Qual è la colpa di una donna che subisce violenza?

Se a tutti noi, educatori, professionisti, artisti, attivisti, eccetera, spetta il compito di osservare e interpretare il tessuto sociale, alla politica spetta invece l’obbligo morale di trovare una soluzione alla violenza di genere, che in Italia è diventato un fenomeno dai numeri preoccupanti, troppo per essere considerato un Paese civile. 

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Qual è la col­pa di una don­na che subi­sce vio­len­za? Aver bacia­to il rospo sba­glia­to? Ave­re mes­so l’abito sba­glia­to? Ave­re det­to o fat­to la cosa sba­glia­ta? 

La col­pa del­le don­ne vit­ti­me di vio­len­za è esse­re figlie, e a vol­te incon­sa­pe­vol­men­te madri, di una cul­tu­ra patriar­ca­le, cioè quel siste­ma socia­le e cul­tu­ra­le in cui si ritie­ne che il depo­si­ta­rio natu­ra­le del pote­re sia il padre, il maschio. 

E pri­ma anco­ra di mori­re per­ché fem­mi­na, la vio­len­za stri­scia sin den­tro la cul­la per accom­pa­gnar­ci duran­te la vita come una miglio­re ami­ca, tra i gesti e le paro­le di ogni gior­no. 

Così, se da bam­bi­na vuoi gio­ca­re a cal­cio non ti è per­mes­so “per­ché tu sei fem­mi­na quin­di non sei capa­ce”; se subi­sci com­men­ti inop­por­tu­ni sul cor­po che cre­sce e cam­bia, la respon­sa­bi­li­tà è “cer­ta­men­te” del­la tua gon­na trop­po cor­ta o del carat­te­re espan­si­vo; se hai suc­ces­so nel­lo stu­dio e nel lavo­ro, non è il risul­ta­to di pas­sio­ne e sacri­fi­cio ma per­ché hai “cer­ta­men­te” aper­to la cami­cet­ta… 

Tut­to ciò, men­tre la pub­bli­ci­tà mostra il cor­po fem­mi­ni­le come mer­ce da insca­to­la­re, le testa­te gior­na­li­sti­che rac­con­ta­no di don­ne come “pata­te bol­len­ti” e ai col­lo­qui di lavo­ro, anzi­chè ana­liz­za­re qua­li com­pe­ten­ze abbia­mo acqui­si­to dal­la dif­fi­col­tà di svol­ge­re la pro­fes­sio­ne di esse­re uma­no, doven­do dimo­stra­re di esse­re due vol­te più bra­ve rispet­to all’uomo, la doman­da di rito sarà sem­pre se voglia­mo diven­ta­re moglie e madri.  

In tal modo, goc­cia dopo goc­cia, il vele­no del­la cul­tu­ra patriar­ca­le tra­sfor­ma la discri­mi­na­zio­ne sul­le don­ne da vio­len­za silen­te in mani­fe­sta, fino alla “nor­ma­li­tà” del fem­mi­ni­ci­dio, sen­za dimen­ti­ca­re di resti­tuir­ne la respon­sa­bi­li­tà alla don­na stes­sa. Così oltre al dan­no anche la beffa!

Signo­re mie, come uscia­mo “vive” da que­sta sub-cul­tu­ra? 

Un uni­co cor­do­ne fat­to di digni­tà e corag­gio, di stu­dio e com­pe­ten­za attra­ver­sa l’impresa di miglio­ra­re le con­di­zio­ni di vita dell’essere don­na: dal bas­so all’alto, dal­la stra­da alla scuo­la, dai flash mob ai pro­get­ti edu­ca­ti­vi, dal­le cam­pa­gne di sen­si­bi­liz­za­zio­ne alle pro­po­ste di leg­ge.  

E se a tut­ti noi, edu­ca­to­ri, pro­fes­sio­ni­sti, arti­sti, atti­vi­sti, ecce­te­ra, spet­ta il com­pi­to di osser­va­re e inter­pre­ta­re il tes­su­to socia­le, alla poli­ti­ca spet­ta inve­ce l’obbligo mora­le di tro­va­re una solu­zio­ne alla vio­len­za di gene­re, che in Ita­lia è diven­ta­to un feno­me­no dai nume­ri pre­oc­cu­pan­ti, trop­po per esse­re con­si­de­ra­to un Pae­se civi­le. 

Qual­co­sa è sta­to fat­to, in ter­mi­ni di finan­zia­men­ti per gli spor­tel­li di ascol­to, per la rete anti­vio­len­za; nell’ultima finan­zia­ria del­la Regio­ne Sici­lia è sta­to insti­tui­to il “Red­di­to di Liber­tà” con cui sono sta­ti finan­zia­ti 200.000 euro per il soste­gno del­le don­ne vit­ti­me di vio­len­za. 

Ma si trat­ta di prov­ve­di­men­ti tem­po­ra­nei che non sono suf­fi­cien­ti ad argi­na­re que­sta pia­ga socia­le. 

L’inserimento all’interno di “cate­go­rie pro­tet­te” leg­ge 68/99 del­le don­ne vit­ti­me di vio­len­za che deci­do­no di intra­pren­de­re un per­cor­so di pro­te­zio­ne da par­te del­lo Sta­to, per­met­te­reb­be loro di usci­re dal­la con­di­zio­ne di dipen­den­za e sud­di­tan­za psi­co­lo­gi­ca, ave­re la garan­zia di entra­re nel mer­ca­to del lavo­ro anche in età avan­za­ta e di auto soste­ner­si con il pro­prio lavo­ro, il che favo­ri­reb­be un’importante rico­stru­zio­ne dell’autostima e del­la digni­tà del­la per­so­na vio­la­ta. 

Con Pos­si­bi­le, che van­ta tra le sue bat­ta­glie la resti­tu­zio­ne dei dirit­ti ai cit­ta­di­ni ita­lia­ni e la lot­ta con­tro le disu­gua­glian­ze di tut­te e tut­ti gli esse­ri uma­ni, voglia­mo far­ci pro­mo­to­ri di un tavo­lo tec­ni­co tra le asso­cia­zio­ni che si occu­pa­no di que­sto feno­me­no, coin­vol­gen­do anche la signo­ra Lidia Vivo­li, che tem­po fa lan­ciò una peti­zio­ne rag­giun­gen­do cir­ca 44mila fir­me, al fine di veri­fi­ca­re la fat­ti­bi­li­tà del­la pro­po­sta e dar­le segui­to. 

Nel­la spe­ran­za che i nostri figli, pos­sa­no vive­re in un con­te­sto cul­tu­ra­le e socia­le in cui i siste­mi del­le “quo­te” e di “pro­te­zio­ne” sia­no supe­ra­ti dal rispet­to e dal rico­no­sci­men­to reci­pro­co tra tut­ti gli esse­ri uma­ni. 

Lui­sa Chiarandà[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.