, con una pro­po­sta di leg­ge sot­to­scrit­ta anche da Sal­vi­ni e dall’altro mini­stro Cen­ti­na­io, chie­de di nuo­vo di poter vota­re per gli Enti indi­ca­ti per anni come uno spre­co. Tan­to che i 5 Stel­le, nel 2014, ne chie­de­va­no una rea­le sop­pres­sio­ne per un rispar­mio sti­ma­to di 2 miliar­di di euro. Ora, in que­ste con­trad­di­zio­ne sha­ke­ra­te del gover­no del cam­bia­nien­te, biso­gne­rà spie­ga­re come si può con­vi­ve­re con chi vuo­le rie­su­ma­re le Pro­vin­ce. E ren­der­le esat­ta­men­te come pri­ma: ele­zio­ni com­pre­se. Insom­ma, il cock­tail sem­bra ave­re sem­pre più un retro­gu­sto ama­ro per il Movi­men­to. Un sapo­re di destra desti­na­to ad avver­tir­si anco­ra di più con la pros­si­ma Leg­ge di Bilan­cio.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.